Con questa ricetta accantoniamo per una volta i fornelli per prepararci all’arrivo dell’autunno con il Bargnolino, un liquore tipico della tradizione parmense e piacentina.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Il Bargnolino, il digestivo delle province di Parma e Piacenza
Sat, 26 Aug 2017

Ricetta: Il Bargnolino, il digestivo delle province di Parma e Piacenza

Il Bargnolino è un liquore tipico delle province di Parma e Piacenza che deve il suo nome al suo ingrediente principale: le bacche della pianta Prunus Spinosa, un arbusto selvatico dai rami spinosi e dai tipici frutti blu, chiamato volgarmente prugnolo o pruno spino, detto nel dialetto piacentino bargnò.

Si tratta di una bevanda alcolica e digestiva dal gusto intenso, da assaporare con molta moderazione e una buona dose di lentezza. La sua preparazione comincia a fine settembre con la raccolta delle bacche, che in questo periodo raggiungono il livello di maturazione ideale per produrre il liquore. La tipica espressione locale “andare per bargnoli” racchiude in sé i gesti, i colori ed i profumi della tradizione, nonché l’attesa che la bevanda richiede per acquisire il caratteristico sapore prima di arrivare in tavola, ed allude al clima stagionale, caratterizzato da nebbie e atmosfere fatate, con il primo freddo che incalza portando con sé i colori d’autunno.

Esistono infiniti modi di fare il Bargnolino, a seconda degli aromi aggiunti e delle recette che vengono gelosamente custodite e tramandate di generazione in generazione dalle famiglie della zona, che ancora oggi preparano il liquore a casa propria seguendo il consiglio dei nonni. Però, abbiamo scovato per voi una variante della località piacentina del Monte Penice (Bobbio). Se volete preparare un buon Bargnolino insieme a noi, non vi resta che seguire questa ricetta che, ahimè, richiederà un bel po’ di attesa, ma saprà indubbiamente ripagarvi del vostro sforzo:

Ingredienti

  • 1 kg di bacche di pruno spino
  • 500 gr di zucchero
  • 1 litro (circa) di alcool puro a 95°
  • 350 ml (circa) di vino Gutturnio superiore fermo DOC
  • 1 stecca di cannella
  • Grappa bianca (facoltativo)

        Procedimento

        Per prima cosa si lavano le bacche e, dopo averle sciugate, si mettono in grossi vasi di vetro o damigiane insieme allo zucchero. Dopodiché si ricopre il tutto con l’alcool e si lascia il composto in infusione per 50- 60 giorni, avendo cura di agitare per bene i contenitori ogni 2 giorni.

        In seguito, si tolgono le bacche, per poi aggiungere il vino nero insieme alla stecca di cannella e si lascia il tutto in infusione ancora per una quindicina di giorni. Al termine dei quindici giorni, si filtra il tutto con un panno di lino e il Bargnolino è pronto. Se volete, dato che l’infusione delle bacche e l’aggiunta di vino abbassa di molto la gradazione alcolica, potete correggerla aggiungendo della grappa bianca (circa 1/6 rispetto alla quantità totale di liquore) per raggiugere una gradazione di circa 40°.

         

        ...Cin cin!

        Eventi a Bobbio


        Notizie correlate

        Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
        Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
        Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
        In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
        La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
        Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
        By Redazione
        Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
        Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
        By Luciana Francesca Rebonato
        e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

        Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi