Uno dei piatti della tradizione della Valle del Serrapotamo. Una pasta fresca ottenuta da un mix di farine e da gustarsi con un sugo acquoso come si faceva in passato. Un primo piatto adatto anche a palati vegani.
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: i Rasckatiell di miskiglio del borgo di Teana

Fri, 16 Feb 2018
Ricetta: i Rasckatiell di miskiglio del borgo di Teana

PIATTO ADATTO A VEGANI

Se visitate il Parco Nazionale del Pollino, più precisamente la Valle del Serrapotamo, verrete sicuramente a conoscenza di un piatto tradizionale che stuzzicherà la vostra curiosità. I Rasckatiell di miskiglio (o rasckatielli di miskiglio) sono una pasta fresca, fatta a mano, composta dall’unione di due farine (miskiglio - miscuglio): una di grano tenero della varietà Carosella, e l’altra di fave o favullo. Pur non essendoci testimonianze scritte ma solo orali, sembra che questo piatto sia nato intorno al 1600 proprio nel borgo lucano di Teana. Il nome deriva dal “raschiare” l’impasto sulla spianatoia ricavando dei cilindri e poi “strisciandoli” con le dita sulla spianatoia dando alla pasta la sua forma tradizionale. Questo è un piatto semplice che veniva definito “di tutti i giorni” il quale veniva preparato dalle donne del paese al ritorno dal lavoro nei campi. Per valorizzare questo piatto tipico, la Pro Loco di Teana promuove diversi progetti di riscoperta e valorizzazione attraverso lavori di ricerca e analisi portati avanti da molti anni. Ma veniamo alla preparazione!

Ingredienti

Per la pasta:

  • 1 kg di farina composta da…
    • 1/3 farina di fave
    • 2/3 farina di grano tenero
  • acqua q.b.

Per il sugo:

  • 1 kg di pomodorini
  • 1 spicchio di aglio
  • olio q.b
  • sale q.b
  • peperone dolce secco q.b.

Procedimento

La preparazione dell’impasto viene fatto per persona (na iunt – due pugni) nella proporzione di un terzo di farina di fave e due terzi di farina di grano tenero. Iniziamo setacciando insieme le due farine su una spianatoia, facciamo un buco al centro del mix di farine e versiamoci l’acqua. Amalgamiamo il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo e non troppo molle.

Stendiamo l’impasto con le mani ricavandone dei cilindri che taglieremo e “strisceremo” (o strascineremo) uno ad uno sulla spianatoia, fino ad ottenere la forma caratteristica, tanto da permettere che si “accuppulino” sulla mano.

Prepariamo ora il sugo che, secondo la tradizione, deve essere “scind scind” ovvero acquoso, come fosse una zuppa, in modo da permettere al piatto di essere gustato col cucchiaio e poi col pane.

Bolliamo la pasta e scoliamola. Uniamola al sugo e serviamola.


Guardando questo video dalla Pro Loco di Teana sui Rasckatiell di miskiglio, vi auguriamo buon appetito!

Foto di Francesca Lagala - rasckatiellidimiskiglio.it

COMMENTI :

Eventi a Teana

  • San Biagio
    Dal 08-08-2020 Al 09-08-2020 | Teana (PZ)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-08-08 2020-08-09 Europe/Rome San Biagio Teana

    Borgo di Teana

  • La Giornata della Mietitura e il ballo delle Gregne
    Dal 08-08-2020 Al 09-08-2020 | Teana (PZ)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-08-08 2020-08-09 Europe/Rome La Giornata della Mietitura e il ballo delle Gregne Teana

    Borgo di Teana


Notizie correlate

Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione

Piú letti del mese

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
La Finlandia è un paesaggio composto per il 10% da laghi, un luogo in cui si possono compiere esperienze autentiche nella natura e scoprire borghi tipici disseminati in ambiente singolare.
By Nicoletta Toffano
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di