Oggi prepareremo un dolce tipico della tradizione umbra che ha leggendarie radici medievali
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: il Torciglione umbro, dolce tipico delle feste

Ricetta: il Torciglione umbro, dolce tipico delle feste

PIATTO ADATTO A VEGANI

Il Torciglione umbro è un dolce tipico delle feste natalizie e lo si può trovare sulle tavole di moltissime famiglie. Questa specialità a base di mandorle, ha origini molto antiche, quasi leggendarie, e la sua forma attorcigliata richiamerebbe la ciclicità dell'anno che muore e rinasce.

Sembra che le antiche popolazioni pagane della zona del Trasimeno avessero l'abitudine di preparare un pandolce votivo con pinoli e miele in occasione del solstizio d'inverno.

Il nome "torciglione" dovrebbe avere origini medievali ma sembra che in origine veniva chiamato "anguilla del lago" dalle monache di Isola Maggiore del Trasimeno. Gli anziani del posto raccontano una storia secondo la quale il dolce nacque durante una visita di alti prelati del papa che, giunti di venerdì dopo un lungo viaggio invernale, avrebbero dovuto mangiare magro ma, non avendo a dispozione nessun tipo di pesce, la monaca cuciniera improvvisò una ricetta con ciò che aveva in dispensa, dandogli la forma di una anguilla. Sempre nel medioevo, il torciglione avrebbe rappresentato il serpente dell'apocalisse che veniva sconfitto tagliando e mangiando il dolce.

Un torciglione che si rispetti, grazie al suo valore simbolico, prevede oltre alla tipica forma ad anguilla, una serie di guarnizioni di pinoli o mandorle applicati lungo il corpo che ne simulano le squame, e due ciliegine candite a rappresentarne gli occhi.

La preparazione è molto semplice e il risultato assicurato.
Pronti? iniziamo.

Ingredienti

  • 500 gr di farina di mandorle
  • 250 gr di zucchero a velo
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di brandy o rum
  • 80 gr di farina 00
  • scorza di 1 limone
  • mandorle, pinoli, uva passa

Procedimento

Scaldiamo il forno a 160 gradi. Sgusciamo le uova e separiamo i tuorli dagli albumi. Montiamo i bianchi delle uova a neve ben ferma e sbattiamo i rossi insieme allo zucchero a velo, alla scorza di limone e al liquore.

Uniamo la farina di mandorle alla farina 00 e ai tuorli montati mescolando bene. Aggiungiamo gradualmente gli albumi e impastiamo bene il tutto aiutandoci con una spatola.

Rivestiamo una teglia con della carta da forno e posizioniamo il nostro impasto, con le mani umide, dandogli una forma a spirale, che ricordi quella di un serpente. Sempre con le mani modelliamo la testa, decoriamo il corpo con le mandorle e i pinoli ed applichiamo 2 chicchi di uva passa come occhi.

Cuociamo il dolce in forno caldo a 160 gradi per 40 minuti fino ad ottenere una superficie ben dorata. Prima di servire il torciglione lasciamolo raffreddare bene.

...Buon appetito e buone feste!

Foto da taccuinistorici.it

Eventi a Castiglione del Lago


Notizie correlate

Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Una zuppa di pesce che proprio una zuppa non è. Il Boreto a la Graisana è un piatto tipico, delizioso e speziato che esalta il sapore del pesce
By Redazione
Ricetta: Brosega di Paciano
Ricetta: Brosega di Paciano
Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
By Redazione
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
By Redazione
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione

Piú letti del mese

Castel Savoia, una residenza da favola
Castel Savoia, una residenza da favola
Ai piedi del Monte Rosa, nei pressi di Gressoney-Saint-Jean, sorge l'antica villa della Regina Elisabetta, che in Valle d'Aosta trascorse molte estati, tra escursioni, scalate e amore per la botanica
By Joni Scarpolini
Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
Un'imperdibile carrellata di concerti ed eventi musicali per gli amanti dei borghi e del buon sound
By Redazione
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
By Redazione
e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
La nostra rivista digitale lancia una rubrica dedicata alle opere di grandi artisti che, con il loro talento creativo, ci raccontano il mondo dei borghi e dei paesaggi
By Redazione
Caltagirone esiste! Non è Mark, ma un borgo...
Caltagirone esiste! Non è Mark, ma un borgo...
Si trova in Sicilia, in provincia di Catania, ed è famoso per la Scalinata di Santa Maria del Monte e le sue splendide ceramiche
By Stefano De Bernardi
Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Una zuppa di pesce che proprio una zuppa non è. Il Boreto a la Graisana è un piatto tipico, delizioso e speziato che esalta il sapore del pesce
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di