Oggi prepareremo un dolce tipico della tradizione umbra che ha leggendarie radici medievali

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: il Torciglione umbro, dolce tipico delle feste

Ricetta: il Torciglione umbro, dolce tipico delle feste

PIATTO ADATTO A VEGANI

Il Torciglione umbro è un dolce tipico delle feste natalizie e lo si può trovare sulle tavole di moltissime famiglie. Questa specialità a base di mandorle, ha origini molto antiche, quasi leggendarie, e la sua forma attorcigliata richiamerebbe la ciclicità dell'anno che muore e rinasce.

Sembra che le antiche popolazioni pagane della zona del Trasimeno avessero l'abitudine di preparare un pandolce votivo con pinoli e miele in occasione del solstizio d'inverno.

Il nome "torciglione" dovrebbe avere origini medievali ma sembra che in origine veniva chiamato "anguilla del lago" dalle monache di Isola Maggiore del Trasimeno. Gli anziani del posto raccontano una storia secondo la quale il dolce nacque durante una visita di alti prelati del papa che, giunti di venerdì dopo un lungo viaggio invernale, avrebbero dovuto mangiare magro ma, non avendo a dispozione nessun tipo di pesce, la monaca cuciniera improvvisò una ricetta con ciò che aveva in dispensa, dandogli la forma di una anguilla. Sempre nel medioevo, il torciglione avrebbe rappresentato il serpente dell'apocalisse che veniva sconfitto tagliando e mangiando il dolce.

Un torciglione che si rispetti, grazie al suo valore simbolico, prevede oltre alla tipica forma ad anguilla, una serie di guarnizioni di pinoli o mandorle applicati lungo il corpo che ne simulano le squame, e due ciliegine candite a rappresentarne gli occhi.

La preparazione è molto semplice e il risultato assicurato.
Pronti? iniziamo.

Ingredienti

  • 500 gr di farina di mandorle
  • 250 gr di zucchero a velo
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di brandy o rum
  • 80 gr di farina 00
  • scorza di 1 limone
  • mandorle, pinoli, uva passa

Procedimento

Scaldiamo il forno a 160 gradi. Sgusciamo le uova e separiamo i tuorli dagli albumi. Montiamo i bianchi delle uova a neve ben ferma e sbattiamo i rossi insieme allo zucchero a velo, alla scorza di limone e al liquore.

Uniamo la farina di mandorle alla farina 00 e ai tuorli montati mescolando bene. Aggiungiamo gradualmente gli albumi e impastiamo bene il tutto aiutandoci con una spatola.

Rivestiamo una teglia con della carta da forno e posizioniamo il nostro impasto, con le mani umide, dandogli una forma a spirale, che ricordi quella di un serpente. Sempre con le mani modelliamo la testa, decoriamo il corpo con le mandorle e i pinoli ed applichiamo 2 chicchi di uva passa come occhi.

Cuociamo il dolce in forno caldo a 160 gradi per 40 minuti fino ad ottenere una superficie ben dorata. Prima di servire il torciglione lasciamolo raffreddare bene.

...Buon appetito e buone feste!

Foto da taccuinistorici.it

Eventi


Notizie correlate

Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato