La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Ricetta: i peperoni alla Ficandò di Alessano


Venerdì 19 gennaio 2018

Un piatto semplice e povero, marchio della tradizione alessanese, protagonista di una delle più sentite sagre del salento.

Condividi
Ricetta: i peperoni alla Ficandò di Alessano

PIATTO ADATTO A VEGANI

Con Ficandò si intende il tradizionale modo di preparare i peperoni nel borgo di Alessano. Non si conosce esattamente la natura del nome con il quale si definisce questo piatto. Infatti sembra che il termine Ficandò provenga da oltre i confini pugliesi e molto probabilmente lo si deve ad uno dei molti popoli che hanno conquistato nei secoli il territorio. Nella sua essenzialità è un piatto decisamente gustoso e particolare. Si tratta di peperoni fritti, meglio se piccanti, cotti con cipolla, pomodoro, tassativamente del territorio salentino, e foglie di basilico, che vanno a condire fette di pane fatto in casa, bruschette o frise. Ad Alessano, che della Ficandò ha fatto non solo un ottimo piatto ma quasi un marchio di riconoscimento, ogni 4 agosto dal 2009, si svolge la Sagra della Ficandò, un appuntamento molto sentito dove poter assaggiare il piatto preparato dalle abili massaie del borgo e dove poter assaporare al 100% la tradizione salentina grazie ai numerosi eventi musicali e culturali organizzati dalla Pro Loco. Per gustare meglio i peperoni alla Ficandò consigliamo dell’ottimo vino bianco, naturalmente d’Alessano.

Pronti a cucinare?

Ingredienti

  • kg. 1 Peperoni verdi (a piacere piccanti) 
  • gr. 500 Pomodori, meglio se di Morciano di Leuca

  • gr. 200 Passata di pomodoro

  • gr. 250 Cipolla di Alessano 
  • gr. 300 Olio extravergine di oliva 
  • Sale q.b.

Procedimento

Iniziamo pulendo i peperoni privandoli dei semi e dei filamenti interni, e tagliandoli a listarelle. Friggiamoli in abbondante olio di oliva. Versiamo 100 grammi di olio in un’altra pentola e riscaldiamo. Cuociamo a fuoco lento la cipolla tagliata alla julienne, e aggiungiamo i pomodori, privati dei semi e tagliati a tocchetti, e la passata di pomodoro. Portiamo il tutto a bollore e a metà cottura aggiungiamo i peperoni fritti. Lasciamo cuocere a fiamma moderata fino a quasi totale restringimento del sugo e regoliamo di sale.

Lasciamo raffreddare prima di portare in tavola. La Ficandò va gustato con pane di grano fatto in casa o con delle frise di grano d’orzo.

...Buon appetito!

Condividi
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950