Per la ricetta di questa settimana vi proponiamo la variante vastese del brodetto di pesce, una zuppa tipica della Costa dei Trabocchi in Abruzzo, perfetta da gustare nelle giornate di bel tempo della stagione più calda dell’anno.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: il Brodetto di pesce della Costa dei Trabocchi

Ricetta: il Brodetto di pesce della Costa dei Trabocchi

La parte di costa adriatica che si estende da Ortona fino a Vasto, comprendendo anche il borgo di San Vito Chietino, chiamata la costa dei trabocchi, per via dei “baldacchini” - i trabocchi, appunto - costruiti sul litorale da dove vengono calate le reti, per poi rialzarle con il pescato del giorno, vanta una tradizione marinara e peschereccia secolare. Il fondale relativamente alto, le scogliere diffuse e gli areali marini molto diversi, infatti, offrono un habitat ideale per tantissime varietà di pesci, ingredienti fondamentali nella preparazione dei piatti tipici, espressione della tradizione locale.

In particolare oggi vi facciamo conoscere Il brodetto di pesce, un connubio perfetto tra pescato e ortaggi che unisce i frutti della terra a quelli del mare, esaltando al massimo le ricchezze del territorio.
Questa gustosa ricetta nasce come un “piatto di bordo”: i marinai preparavano il brodetto direttamente sulle loro paranze a fine giornata, quando, dopo aver venduto tutta la parte migliore del pescato, venivano consegnati loro i pesci rimasti, troppo piccoli o troppo poco appetibili per il mercato. In seguito, una volta risaliti in città, gli uomini scambiavano parte del pesce con pomodori e peperoni dei contadini.

La zuppa non manca mai nei ristoranti della zona e si declina in tantissime varianti lungo tutta la costa. Una delle più note è quella vastese, il cosiddetto “lu vrudatte” che non prevede il soffritto e contempla almeno sette varietà di pesce (razza, triglia, seppiolina, testone, noce, merluzzo, cicale di mare), olio extravergine d’oliva, peperone e pomodoro.

Vediamo dunque come si prepara il brodetto di pesce alla vastese. Un consiglio? Prendetevi molto tempo e armatevi di santa pazienza, solo così potrete preparare questo delizioso piatto abruzzese a regola d’arte.

Ingredienti

  • 1 kg di pesce misto
  • 1 peperone rosso fresco
  • 4 spicchi d’aglio
  • 100 ml d’olio extravergine intenso
  • 1 litro circa di passata di pomodoro
  • sale
  • peperoncino
  • prezzemolo

        Procedimento

        In un tegame di coccio fate tostare l’aglio insieme ad un bicchiere d’olio. Aggiungete poi il peperone e fate cuocere per qualche minuto. Aggiungete il pomodoro e fate cuocere per circa mezz’ora prima di aggiungere il pesce: mettete prima le seppie e i calamari, che richiedono un tempo di cottura più lungo, e poi unite il resto del pesce che avete a disposizione.

        Lasciate cuocere con il tegame coperto per circa 15 minuti, dopodiché scoperchiate, per fare in modo che il sugo si riduca, e terminate la cottura senza mai mescolare la zuppa, ma solo scuotendola leggermente, o, se preferite dirlo in gergo, “tizzicandola”.

        Come tocco finale, aggiungete il prezzemolo tagliato con le mani e il peperoncino.

        Infine, servite la zuppa nel tegame di terracotta con del pane fresco o tostato a parte e…voilà, la zuppa è pronta.

        Parola d’ordine: sporcarsi! Non si può far a meno di sporcarsi le dita per gustare questi bocconcini di pesce, da pulire dalle lische, e mai rinunciare alla scarpetta se volete a gustare appieno il sugo, la parte più succulenta della zuppa.

        Se volete, potete assaporare il brodetto insieme ad un buon vino: un pecorino o un trebbiano rigorosamente di zona.

         

        ...buon appetito!

        Eventi a San Vito Chietino


        Notizie correlate

        Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
        Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
        Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
        In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
        La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
        Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
        By Redazione
        Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
        Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
        By Luciana Francesca Rebonato
        e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

        Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi