Né dolci né salati, questi fagottini sono una vera sorpresa per il palato: un mix di sapori che non lascia spazio alle mezze misure. I calcioni si possono amare, odiare.. ma non lasciano indifferenti!
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Calcioni di Serra San Quirico

Ricetta: Calcioni di Serra San Quirico

PIATTO ADATTO A VEGETARIANI

Appartenenti alla tradizione gastronomica marchigiana dell’entroterra, i calcioni di Serra San Quirico sono una sfiziosità di nicchia, poco conosciuta anche nello stesso territorio marchigiano, ad eccezione del territorio di Ascoli Piceno e nei  pressi di Serra San Quirico, in provincia di Ancona.

Che vogliate chiamarli “piconi”, come in uso nell’ascolano oppure “calcioni” come in uso a Serra San Quirico, il risultato non cambia. Vi troverete di fronte a dei piccoli fagottini che ricordano la forma di un vulcano, con un odore e un sapore unico e inimitabile, dovuto alle note aggressive e piccanti del pecorino e a quelle gentili speziate della scorza di limone. Difficile classificare questa piccola meraviglia nelle categorie di “dolce” o “salato”, perché in effetti è entrambe le cose.

Il nostro consiglio è quello di lasciare da parte ogni schema e preconcetto e lasciarvi andare ai sensi...

Ingredienti

Per il ripieno:

  • mezzo chilo di pecorino stagionato
  • 400 gr di parmigiano
  • 200 gr di borghetto
  • 10/11 uova intere (1 per ogni etto di formaggio)
  • 400gr di zucchero
  • 4 limoni (da aggiungere per provare il tipico gusto dolce di quelli di Serra San Quirico)

Per per la sfoglia:

  • 1 chilo di farina (circa)
  • 6 uova
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • mezzo bicchiere di olio di semi

Procedimento

Per il ripieno, in una terrina si impastano i vari ingredienti – i formaggi vanno grattugiati – con le uova e si lascia riposare l’impasto per una mezz’ora in frigo.

La sfoglia invece la si prepara disponendo la farina a fontana (con un buco al centro) su una spianatoia di legno e mettendo nella “fontana” le uova, l’olio e il vino. Si impasta fino ad ottenere una massa consistente ma morbida che va fatta riposare anch’essa un oretta in frigo avvolta nella pellicola.

Poi, tirate la sfoglia con la macchina fino ad uno spessore di circa 1 mm (penultimo scatto), la si stende e si mettono delle palline di composto di ripieno (a secondo di come volete grande il vostro calcione) al centro; si piega la sfoglia a metà, e la si schiaccia con le dita attorno alla pallina in modo che diventi aderente al ripieno. Infine si taglia con una ruota dentata con una forma di raviolo: un consiglio non lasciate tantissimo bordo tra il ripieno e il taglio della sfoglia.

Una volta realizzati i vostri dolci/salati, spennellateli con tuorlo d’uovo e con delle forbici, effettuate un taglio a croce sulla sommità in modo che in cottura si faciliti la fuoriuscita del ripieno, poneteli direttamente in forno ( su teglie dove avete messo la carta da forno) a 160/170° per circa 20 minuti: guardate la cottura, devono diventare dorati e il ripieno deve iniziare a fuoriuscire dalla sfoglia. Lasciateli raffreddare prima di consumarli.

...buon appetito!

COMMENTI :

Eventi a Serra San Quirico


Notizie correlate

Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione

Piú letti del mese

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
La Finlandia è un paesaggio composto per il 10% da laghi, un luogo in cui si possono compiere esperienze autentiche nella natura e scoprire borghi tipici disseminati in ambiente singolare.
By Nicoletta Toffano
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di