Olio d'oliva del Garda DOP: tutta la meraviglia di un'olio dall'aroma delicato ma persistente. Una materia prima amata ed estremamente rara che cresce attorno al lago di Garda.

 
CERCA PER ZONA

Olio extravergine d'oliva del Garda DOP: gentilezza e carattere dalle rive del lago
Tue, 24 Oct 2017

Olio extravergine d'oliva del Garda DOP: gentilezza e carattere dalle rive del lago

L'olio d'oliva italiano, si sa, rappresenta una delle più grandi ricchezze del nostro territorio, comparabile per complessità olfattiva, qualità e attenzione produttiva solamente ai nostri vini migliori. Oggi andiamo a conoscere un olio d'oliva un po' speciale, un'eccellenza del nostro territorio che nasce sulle rive del lago di Garda: l’Olio Extra Vergine di Oliva del Garda DOP.

Un colore delicato, avvolgente ed elegante, come il territorio nel quale cresce. Il primo impatto con questa eccellente materia prima non può che essere visivo: la differenza tra questa varietà di olio extravergine e gli oli più robusti e strutturati non potrebbe essere più lampante. Gli aggettivi che più facilmente si sposano all'olio del Garda DOP sono i seguenti: fresco, gentile, delicato, fruttato. Una gentilezza che si accompagna ad una grande personalità, un carattere che accompagna degnamente i grandi piatti del terriorio: anguilla, pesci di lago, tortelli ripieni e molte altre prelibatezze, sostanziose e dal sapore particolarmente deciso.

La produzione di quest'olio è sostanzialmente piccola, e perciò ancora più preziosa, basti pensare che non raggiunge nemmeno l'1% della produzione nazionale.

I frantoi sul lago di Garda sono piccole imprese a conduzione familiare, alcune molto antiche, altre più recenti, unite da una forte convinzione ed una continua costante riconferma dell’eccellenza qualitativa di Olio DOP Garda.
Qui, come in altre Regioni di Italia, esistono imprese giovani che lavorano bene e che con il proprio lavoro innalzano giorno dopo giorno l’immagine dell’ Olio Italiano nel mondo.

OLIO DOP: COSA SIGNIFICA?

L'olio di Garda DOP è un prodotto di nicchia, monitorato costantemente dal proprio Consorzio e da un Ente Certificatore in base ad un disciplinare di produzione, uno dei più restrittivi a livello nazionale, approvato dal Reg. CE 2081/92. Il disciplinare serve a fissare le varietà di olive ammesse, l’iscrizione degli uliveti , la delimitazione delle zone di produzione, la produzione massima per ettaro, i parametri chimici ed organolettici.
L’Ente Certificatore stabilisce il piano dei controlli per l’ammissibilità del prodotto alla Denominazione di Origine Protetta (DOP) e le modalità di commercializzazione.

ASPETTO E SAPORI INCONFONDIBILI

Dopo aver monitorato ogni passaggio della produzione ed estrazione dell'Olio DOP Garda, l'ultima parola passa attraverso gli occhi e il gusto, attraverso quindi l'analisi organolettica effettuata da un gruppo di assaggiatori esperti. Tale valutazione si chiude con l'assegnazione all'olio di un punteggio.
Solo gli oli che hanno una valutazione superiore o uguale a sette possono fregiarsi della dicitura Dop.

ANALISI SENSORIALE DELL'OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA "GARDA BRESCIANO" DOP

Colore : dal verde al giallo
Odore : di fruttato leggero o medio
Sapore : Fruttato con leggera sensazione di amaro e piccante, retrogusto di mandorla
Acidità : non superiore a grammi 0.6 per 100 gr di olio Punteggio al Panel test : >=7.00
Numero di Perossidi : <=12 Meq02/Kg
Acido oleico : >=74%

Sensazioni aromatiche olfattive che si possono ritrovare
nell’olio extravergine di oliva “Garda Bresciano” Dop

Acerbo - erbe aromatiche come la mentuccia, la salvia, il rosmarino - fiori - foglia fresca - mandorla - pinolo - mela - banana - vaniglia - pomodoro - lattuga - carciofo. 

Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi