Lo splendido borgo del Cusio, tra gli straordinari affacci sul lago, le botteghe gastronomiche ed i ristoranti che propongono il delizioso salume locale con polenta o nella panissa.

 
CERCA PER ZONA

Orta: tra la mortadella ortese e gli affacci su San Giulio

Orta: tra la mortadella ortese e gli affacci su San Giulio

Lo splendido borgo del Cusio, tra gli straordinari affacci sul lago, le botteghe gastronomiche ed i ristoranti che propongono il delizioso salume locale con polenta o nella panissa.  

In quest’angolo di Piemonte del nord dove le acque del Cusio si insinuano tra i monti del novarese, incorniciate da alture boscose e da una manciata di suggestivi borghi, c’è un particolare salume tra i protagonisti della variegata tavola locale. Un salume unico e delizioso, originario della bella capitale del lago, perla di questo specchio d’acqua incastonato tra le Alpi, quell’Orta che con l’isola di San Giulio compone uno degli affreschi più pittoreschi del nordovest italiano.

La mortadella di fegato d’Orta è indiscutibilmente la principale tipicità gastronomica del Cusio ed appartiene al prestigioso elenco di Prodotti Agroalimentari Tradizionali italiani (PAT). E’ un salume dalle origini antiche, ed è preparato in due differenti versioni: quella cotta e quella cruda. 

In quella cotta l’impasto è tritato finemente. Oggi viene cotta al vapore mentre in passato lo era all’interno di grandi pentoloni d’acqua bollente. Una volta pronta la mortadella veniva fatta stagionare per un paio di mesi.

Nella versione cruda, al fegato di maiale si uniscono la pancetta e le carni suine magre. I vari ingredienti vengono mescolati e ridotti ad una pasta a grana grossolana. Salata e conciata con aromi e noce moscata, chiodi di garofano, cannella, pepe, scorza di limone e vino rosso, il tutto viene poi insaccato nel budello naturale che viene legato e fatto stagionare per quattro o cinque mesi.

Acquistabile nelle gastronomie d’Orta, la mortadella si può gustare in un panino mentre si visita il borgo, le sue belle vie lastricate, il Broletto, dove il consiglio generale dei deputati del feudo vescovile di Novara esercitava il potere legislativo ed esecutivo, palazzo Gemelli, villa Bossi, sede del municipio, la bella parrocchiale di Santa Maria Assunta e le incantevoli viste sul lago.

Per chi invece preferisce gustarsela seduto a tavola, meglio accomodarsi in dei ristoranti della zona, dove accompagnarla con la polenta oppure assaporarla nella panissa.

Notizie correlate

Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato