Una ricetta semplice, veloce e sostanziosa: perfetta per contrastare i primi freddi autunnali. Parola d’ordine: le migliori materie prime e voglia di scoprire nuovi sapori!
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Ricetta: Zuppa con fontina Dop e pane nero di Etroubles

Fri, 22 Sep 2017
Ricetta: Zuppa con fontina Dop e pane nero di Etroubles

Se si pensa al bel borgo di Etroubles, in Val D’Aosta, la nostra immaginazione vola immediatamente alle montagne di incredibile bellezza, i boschi e alle piccole, tipiche abitazioni immerse in quest’atmosfera bucolica.

Oggi, per salutare l’Equinozio d’Autunno, vi proponiamo una ricetta che sa già di lunghe passeggiate nei boschi ed evoca i primi freddi. Protagonista indiscussa del piatto tipico del borgo di Etroubles è la Fontina, formaggio Dop fabbricato con latte intero di mucca di razza valdostana. Le fontine d’alpeggio, in particolare, più ricche di gusto e profumi, sono celebrate come le migliori della Valle d’Aosta, grazie ai pascoli incontaminati e alla perizia dei casari.

Ma passiamo a presentare il piatto: La zuppa con fontina e pane nero, molto simile alla vicina zuppa valpellinese.

 

Ingredienti

  • la metà di un piccolo cavolo verza
  • un litro di brodo di carne
  • 300 g circa di pane di segale
  • 300 g di Fontina valdostana Dop
  • 50 g di burro
  • cannella in polvere

Procedimento

Sfogliare la verza, lavarla e tagliarla a strisce scartando contemporaneamente le coste centrali più grosse. Mettere sul fuoco il brodo e, appena bolle, unire la verza e farla bollire dolcemente per una mezz’ora fino a quando è molto tenera.

Tagliare il pane a fette di un cm scarso e tagliare a fettine sottili anche la fontina. Imburrare una pirofila e foderare il fondo con le fette di pane, poi coprire il pane con un bello strato di fontina; fare in tutto sei strati, 3 di pane e altrettanti di fontina, e terminare con questa. Fra uno strato e l’altro distribuire anche un po’ di verza tirandola su dal brodo.

Ora versare lentamente su tutto il brodo bollente, un mestolo alla volta per dare il tempo al pane di imbeversi bene. Infine distribuire sulla superficie il burro fuso e spolverare con un pizzico di cannella.

Lasciare riposare per una decina di minuti e poi passare la zuppa nel forno a 200° per circa 40 minuti, fino a quando la superficie diventa leggermente dorata. Servire calda.

...buon appetito!

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Un dolce tipico della tradizione viterbese che ricorda i famosi “cantucci” ma che si differenziano per l’uso delle nocciole tostate
By Redazione
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Un percorso enogastronomico che seduce le papille gustative, andando alla scoperta dei migliori parchi d'Italia
By Renata Giolli
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Le sfogliatelle di Lama dei Peligni sono decisamente le dirette discendenti delle note sfogliatelle napoletane
By Redazione

Piú letti del mese

La vecchia Grosseto, l’antico cuore della Maremma toscana
La vecchia Grosseto, l’antico cuore della Maremma toscana
L’antico centro della città tra piazze, edifici storici, chiese e strade dove passeggiare e acquistare. Tra le prelibatezze i salumi ed i formaggi locali, i pici all’amatriciana ed il cinghiale. Tra i dolci i cantuccini con il Vin Santo.
By Luca Sartori
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
Un itinerario oltreconfine che saprà regalare momenti indimenticabili tra mare, natura, relax, andando alla scoperta di 5 borghi della Corsica
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di