Un ottimo piatto della tradizione specialmente indicato per le fredde giornate invernali.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: La Cisrà. Una zuppa di trippa e ceci tipica delle Langhe
Sat, 09 Dec 2017

Ricetta: La Cisrà. Una zuppa di trippa e ceci tipica delle Langhe

La Cisrà è un piatto tipico della zona delle Langhe in Piemonte a base di ceci e trippa. Questa zuppa anticamente veniva preparata con ceci scuri di origine mediorientale. Oggi si preferiscono i ceci nostrani, molto più gustosi. Questo piatto povero ha origini molto antiche e si racconta che durante le feste dedicate ai santi, questo piatto veniva distribuito, ancora caldo e fumante, ai fedeli.

Ingredienti

  • 400g Trippa
  • 200g Ceci secchi
  • 1 Cipolla
  • 2 Porri
  • 2 Patate
  • 2 gambi di sedano
  • ½ Cavolo cappuccio
  • 1 Rametto di rosmarino
  • Pepe
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale

Procedimento

Iniziamo la sera prima mettendo i ceci in ammollo in una ciotola piena d’acqua. La mattina seguente scoliamo i ceci e lasciamoli asciugare su un canovaccio. Sbucciamo le patate e tagliamole a cubetti. Tagliamo a piccoli pezzi il cavolo cappuccio. Prendiamo una casseruole e versiamoci un filo d’olio extravergine di oliva e vi aggiungiamo la cipolla tritata e i due porri tagliati a rondelle. Uniamo il sedano tritato e il rosmarino. Cominciamo a far soffriggere la cipolla, il sedano e i porri fino a farli imbiondire. A questo punto aggiungiamo le patate a cubetti e il cavolo facendo rosolare il tutto per cinque minuti. Il cavolo dovrebbe rilasciare un po d’acqua, in caso contrario aggiungiamone un po per evitare che si bruci. Aggiungiamo ora la trippa tagliata a pezzi e i ceci. Riempiamo la casseruola con abbondante acqua e regoliamo di sale. Chiudiamo la casseruola e manteniamo a cottura per circa tre ore mescolando di tanto in tanto e controllando che l’acqua non si riduca troppo. In caso contrario aggiungiamone un po.
A fine cottura togliamo il coperchio e lasciamo asciugare a piacimento. Una volta pronta, serviamo la Cisrà ben calda, guarnendola con del rosmarino fresco e una buona grattata di pepe nero.

...Buon appetito!

Eventi


Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori