Una ricetta semplice, veloce e sostanziosa: perfetta per contrastare i primi freddi autunnali. Parola d’ordine: le migliori materie prime e voglia di scoprire nuovi sapori!

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Zuppa con fontina Dop e pane nero di Etroubles
Fri, 22 Sep 2017

Ricetta: Zuppa con fontina Dop e pane nero di Etroubles

Se si pensa al bel borgo di Etroubles, in Val D’Aosta, la nostra immaginazione vola immediatamente alle montagne di incredibile bellezza, i boschi e alle piccole, tipiche abitazioni immerse in quest’atmosfera bucolica.

Oggi, per salutare l’Equinozio d’Autunno, vi proponiamo una ricetta che sa già di lunghe passeggiate nei boschi ed evoca i primi freddi. Protagonista indiscussa del piatto tipico del borgo di Etroubles è la Fontina, formaggio Dop fabbricato con latte intero di mucca di razza valdostana. Le fontine d’alpeggio, in particolare, più ricche di gusto e profumi, sono celebrate come le migliori della Valle d’Aosta, grazie ai pascoli incontaminati e alla perizia dei casari.

Ma passiamo a presentare il piatto: La zuppa con fontina e pane nero, molto simile alla vicina zuppa valpellinese.

 

Ingredienti

  • la metà di un piccolo cavolo verza
  • un litro di brodo di carne
  • 300 g circa di pane di segale
  • 300 g di Fontina valdostana Dop
  • 50 g di burro
  • cannella in polvere

Procedimento

Sfogliare la verza, lavarla e tagliarla a strisce scartando contemporaneamente le coste centrali più grosse. Mettere sul fuoco il brodo e, appena bolle, unire la verza e farla bollire dolcemente per una mezz’ora fino a quando è molto tenera.

Tagliare il pane a fette di un cm scarso e tagliare a fettine sottili anche la fontina. Imburrare una pirofila e foderare il fondo con le fette di pane, poi coprire il pane con un bello strato di fontina; fare in tutto sei strati, 3 di pane e altrettanti di fontina, e terminare con questa. Fra uno strato e l’altro distribuire anche un po’ di verza tirandola su dal brodo.

Ora versare lentamente su tutto il brodo bollente, un mestolo alla volta per dare il tempo al pane di imbeversi bene. Infine distribuire sulla superficie il burro fuso e spolverare con un pizzico di cannella.

Lasciare riposare per una decina di minuti e poi passare la zuppa nel forno a 200° per circa 40 minuti, fino a quando la superficie diventa leggermente dorata. Servire calda.

...buon appetito!

Eventi a Etroubles


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi