A Ciallédde è un piatto tipico di Locorotondo, borgo in provincia di Bari, e della cucina contadina povera di altri tempi, ma il fatto d'essere nutriente, leggero e fresco lo rende estremamente attuale.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: A Cialledde del borgo di Locorotondo

Ricetta: A Cialledde del borgo di Locorotondo

PIATTO ADATTO A VEGANI

A Ciallédde (o cialledda) è un piatto tipico di Locorotondo, borgo in provincia di Bari, e della cucina contadina povera di altri tempi, ma il fatto d'essere nutriente, leggero e fresco lo rende estremamente attuale. Questo piatto pugliese è nato all'inizio del secolo scorso, periodo in cui dominava la povertà; le famiglie, infatti, erano costrette ad arrangiarsi con semplici ingredienti presenti in casa ossia pane raffermo e prodotti dell'orto. Il piatto preferito era la “a ciallédde’’ fredda, un termine dal suono onomatopeico che ricorda il pane raffermo quasi “affogato’’ nell’acqua condita con olio di oliva, sale, pomodori per insalata e origano. La “ciallédde’’, che presenta anche una varietà calda da gustare nei periodi invernali, è un piatto tipico della tradizione contadina e mediterranea. Veniva consumata alle prime ore dell’alba per affrontare una dura giornata di fatica e, a volte, al rientro serale insieme alla famiglia nel piatto mastro. Questo piatto evoca profumi e sapori ormai dimenticati, si rende adatto per le serate estive perché risulta essere una pietanza fresca e veloce. Locorotondo è la capitale del gusto nel Salento. In questo borgo ovviamente non mancano le sagre dove si mangia, si balla e si canta. Potrete gustare questo sfizioso piatto durante la sagra della Ciallédde che si tiene nell'ultima domenica di giugno, presso la Contrada San Giuseppe.

Ingredienti

  • Pane di Altamura 4 fette
  • Pomodori 5 non troppo grandi
  • Sedano 1
  • Origano q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio extravergine di oliva 2 cucchiai
  • Peperoncino e aglio a piacere
  • Acqua fredda

Procedimento

Per prima cosa prendete una ciotola capiente e mettete dentro l'acqua fredda in cui aggiungerete i pomodori schiacciati, quelli piccoli e dolci, un tenero gambo di sedano tritato, un'abbondante presa di solare origano e sale quanto basta; il peperoncino e l'aglio non sono obbligatori ma daranno un tocco in più al vostro piatto. Rimestare il tutto, quindi immergete nella ciotola del pane casereccio raffermo e precedentemente spezzettato e nuovamente rimestare lentamente affinché il pane possa assorbire la miscela gustosa. Infine verseremo sul pane una sostanziosa quantità di olio extravergine d'oliva, ovviamente a crudo. 
Non resta che mescolare ancora un po' e il piatto è pronto per essere servito.

 

...buon appetito!

Eventi a Locorotondo


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi


Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 716

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 718

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 720

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, string given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 728