L’antico centro del teramano, tra chiese, musei, la liquirizia, gli arrosticini e l’ottimo pecorino

 
CERCA PER ZONA

Atri: il sapore del pecorino all’ombra dei tesori d’arte
Thu, 01 Jun 2017

Atri: il sapore del pecorino all’ombra dei tesori d’arte

L’antico centro del teramano, tra chiese, musei, la liquirizia, gli arrosticini e l’ottimo pecorino.  

A due passi dall’Adriatico, è una terra di storia e cultura ma anche di sapori e prodotti tipici straordinari. Tra i borghi più interessanti d’Abruzzo, Atri è una tappa imperdibile per chi giunga nelle terre di Teramo. Dall’alto dei suoi 442 metri domina le vallate circostanti e, giungendovi, si apprezza per il bel colpo d’occhio, con i campanili svettanti sull’abitato.

Ricco di palazzi signorili, monumenti, chiese, musei, piazze e vicoli, il centro storico di Atri ha conservato il suo aspetto medioevale; principali punti della città, collegate da corso Elio Adriano, sono Piazza del Duomo e Piazza Duchi Acquaviva, detta anche Piazza del Comune, mentre particolarmente caratteristici sono i rioni di Capo d’Atri, quello di San Giovanni e quello di Santa Maria.

Atri è una città tutta da scoprire e da esplorare ma anche da gustare.Tante sono le specialità del luogo da acquistare ed assaggiare, dal miele alla liquirizia, dall’olio extravergine di oliva agli arrosticini, cubetti di carne di pecora infilati in lunghi bastoncini e fatti cuocere alla griglia, dai maccheroni con la mollica al Dolce pan ducale, tra i prodotti più rappresentativi della tavola atriana dal 1300, preparato con uova, zucchero, farina, mandorle e cioccolato. Poi i vini tra cui il Montepulciano d’Abruzzo, lo Chardonnay ed il Trebbiano, e poi il formaggio, il pecorino. Storica tipicità locale, il pecorino di Atri è un formaggio ottenuto da latte intero crudo di pecora. A pasta semidura o dura, presenta una crosta differente a seconda del livello di stagionatura; anche il sapore varia d’intensità a seconda dell’età di stagionatura che può variare tra i quaranta giorni ed i due anni. Le forme stagionate presentano un sapore decisamente piccante che ben si adatta ad essere grattugiato. Apprezzabile anche conservato sott’olio extravergine d’oliva locale, dopo averlo stagionato per quaranta-sessanta giorni nella crusca o nella cenere. Si può gustare da solo ma anche in abbinamento con pane e verdure di stagione. A seconda del livello di stagionatura può essere accostato ad un vino bianco o ad un rosso particolarmente strutturato. Sicuramente uno dei tesori di questa bella città abruzzese.

Eventi

  • Processione del Cristo Morto
    19-04-2019 | Atri (TE)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-04-19 2019-04-19 Europe/Rome Processione del Cristo Morto Atri

    Borgo di Atri

  • Madonna di Pompei
    22-04-2019 | Atri (TE)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-04-22 2019-04-22 Europe/Rome Madonna di Pompei Viene festeggiata fin dal 1899 nella contrada suburbana della Cona. La processione avviene la mattina, dopo la messa di mezzogiorno (unica processione che ad Atri ancora si svolge prima del Vespro). Atri

    Viene festeggiata fin dal 1899 nella contrada suburbana della Cona. La processione avviene la mattina, dopo la messa di mezzogiorno (unica processione che ad Atri ancora si svolge prima del Vespro).

    Borgo di Atri

  • Santa Reparata
    28-04-2019 | Atri (TE)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-04-28 2019-04-28 Europe/Rome Santa Reparata Atri

    Borgo di Atri

  • Santa Reparata di Cesarea di Palestina
    29-04-2019 | Atri (TE)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-04-29 2019-04-29 Europe/Rome Santa Reparata di Cesarea di Palestina I festeggiamenti, una volta molto più grandi, onorano la patrona santa Reparata. Atri

    I festeggiamenti, una volta molto più grandi, onorano la patrona santa Reparata.

    Borgo di Atri

  • Santa Croce
    Dal 01-05-2019 Al 03-05-2019 | Atri (TE)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-05-01 2019-05-03 Europe/Rome Santa Croce I festeggiamenti si svolgono nella contrada Santa Croce (o Crocifisso, che si trova lungo la direttrice per il mare, a lato della strada provinciale 28 per Pineto), dove si trova la chiesa del Crocifisso, fatta ristrutturare negli anni cinquanta da un emigrato atriano tornato in patria. L'emigrato, partito da Atri per la guerra negli anni quaranta e poi trasferitosi negli Stati Uniti, fece voto al Crocifisso di ristrutturare la chiesa in suo onore all'epoca abbandonata se gli avrebbe portato fortuna nel viaggio. L'emigrato in America fece fortuna e tornato in Abruzzo ristrutturò la chiesa di S.Croce (che oggi si presenta nell'aspetto conferitogli intorno al 1950) e vi mise anche una piccola reliquia della Croce. Atri

    I festeggiamenti si svolgono nella contrada Santa Croce (o Crocifisso, che si trova lungo la direttrice per il mare, a lato della strada provinciale 28 per Pineto), dove si trova la chiesa del Crocifisso,...

    Borgo di Atri

  • Santa Rita da Cascia
    Dal 19-05-2019 Al 22-05-2019 | Atri (TE)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-05-19 2019-05-22 Europe/Rome Santa Rita da Cascia È una festa molto sentita dalla popolazione, anche perché la santa avrebbe fatto molto miracoli agli atriani affetti da malattie molto gravi. Atri

    È una festa molto sentita dalla popolazione, anche perché la santa avrebbe fatto molto miracoli agli atriani affetti da malattie molto gravi.

    Borgo di Atri

  • Sant'Antonio da Padova
    13-06-2019 | Atri (TE)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-13 2019-06-13 Europe/Rome Sant'Antonio da Padova Atri

    Borgo di Atri


Notizie correlate

Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato