Lucania, un territorio che guarda a tre regioni del Sud
 
CERCA PER ZONA

La signora del lago a Nemoli

Tue, 31 Jul 2018
La signora del lago a Nemoli

Lucania dei borghi ma in estate anche Lucania degli eventi. Da qualche anno l'area vicina a Maratea, dunque alla sponda tirrenica, offre un appuntamento sempre più di successo. Come spesso capita in queste occasioni, il momento legato allo spettacolo diventa il pretesto per la conoscenza di una determinata area territoriale o di un paese stesso. Ecco Nemoli, piccolo borgo. Qui da tre anni ha sede "La signora del lago", dove il lago è il Sirino, scenografico principe di questa zona.
Precisamente "Suoni e luci dall’Acqua" è il nome dello spettacolo per l'estate 2018, firmato dal regista Gianpiero Francese.
La signora del lago - NemoliLa prima sarà il 3 agosto. Spettacolo gratuito, in scena i fine settimana di agosto con tre repliche il venerdì e il sabato e due repliche la domenica, a partire dalle 21.
"Siamo riusciti ad ottenere un finanziamento di 200 mila euro dalla Regione Basilicata per dare continuità al nostro progetto anche grazie ai risultati ottenuti nelle due stagioni precedenti", ha commentato il sindaco di Nemoli, Domenico Carlomagno.
Lo spettacolo dura 25 minuti, "trampolino di lancio per il nuovo format che debutterà nel 2020", fanno sapere gli organizzatori. Sorta di fantasy in chiave musicale, ha per protagonista un bambino alle prese con la sofferenza dell'assenza.
Parco grandissimo e con fontane danzanti di ultima generazione, schermi d’acqua e geyser di oltre sessanta metri. Ben sessanta anche i protagonisti sulla scena, tra attori e figuranti.
Testi dello stesso Francese e Nino D'Agata.
Per informazioni: lasignoradellago.com; 328 6895267.

Paese interessante, Nemoli. Merita una visita la chiesa di Santa Maria delle Grazie, del 1600. Al suo interno una statua policroma bizantina della Madonna, datata al '300. Particolarmente bello il rosone realizzato secondo lo stile delle vetrate artistiche fiorentine. Una chiesa anche nei pressi del lago, nota infatti come "chiesa del Sirino", con un bel Cristo dei maestri artigiani di Ortisei.
A Nemoli tradizioni canore legate alla tarantella. Riti strumentali che raccontavano e raccontano eventi religiosi o agricoli.
Particolari strumenti vengono creati apposta in occasione della Settimana Santa e poi dei riti più ludici del Carnevale.
Un'area di interesse anche per la vicina Maratea. E poi anche Trecchina, Lauria, Lagonegro. Tutte in provincia di Potenza. Ma ad un tiro di schioppo sei anche, scendendo, in Calabria, alto cosentino tirrenico: Scalea e Praia a Mare. Ed anche il Pollino cosentino non è lontano, si pensi alla graziosa e minuta Papasidero, con la possibilità del trekking sul fiume Lao e con la sua celebre grotta dai graffitti preistorici risalenti addirittura al Paleolitico. Corso d'acqua, il Lao, che col nome Mercure nasce nella pure non distante Viggianello (ancora Pz, alto Pollino). Da Maratea raggiungibile velocemente anche il Cilento salernitano di Sapri: una striscia di territorio, questa, che non permette il diretto abbraccio territoriale tra Campania e Calabria. C'è ossia proprio Maratea di mezzo e con essa le altre città vicine. Tra queste, la nostra Nemoli col suo lago e il suo spettacolo.

Eventi a Maratea

  • San Biagio
    03-05-2020 | Maratea (PZ)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-03 2020-05-03 Europe/Rome San Biagio Maratea

    Borgo di Maratea

  • Traslazione delle reliquie di San Biagio
    Dal 02-05-2020 Al 10-05-2020 | Maratea (PZ)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-02 2020-05-10 Europe/Rome Traslazione delle reliquie di San Biagio Dura dal primo sabato di Maggio alla seconda domenica del mese. Viene celebrato l'arrivo delle reliquie del santo a Maratea, avvenuta, secondo alcuni, nel mese di maggio del 732. Nel 1695 venne istituito, con il consenso del vescovo della diocesi di Cassano allo Ionio, il protocollo della manifestazione. Il primo sabato del mese si tiene la prima processione della statua argentea del santo, detta San Biagio va per la terra, che si svolge per le strade del Castello. Dopo alcuni giorni di preghiera, il secondo giovedì del mese si svolge la seconda processione, detta San Biagio scende dal Castello, in cui la statua viene trasportata, attraverso un antico sentiero, dal Castello al Borgo. Questa è una processione davvero particolare, in quanto il simulacro del santo viene coperto da un panno rosso fino all'arrivo alla località detta Capo Casale: ciò avviene poiché l'atto del passaggio della statua tra le due parrocchie di Maratea è qualcosa di strettamente privato, come stabilito nel 1781 dopo una lite tra i due parroci, infatti il prete che porta la statua non indossa né cotta né stola. A Capo Casale la statua viene spogliata e consegnata alla responsabilità del sindaco, che qui consegna al santo le chiavi della città, rendendolo simbolicamente la massima autorità di Maratea. Subito dopo la statua viene trasportata nella chiesa di Santa Maria Maggiore. Il secondo sabato di maggio si tiene la terza processione, in cui il busto argenteo di San Biagio attraversa in pompa magna le strade del Borgo. Arrivati alla domenica che segue, si tiene l'ultima processione, detta San Biagio torna al Castello, in cui la statua, nuovamente coperta dal manto rosso, ripercorre all'indietro l'antico sentiero per ritornare alla Basilica al Castello, sua sede abituale. In seguito alla ricollocazione della statua nella Basilica, avviene saltuariamente il fenomeno della Manna, certificato già in una bolla papale del 1562. Maratea

    Dura dal primo sabato di Maggio alla seconda domenica del mese. Viene celebrato l'arrivo delle reliquie del santo a Maratea, avvenuta, secondo alcuni, nel mese di maggio del 732. Nel 1695 venne istituito,...

    Borgo di Maratea


Notizie correlate

Le eccellenze emiliane in mostra  al Castello di Tabiano
Le eccellenze emiliane in mostra al Castello di Tabiano
Oggi sabato 6 e domani 7 aprile, presso l'affascinante maniero emiliano, si tiene la prima edizione di 'Fiori, saperi, sapori - Prodotti ed eccellenze della tradizione', che riunisce i migliori produttori locali, tra florovivaisti, chef e artigiani
By Redazione
Castelsardo si prepara alla Settimana Santa
Castelsardo si prepara alla Settimana Santa
Nel borgo isolano dalle tradizioni antichissime è tutto pronto: sette giorni di celebrazioni liturgiche e di processioni religiose per le vie del paese, che riuniranno i fedeli del posto e attireranno l’attenzione dei turisti
By Redazione
A Finalborgo si tiene l'appuntamento con la storia
A Finalborgo si tiene l'appuntamento con la storia
Questo weekend, nel borgo del Ponente ligure, andrà in scena una mostra dedicata a due grandi generali del passato: Napoleone Bonaparte e Horatio Nelson
By Redazione
Barolo alza i calici per un festival tutto... da bere!
Barolo alza i calici per un festival tutto... da bere!
Il 4 e il 5 maggio l'antico borgo piemontese, simbolo del vino italiano nel mondo, ospiterà un evento internazionale dedicato a più di cento cantine nostrane. Un appuntamento imperdibile per i 'wine lovers'
By Redazione
Nel Parco Giardino Sigurtà gli eventi sbocciano come fiori!
Nel Parco Giardino Sigurtà gli eventi sbocciano come fiori!
Tutti gli appuntamenti di questa stagione primaverile organizzati presso la distesa naturalistica che giace accanto a Borghetto sul Mincio
By Redazione
A Ricetto di Candelo è custodita... la ricetta del gusto e dell'amore
A Ricetto di Candelo è custodita... la ricetta del gusto e dell'amore
L'antico borgo fortificato in provincia di Biella si appresta a offrire ai suoi visitatori itinerari enogastronomici e cene romantiche. Ecco gli appuntamenti primaverili
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di