Dolce tipico del borgo di Pitigliano che ha una storia antica e un nome particolare, prodotto solo in questa zona della Maremma grossetana.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: lo Sfratto dei Goym di Pitigliano, in provincia di Grosseto
Fri, 23 Jun 2017

Ricetta: lo Sfratto dei Goym di Pitigliano, in provincia di Grosseto

PIATTO ADATTO A VEGANI

Questa settimana per la rubrica In Tavola vi proponiamo la ricetta di un dolce tipico di Pitigliano, in provincia di Grosseto, che ha un nome e una storia molto particolare: si tratta dello Sfratto dei Goym. Questo dolce tipico prende il nome da un episodio risalente al 1600 circa quando il messo di Pitigliano, sotto ordinanza di Cosimo II de’ Medici, andava a casa degli ebrei a picchiare sulla porta di entrata con un bastone perché il granduca aveva deciso che dovevano essere sfrattati per essere raggruppati in un unico quartiere. Da qui il nome sfratto dei goym (eseguito dai goym, ossia i non ebrei) e la forma del dolce, che ricorda appunto quel bastone del messo, lungo circa 20 centimetri. Si presta molto bene come dolce invernale, da tradizione, ma ormai la sua produzione si è estesa a tutto l’anno. Questo dolce gustosissimo è diventato anche Presidio Slow Food e rappresenta la fusione tra cultura maremmana ed ebraica.

Ingredienti

Per la pasta:

  • Farina di grano tenero 400 gr
  • Zucchero 250 gr
  • Vino bianco poco più di mezzo bicchiere
  • Olio evo 50 gr
  • Un pizzico di sale

Per il ripieno:

  • Miele 350 gr
  • Noci sgusciate 350 gr
  • Scorza di arancia
  • Noce moscata, cannella q.b.

        Procedimento

        Per prima cosa, iniziate a preparare il ripieno. Prendente un pentolino in cui verserete il miele che dovrà cuocere a fuoco lento facendo attenzione a non bruciarlo per circa 20 minuti. Di conseguenza aggiungete le noci sgusciate, la scorza di arancia, noce moscata e cannella a vostro piacimento e mescolate per bene il tutto. Lasciate da parte il composto a raffreddare. Ora potete passare a preparare la sfoglia mescolando la farina con lo zucchero e aggiungendo l’olio e il vino per aiutarvi ad impastare meglio, e infine aggiungete un pizzico di sale. Spianatela con un mattarello e ricavatene delle strisce lunghe 20/25 cm circa su cui posizionerete il ripieno che nel mentre si sarà raffreddato; quindi arrotolatele ed eliminate la pasta in eccesso. Spennellate con un po’ d’olio e riponetele in forno a 180° per 20/25 minuti. Una volta cotte dovranno raffreddare; per servirle potete tagliarle a fette sottili e il dolce è pronto. 

         

        ...buon appetito!

        Eventi a Pitigliano


        Notizie correlate

        Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
        Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
        Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
        In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
        La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
        By Luciana Francesca Rebonato
        Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
        Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
        By Redazione
        Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
        Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
        By Luciana Francesca Rebonato
        e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

        Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi