Un tipico piatto del lago di Como, sfizioso e ricco che racchiude sapori e tradizioni lombarde

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: il riso al pesce persico di Menaggio
Fri, 13 Apr 2018

Ricetta: il riso al pesce persico di Menaggio

Se siete alla ricerca di un piatto unico, ricco e gustoso, il riso al pesce persico è quello che fa per voi. Questo risotto, dalla semplice preparazione, tipico del borgo di Menaggio e delle vicine zone lacustri, racchiude i sapori e la tradizione lombarda: da una parte per la presenza del risotto, vero rappresentante della cucina di questa regione, dall’altra per il pesce persico di lago, impanato e fritto. Il persico di lago è un pesce diffuso nel lago di Como, nel Ceresio e in altri laghi della Brianza. Il persico di lago, a differenza del persico rosato, non è proprio facile da reperire in tutte le pescherie, quindi, se non trovate questa qualità di pesce, vi consigliamo alternative dalla carne morbida e delicata. Questo piatto tradizionale veniva preparato nei giorni di festa ed oggi, grazie al suo gusto ed alla sua tipicità, ha raggiunto anche cucine più importanti.

Ingredienti

Per 4 persone

  • 5 pesci persici
  • 100 gr. di burro
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipolla
  • Salvia
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 400 gr di riso
  • 100 gr di farina bianca
  • 1 limone
  • poco prezzemolo tritato
  • sale 

Procedimento

Iniziamo sfilettando i pesci conservando lische e teste. Prepariamo il brodo unendo all’acqua, le verdure, le lische e le teste dei pesci sfilettati. Una volta pronto, filtriamo il brodo che useremo per la cottura del riso. In una pentola tostiamo il riso, sfumiamolo con il vino bianco e versiamoci, più del doppio del suo volume, il brodo. Cuociamo il riso per 20 minuti mescolandolo ai primi bollori e abbassando la fiamma dopo aver coperto la pentola. Durante la cottura del riso infariniamo i filetti di pesce e friggiamoli in burro e salvia.

Una volta pronto il riso, serviamolo nei piatti e versiamoci sopra il burro fuso usato per friggere i filetti. Terminiamo il piatto adagiandovi sopra i filetti fritti e spruzziamo il tutto con delle gocce di limone e del prezzemolo.
In abbinamento a questo piatto consigliamo un bianco lombardo secco con una vena acidula, come un Franciacorta.

...Buon appetito!

Foto principale di Denis Bulichenko - routes.tips

Eventi


Notizie correlate

Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato