Questa ricetta gustosa del borgo di Radda in Chianti, in provincia di Siena, è una rivisitazione dei classici pici all'aglione della zona

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: i Pici all'Aglione di Radda in Chianti, Siena

Ricetta: i Pici all'Aglione di Radda in Chianti, Siena

PIATTO ADATTO A VEGETARIANI

Per la ricetta di questa settimana vi proponiamo un primo piatto semplice ma altrettanto gustoso. Stiamo parlando dei Pici all’Aglione e in particolare quelli preparati nel borgo di Radda in Chianti, in provincia di Siena. I pici, tipici proprio della Toscana, sono un tipo di pasta fatta a mano simili a degli spaghetti ma più larghi e di conseguenza ancora più consistenti; sono ottimi se accompagnati da un sugo di carne ma anche con una semplice crema di cacio o pecorino simile alla versione che vi faremo vedere oggi.
La ricetta è semplice infatti vengono utilizzati solo acqua, farina e pochissime uova, o anche nessuna per le altre varianti. La preparazione consiste nell’appiciare, cioè lavorare a mano la pasta tirandola fino a creare uno spaghetto lungo e corposo. Questa variante non utilizza il pomodoro, come andrebbe fatto per l’aglione normale, ma è condita con una gustosa crema agliata di pecorino, tipica proprio di questo borgo.

Ingredienti

Per la pasta:

  • Farina di frumento 800 gr
  • Uova 1-2
  • Olio evo
  • Sale

Per il condimento:

  • Aglio 8-10 spicchi
  • Pecorino stagionato 200 gr
  • Olio evo 2 cucchiai
  • Burro
  • Sale
  • Pepe nero

        Procedimento

        Iniziamo preparando la pasta disponendo la farina a fontana sulla spianatoia, versate quindi al centro le uova sbattute con un pizzico di sale e impastate, aggiungendo man mano un po’ di acqua tiepida fino ad ottenere un composto omogeneo. Dategli la forma di una palla e fatelo riposare almeno mezz’ora coperto da un canovaccio. Una volta riposata potrete stendere la pasta con il mattarello in una sfoglia non troppo sottile, strofinando con un po’ di olio il piano di lavoro, e iniziate quindi ad appiciare la sfoglia formando con il palmo delle mani tanti fili della grandezza di uno spaghetto, che infarinerete in modo che non si attacchino l’uno all’altro.
        Versate i pici in acqua salata e mentre cuociono tritate finemente gli spicchi d’aglio e fateli rosolare a fuoco molto lento in olio e una noce di burro. Quando l’aglio comincia ad essere dorato, fermate la rosolatura con un mestolo d’acqua di cottura. Ora potete scolare i pici, mantenendo un po’ di acqua, e versateli nella padella. Aggiungete il pecorino grattugiato e saltate ripetutamente il tutto fino a quando il formaggio non avrà creato una crema densa. Spolverate di pepe macinato al momento e il vostro piatto è pronto per essere servito.

         

        ...buon appetito!

        Eventi


        Notizie correlate

        Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
        Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
        By Redazione
        Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
        Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
        Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
        Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
        A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
        By Luciana Francesca Rebonato
        5 imperdibili borghi del vino
        Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
        By Luca Sartori