Dolce tipico del borgo di Pitigliano che ha una storia antica e un nome particolare, prodotto solo in questa zona della Maremma grossetana.
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: lo Sfratto dei Goym di Pitigliano, in provincia di Grosseto

Fri, 23 Jun 2017
Ricetta: lo Sfratto dei Goym di Pitigliano, in provincia di Grosseto

PIATTO ADATTO A VEGANI

Questa settimana per la rubrica In Tavola vi proponiamo la ricetta di un dolce tipico di Pitigliano, in provincia di Grosseto, che ha un nome e una storia molto particolare: si tratta dello Sfratto dei Goym. Questo dolce tipico prende il nome da un episodio risalente al 1600 circa quando il messo di Pitigliano, sotto ordinanza di Cosimo II de’ Medici, andava a casa degli ebrei a picchiare sulla porta di entrata con un bastone perché il granduca aveva deciso che dovevano essere sfrattati per essere raggruppati in un unico quartiere. Da qui il nome sfratto dei goym (eseguito dai goym, ossia i non ebrei) e la forma del dolce, che ricorda appunto quel bastone del messo, lungo circa 20 centimetri. Si presta molto bene come dolce invernale, da tradizione, ma ormai la sua produzione si è estesa a tutto l’anno. Questo dolce gustosissimo è diventato anche Presidio Slow Food e rappresenta la fusione tra cultura maremmana ed ebraica.

Ingredienti

Per la pasta:

  • Farina di grano tenero 400 gr
  • Zucchero 250 gr
  • Vino bianco poco più di mezzo bicchiere
  • Olio evo 50 gr
  • Un pizzico di sale

Per il ripieno:

  • Miele 350 gr
  • Noci sgusciate 350 gr
  • Scorza di arancia
  • Noce moscata, cannella q.b.

        Procedimento

        Per prima cosa, iniziate a preparare il ripieno. Prendente un pentolino in cui verserete il miele che dovrà cuocere a fuoco lento facendo attenzione a non bruciarlo per circa 20 minuti. Di conseguenza aggiungete le noci sgusciate, la scorza di arancia, noce moscata e cannella a vostro piacimento e mescolate per bene il tutto. Lasciate da parte il composto a raffreddare. Ora potete passare a preparare la sfoglia mescolando la farina con lo zucchero e aggiungendo l’olio e il vino per aiutarvi ad impastare meglio, e infine aggiungete un pizzico di sale. Spianatela con un mattarello e ricavatene delle strisce lunghe 20/25 cm circa su cui posizionerete il ripieno che nel mentre si sarà raffreddato; quindi arrotolatele ed eliminate la pasta in eccesso. Spennellate con un po’ d’olio e riponetele in forno a 180° per 20/25 minuti. Una volta cotte dovranno raffreddare; per servirle potete tagliarle a fette sottili e il dolce è pronto. 

         

        ...buon appetito!

        Eventi a Pitigliano


        Notizie correlate

        Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
        Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
        Una zuppa di pesce che proprio una zuppa non è. Il Boreto a la Graisana è un piatto tipico, delizioso e speziato che esalta il sapore del pesce
        By Redazione
        Ricetta: Brosega di Paciano
        Ricetta: Brosega di Paciano
        Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
        By Redazione
        Ricetta: le Bombette di Cisternino
        Ricetta: le Bombette di Cisternino
        Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
        By Redazione
        Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
        Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
        Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
        By Redazione
        Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
        Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
        E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
        By Redazione
        Ad Arnad è tutto lardo che cola!
        Ad Arnad è tutto lardo che cola!
        Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
        By Redazione

        Piú letti del mese

        Castel Savoia, una residenza da favola
        Castel Savoia, una residenza da favola
        Ai piedi del Monte Rosa, nei pressi di Gressoney-Saint-Jean, sorge l'antica villa della Regina Elisabetta, che in Valle d'Aosta trascorse molte estati, tra escursioni, scalate e amore per la botanica
        By Joni Scarpolini
        Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
        Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
        Un'imperdibile carrellata di concerti ed eventi musicali per gli amanti dei borghi e del buon sound
        By Redazione
        Ricetta: le Bombette di Cisternino
        Ricetta: le Bombette di Cisternino
        Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
        By Redazione
        e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
        e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
        La nostra rivista digitale lancia una rubrica dedicata alle opere di grandi artisti che, con il loro talento creativo, ci raccontano il mondo dei borghi e dei paesaggi
        By Redazione
        Caltagirone esiste! Non è Mark, ma un borgo...
        Caltagirone esiste! Non è Mark, ma un borgo...
        Si trova in Sicilia, in provincia di Catania, ed è famoso per la Scalinata di Santa Maria del Monte e le sue splendide ceramiche
        By Stefano De Bernardi
        Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
        Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
        Una zuppa di pesce che proprio una zuppa non è. Il Boreto a la Graisana è un piatto tipico, delizioso e speziato che esalta il sapore del pesce
        By Redazione
        e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

        Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

        Con il patrocinio di