Halloween si avvicina: ecco le nostre streghe! Le Streghe emiliane sono dei profumati fagottini di pasta, perfetti per accompagnare tutti i nostri piatti.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta di Halloween: le Streghe emiliane
Fri, 27 Oct 2017

Ricetta di Halloween: le Streghe emiliane

PIATTO ADATTO A VEGETARIANI

Halloween si avvicina: ecco le nostre streghe! Le Streghe emiliane sono dei profumati fagottini di pasta, perfetti per accompagnare tutti i nostri piatti. Questi meravigliosi fagottini a base di farina, olio extravergine d’oliva e strutto sono croccanti ed estremamente appaganti: perfetti da accompagnare con formaggi, salumi, ma anche con le verdure.

Come molte delle cose più buone, la ricetta delle Streghe emiliane nasce per caso, quando i forni venivano scaldati con la legna e i fornai, per provare la temperatura, mettevano dentro una striscia di pasta unta d’olio. Le Streghe sono anche molto semplici da realizzare, e si conservano molto bene per giorni, basta metterle in una scatola di latta. Se si ammosciano un pò, basta passarle per qualche minuto nel forno caldo e tornano croccanti.

Ingredienti

300 g di farina 0
30 g di strutto a temperatura ambiente
15 g di lievito di birra fresco (o 4 g di lievito di birra disidratato)
sale
poco olio extravergine d’oliva per pennellare le streghe

Procedimento

- Diluire il lievito in 150 ml di acqua tiepida.
- Setacciare la farina sulla spianatoia, faccio la fontana e ci verso il lievito diluito e lo strutto a fiocchetti.
- Impastare energicamente per qualche minuto e unire un cucchiaio raso di sale quando la pasta ha preso corpo. Impasto ancora qualche minuto, poi formo una palla e la metto in una ciotola infarinata.
- Coprire la ciotola con un panno umido piegato in quattro e faccio lievitare in luogo tiepido fino al raddoppio (un’ora abbondante).
- Staccare un pezzo di pasta (circa un terzo), appiattirla un po’ con le mani e passarla alla macchinetta per la pasta attraverso lo spessore più largo.
- Infarinare leggermente la striscia di pasta, raddoppiarla e passarla di nuovo al primo spessore, poi via via attraverso tutti gli altri, fino al quarto per ottenere una striscia di pochi mm (la striscia di pasta va raddoppiata solo la prima volta).
- Ritagliarla a rombi con la rotella dentata e, via via che sono pronti, sistemarla su due placche rivestite di cartaforno (nella foto, su un foglio di silpat).
- Accendere il forno regolando il termostato a 200°. Pennellare le streghe con l’olio e le spolverare con un pizzichino di sale.
- Passare la prima placca nel forno arrivato a temperatura e fare cuocere le streghe per 10 minuti. Con il calore del forno si gonfiano come cuscinetti e, una volta fredde, sono piacevolmente croccanti.

Notizie correlate

Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi