Il pane di Triora, le streghe, il Museo etnografico e della stregoneria, il Bruss e i suggestivi caruggi

 
CERCA PER ZONA

Liguria: Triora, terra di pane e streghe.
Wed, 16 Aug 2017

Liguria: Triora, terra di pane e streghe.

E’ un fascino misterioso quello di Triora. Borgo millenario delle Alpi Liguri, dove dominano il silenzio e l’aria montana della valle Argentina, è da sempre luogo di passaggio e punto strategico dell’entroterra del Ponente ligure.

Incantevole centro medioevale, Triora è conosciuta anche per un importante processo di stregoneria che qui ebbe luogo tra il 1587 ed il 1589. Nota come il paese delle streghe, sprigiona per le sue strade tutta la sua magia ed il suo fascino.

Passeggiare per il borgo, inoltrarsi nei caruggi tra antiche case, volte ed archi scavati nella roccia, gradinate, oscuri passaggi, tenebrosi portici ed i caratteristici portali in pietra nera locale regala al visitatore emozioni e suggestioni.

Imperdibile, per chi di Triora vuole scoprire i suoi aspetti magici, una visita al Museo etnografico e della stregoneria, dove al percorso di scoperta della sua cultura contadina si unisce quello nei sotterranei, sede delle carceri, dov’è allestito il museo della stregoneria e dove sono ricostruite scene d’interrogatori, streghe intente nelle loro attività, oggetti e documenti. Poi c’è la parte archeologica, per ripercorrere la lunga storia del borgo.

Da vedere anche il forno comunale, la fontana Soprana, la chiesa di Santa Caterina, quella seicentesca di Sant’Agostino, che custodisce un gruppo ligneo della Madonna della misericordia, Piazza Tommaso Reggio dove sorgono palazzo Stella, per secoli centro del potere del borgo, e l’antica Collegiata, che custodisce il Battesimo di Cristo, dipinto di fine Trecento del senese Taddeo di Bartolo. Merita una visita anche la chiesa di San Bernardino che propone un bel ciclo d’affreschi quattrocenteschi.

Triora è però anche nota per il suo pane. Riconosciuto come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (PAT), il pane di Triora viene preparato con farina di grano tenero tipo 1, lievito di birra, sale, crusca alimentare e acqua. Dalla lunga conservabilità, è ottimo tagliato a fette e gustato con il Bruss, il formaggio tipico dell’entroterra imperiese.

Un tempo nota come il granaio della Repubblica di Genova, Triora aveva un unico forno comunale, in Vico del Forno, dove il pane veniva cotto per ogni famiglia una volta alla settimana. Anche oggi un solo panificio produce il pane di Triora, producendolo ancora in modo artigianale.

 

Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori