Una ricetta tipicamente invernale ma deliziosa anche con un clima più caldo. Una pizza di farina di granturco e verdure adatta anche ai vegetariani

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Pizz' e ffuje del borgo di Orsogna
Fri, 17 Nov 2017

Ricetta: Pizz' e ffuje del borgo di Orsogna

PIATTO ADATTO A VEGANI

Pizz' e ffuje, o Pizz e foje (anche chiamato pizz e minestr) è un piatto tipico di Orsogna e della zona di Chieti. Questa pizza di granoturco con verdure è basata su ingredienti semplici e genuini dal risultato non solo gustoso ma anche altamente salutare.

Essendo composto al 100% da vegetali, questo piatto conosciuto in tutto l'Abruzzo (con diverse varianti) è adatto ai palati vegetariani e seppur sia un piatto tipicamente invernale, è anche ottimo nella stagione calda.

Come altri piatti provenienti dalla tradizione dei borghi, la Pizz' e ffuje ha origini antiche ed è nato per recuperare gli avanzi della cucina.

Tradizionalmente, la pizza andrebbe cotta sotto il "coppo", ovvero un grosso tegame concavo di ferro, direttamente sulla pietra del camino. Oggi useremo un forno.

Pronti?

Ingredienti per 4 persone

  • 500gr di farina di granoturco
  • Acqua bollente q.b.
  • 1.5kg di verdura mista come indivia, cicoria, bietola, lattuga, cavolo cappuccio nero o bianco, cascegno
  • Patate
  • Olio
  • Sale
  • Peperoncino
  • Aglio

Procedimento

Iniziamo con il preparare la pizza di granturco dato che necessita più tempo di cottura. Impastiamo rapidamente la farina con un pizzico di sale e acqua bollente aiutandoci con una forchetta per non scottarci. Continuiamo ad aggiungere acqua e ad impastare finchè non otterremo una consistenza tipo quella del pane.
Stendiamo l'impasto su una teglia da forno oliata, tenendolo alto circa un centimetro.
Stendiamo un filo d'olio sulla superficie e inforniamo a 200 gradi per circa un'ora.

Mentre la pizza è in forno lessiamo le verdure e le patate che avremo precedentemente sbucciato e tagliato a grossi dischetti. Scoliamo e condiamo con un soffritto di aglio, peperoncino e sale.

Quando la pizza in forno risulta non eccessivamente croccante (ciavula-ciavula: friabile e ben cotta) frantumiamola nella verdura già condita e messa in una grossa scodella. La Pizz' e ffuje va servita caldissima!

La minestra avanzata si può riscaldare in padella con altro olio e questa prende il nome di li mijicalle (le briciole o molliche).

...Buon appetito!

Eventi a Orsogna


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi