Né dolci né salati, questi fagottini sono una vera sorpresa per il palato: un mix di sapori che non lascia spazio alle mezze misure. I calcioni si possono amare, odiare.. ma non lasciano indifferenti!
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Ricetta: Calcioni di Serra San Quirico

Ricetta: Calcioni di Serra San Quirico

PIATTO ADATTO A VEGETARIANI

Appartenenti alla tradizione gastronomica marchigiana dell’entroterra, i calcioni di Serra San Quirico sono una sfiziosità di nicchia, poco conosciuta anche nello stesso territorio marchigiano, ad eccezione del territorio di Ascoli Piceno e nei  pressi di Serra San Quirico, in provincia di Ancona.

Che vogliate chiamarli “piconi”, come in uso nell’ascolano oppure “calcioni” come in uso a Serra San Quirico, il risultato non cambia. Vi troverete di fronte a dei piccoli fagottini che ricordano la forma di un vulcano, con un odore e un sapore unico e inimitabile, dovuto alle note aggressive e piccanti del pecorino e a quelle gentili speziate della scorza di limone. Difficile classificare questa piccola meraviglia nelle categorie di “dolce” o “salato”, perché in effetti è entrambe le cose.

Il nostro consiglio è quello di lasciare da parte ogni schema e preconcetto e lasciarvi andare ai sensi...

Ingredienti

Per il ripieno:

  • mezzo chilo di pecorino stagionato
  • 400 gr di parmigiano
  • 200 gr di borghetto
  • 10/11 uova intere (1 per ogni etto di formaggio)
  • 400gr di zucchero
  • 4 limoni (da aggiungere per provare il tipico gusto dolce di quelli di Serra San Quirico)

Per per la sfoglia:

  • 1 chilo di farina (circa)
  • 6 uova
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • mezzo bicchiere di olio di semi

Procedimento

Per il ripieno, in una terrina si impastano i vari ingredienti – i formaggi vanno grattugiati – con le uova e si lascia riposare l’impasto per una mezz’ora in frigo.

La sfoglia invece la si prepara disponendo la farina a fontana (con un buco al centro) su una spianatoia di legno e mettendo nella “fontana” le uova, l’olio e il vino. Si impasta fino ad ottenere una massa consistente ma morbida che va fatta riposare anch’essa un oretta in frigo avvolta nella pellicola.

Poi, tirate la sfoglia con la macchina fino ad uno spessore di circa 1 mm (penultimo scatto), la si stende e si mettono delle palline di composto di ripieno (a secondo di come volete grande il vostro calcione) al centro; si piega la sfoglia a metà, e la si schiaccia con le dita attorno alla pallina in modo che diventi aderente al ripieno. Infine si taglia con una ruota dentata con una forma di raviolo: un consiglio non lasciate tantissimo bordo tra il ripieno e il taglio della sfoglia.

Una volta realizzati i vostri dolci/salati, spennellateli con tuorlo d’uovo e con delle forbici, effettuate un taglio a croce sulla sommità in modo che in cottura si faciliti la fuoriuscita del ripieno, poneteli direttamente in forno ( su teglie dove avete messo la carta da forno) a 160/170° per circa 20 minuti: guardate la cottura, devono diventare dorati e il ripieno deve iniziare a fuoriuscire dalla sfoglia. Lasciateli raffreddare prima di consumarli.

...buon appetito!

COMMENTI :

Eventi a Serra San Quirico


Notizie correlate

Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Un dolce tipico della tradizione viterbese che ricorda i famosi “cantucci” ma che si differenziano per l’uso delle nocciole tostate
By Redazione
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Un percorso enogastronomico che seduce le papille gustative, andando alla scoperta dei migliori parchi d'Italia
By Renata Giolli
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Le sfogliatelle di Lama dei Peligni sono decisamente le dirette discendenti delle note sfogliatelle napoletane
By Redazione

Piú letti del mese

La vecchia Grosseto, l’antico cuore della Maremma toscana
La vecchia Grosseto, l’antico cuore della Maremma toscana
L’antico centro della città tra piazze, edifici storici, chiese e strade dove passeggiare e acquistare. Tra le prelibatezze i salumi ed i formaggi locali, i pici all’amatriciana ed il cinghiale. Tra i dolci i cantuccini con il Vin Santo.
By Luca Sartori
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
Un itinerario oltreconfine che saprà regalare momenti indimenticabili tra mare, natura, relax, andando alla scoperta di 5 borghi della Corsica
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di