Le incantevoli colline con vista sull’Amiata, la storia di uno dei borghi più belli della Toscana e lo straordinario Brunello, eccellenza tra i vini italiani.

 
CERCA PER ZONA

Montalcino: le colline dove nasce il Brunello
Thu, 25 May 2017

Montalcino: le colline dove nasce il Brunello

Le incantevoli colline con vista sull’Amiata, la storia di uno dei borghi più belli della Toscana e lo straordinario Brunello, eccellenza tra i vini italiani.  

E’ considerato uno dei complessi collinari più straordinari del mondo quello che ospita il borgo di Montalcino. Dall’alto dei suoi seicento metri domina le valli dell’Ombrone e dell’Asso, ed è uno dei centri toscani più interessanti, dove in epoca medioevale si concentravano numerose fabbriche per la lavorazione del cuoio.

Terra di olivi e vigneti, Montalcino è celebre in tutto il mondo per i suoi vini e soprattutto per lo straordinario Brunello di Montalcino, vino rosso a Denominazione di Origine Controllata e Garantita, con il piemontese Barolo il vino rosso italiano di maggior prestigio.

Sono le uve Sangiovese, situate sulle colline della zona a non oltre i seicento metri d’altitudine, a divenire poi Brunello.

Dopo essere stato sottoposto ad un periodo di affinamento di almeno due anni in contenitori di rovere e di successivi almeno quattro mesi in bottiglia, non può essere consumato prima del primo gennaio dell’anno successivo al termine di cinque anni considerando l’anno della vendemmia. Nella versione “Riserva” il primo gennaio è quello al termine di sei anni, sempre calcolando l’anno della vendemmia, l’affinamento nei contenitori di rovere sempre di due anni e sei mesi in bottiglia.

Di colore rosso rubino tendente al granato, dall’odore intenso e dal sapore asciutto, tannico e robusto, il Brunello è d’obbligo sulle tavole di quest’angolo di Toscana. Ottimo se abbinato a piatti particolarmente strutturati quali le carni rosse, la selvaggina, ancor meglio se accompagnate da tartufi e funghi. Ottimo anche se consumato con tome stagionate e con il pecorino locale ma anche come vino da meditazione, alla temperatura di non oltre venti gradi.

Montalcino è il suo grande vino, la sua gastronomia ma anche paesaggi incantevoli, scorci di pura poesia e tanta storia. Non lo si può lasciare senza aver visto la sua fortezza, il duomo dedicato a San Salvatore, aver passeggiato in Piazza del Popolo sul quale s’affaccia il Palazzo dei Priori, aver visto le mura duecentesche ed aver comprato, ovviamente, una bottiglia di Brunello.  

Eventi a Montalcino


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi


Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 716

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 718

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 720

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, string given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 728