Halloween si avvicina: ecco le nostre streghe! Le Streghe emiliane sono dei profumati fagottini di pasta, perfetti per accompagnare tutti i nostri piatti.
 
CERCA PER ZONA

Ricetta di Halloween: le Streghe emiliane

Fri, 27 Oct 2017
Ricetta di Halloween: le Streghe emiliane

PIATTO ADATTO A VEGETARIANI

Halloween si avvicina: ecco le nostre streghe! Le Streghe emiliane sono dei profumati fagottini di pasta, perfetti per accompagnare tutti i nostri piatti. Questi meravigliosi fagottini a base di farina, olio extravergine d’oliva e strutto sono croccanti ed estremamente appaganti: perfetti da accompagnare con formaggi, salumi, ma anche con le verdure.

Come molte delle cose più buone, la ricetta delle Streghe emiliane nasce per caso, quando i forni venivano scaldati con la legna e i fornai, per provare la temperatura, mettevano dentro una striscia di pasta unta d’olio. Le Streghe sono anche molto semplici da realizzare, e si conservano molto bene per giorni, basta metterle in una scatola di latta. Se si ammosciano un pò, basta passarle per qualche minuto nel forno caldo e tornano croccanti.

Ingredienti

300 g di farina 0
30 g di strutto a temperatura ambiente
15 g di lievito di birra fresco (o 4 g di lievito di birra disidratato)
sale
poco olio extravergine d’oliva per pennellare le streghe

Procedimento

- Diluire il lievito in 150 ml di acqua tiepida.
- Setacciare la farina sulla spianatoia, faccio la fontana e ci verso il lievito diluito e lo strutto a fiocchetti.
- Impastare energicamente per qualche minuto e unire un cucchiaio raso di sale quando la pasta ha preso corpo. Impasto ancora qualche minuto, poi formo una palla e la metto in una ciotola infarinata.
- Coprire la ciotola con un panno umido piegato in quattro e faccio lievitare in luogo tiepido fino al raddoppio (un’ora abbondante).
- Staccare un pezzo di pasta (circa un terzo), appiattirla un po’ con le mani e passarla alla macchinetta per la pasta attraverso lo spessore più largo.
- Infarinare leggermente la striscia di pasta, raddoppiarla e passarla di nuovo al primo spessore, poi via via attraverso tutti gli altri, fino al quarto per ottenere una striscia di pochi mm (la striscia di pasta va raddoppiata solo la prima volta).
- Ritagliarla a rombi con la rotella dentata e, via via che sono pronti, sistemarla su due placche rivestite di cartaforno (nella foto, su un foglio di silpat).
- Accendere il forno regolando il termostato a 200°. Pennellare le streghe con l’olio e le spolverare con un pizzichino di sale.
- Passare la prima placca nel forno arrivato a temperatura e fare cuocere le streghe per 10 minuti. Con il calore del forno si gonfiano come cuscinetti e, una volta fredde, sono piacevolmente croccanti.

Notizie correlate

Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Una zuppa di pesce che proprio una zuppa non è. Il Boreto a la Graisana è un piatto tipico, delizioso e speziato che esalta il sapore del pesce
By Redazione
Ricetta: Brosega di Paciano
Ricetta: Brosega di Paciano
Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
By Redazione
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
By Redazione
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione

Piú letti del mese

Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Castel Savoia, una residenza da favola
Castel Savoia, una residenza da favola
Ai piedi del Monte Rosa, nei pressi di Gressoney-Saint-Jean, sorge l'antica villa della Regina Elisabetta, che in Valle d'Aosta trascorse molte estati, tra escursioni, scalate e amore per la botanica
By Joni Scarpolini
Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
Un'imperdibile carrellata di concerti ed eventi musicali per gli amanti dei borghi e del buon sound
By Redazione
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
By Redazione
Ricetta: Brosega di Paciano
Ricetta: Brosega di Paciano
Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
By Redazione
e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
La nostra rivista digitale lancia una rubrica dedicata alle opere di grandi artisti che, con il loro talento creativo, ci raccontano il mondo dei borghi e dei paesaggi
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di