Oggi scopriamo i "Ferrazzuoli alla Nannarella” dal borgo di Furore. Un piatto molto amato da Anna Magnani, semplice e magico, che lascia cantare le migliori materie prime.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Ferrazzuoli alla Nannarella di Furore
Fri, 29 Sep 2017

Ricetta: Ferrazzuoli alla Nannarella di Furore

Può un borgo contenere tutta la passione e la meraviglia di una storia d’amore? Per noi sì, soprattutto quando si tratta del borgo di Furore. In questo bel borgo campano, nella metà degli anni ’40 si consumò la grande passione tra il regista Roberto Rossellini e Anna Magnani, attrice dal carisma e sensualità tutta italiana. Durante le riprese del film Amore, i due amavano rifugiarsi presso la storica Hostaria di Bacco, e ordinare il piatto preferito dalla Magnani, i “Ferrazzuoli alla Nannarella”, affettuoso soprannome dell’attrice. La pasta utilizzata è quella di Gragnano fatta “al ferretto”, cui si aggiunge il pesce spada affumicato tagliato a dadini e la polpa di pomodorini “del piennolo”, essiccati naturalmente al sole. Pinoli, uva passa, rucola, aglio, peperoncino e olio extra-vergine contribuiscono a creare in questo primo piatto uno straordinario connubio fra sapori e profumi.

Questo piatto è divenuto oramai celebre, e a pieno diritto: la sua bontà e la sua storia ispirano ancora oggi molta passione e romanticismo. Ecco come realizzarli nelle nostre cucine:

Ingredienti

...per 4 persone

  • 500 g di pesce spada fresco meglio se ventresca
  • 1 spicchio d’aglio
  • 30 g di uvetta
  • 30 g di pinoli
  • 200 g di pomodorini del piennolo
  • 350 g di ferrazzuoli di Gragnano (oppure fusilli lunghi / scialatielli)
  • 1 mazzetto di rucola
  • 1 pezzetto di peperoncino piccante
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe

Procedimento

In una larga padella fate imbiondire l’aglio con il peperoncino nell’olio poi unite i pomodorini tagliati a metà i pinoli e l’uvetta e il pesce spada tagliato a dadini, cuocendo a fuoco vivo per qualche minuto.

Nel frattempo lessate la pasta al dente in acqua bollente salata, poi versatela nella padella con il sugo unendo anche la rucola – tranne qualche fogliolina. Fate saltare brevemente, unendo se necessario un filo d’olio evo e servite immediatamente distribuendovi sopra le restanti foglie di rucola.

...Buon appetito!

Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori