Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti

Sat, 22 Jun 2019
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti

Che provincia, quella di Piacenza! Non bastavano i borghi di Bobbio, di Castell'Arquato o di Vigoleno a renderla unica nel suo genere, così medievale e così rappresentativa, non bastavano le leggende del ponte del diavolo o quella di San Giorgio ad avvolgere questi piccoli centri nel mistero, non bastava il dolce gusto del bargnolino per deliziare i nostri palati... No, non bastavano.

Poco a sud di questo capoluogo c'è un borgo che in realtà è un "falso d'autore" ma che nel suo contesto ha tutto per essere considerato un vero e proprio borgo medievale. Sto parlando di Grazzano Visconti, borgo riportato allo splendore trecentesco da Giuseppe Visconti di Modrone con la collaborazione dell'architetto Alfredo Campanini e, nientepopodimeno che, Gabriele D'Annunzio.

Padre del celebre regista Luchino Visconti (La terra trema, Senso, Rocco e i suoi fratelli, Il Gattopardo, etc...), Giuseppe Visconti, che non a caso sembra aver reso questo borgo come il set di una rappresentazione cinematografica, non era solo un geniale visionario, ma anche capace di realizzare il borgo neo-medievale di Grazzano. Questo fece sì che Re Vittorio Emanuele III lo nominò duca e aggiunse il suo cognome al nome del paesino piacentino, ma sembra anche essere stato un discreto medium.

Forse solo un uomo di tanta genialità era pronto ad ascoltare e mettere, nero su bianco, i tratti della protagonista di questo luogo. Forse solo un uomo che aveva visto oltre quei ruderi depredati nei secoli dai contadini poteva capire il messaggio di Aloisa.

Fu un momento di trance, quando Giuseppe la ascoltò e la vide. Bassina, paffutella, con seno poco prosperoso e braccia conserte (così la si riconosce anche nelle statue in giro per il borgo), Aloisa si presentava al duca con la sua triste storia di donna tradita dal marito "un capitano della milizia locale",  morta per gelosia. Un cuore spezzato con uno spirito grande... Uno spirito ancora vivo che vaga tra le stanze del castello e tra le piante del vasto giardino, indispettito dagli scherzi di un amore effimero.

Oltre al folklore locale, sono diverse le testimonianze che avvalorano l'esistenza del fantasma di Aloisa. In primis diverse coppie sono state "disturbate" nel loro sonno durante la permanenza nel castello, con schiaffi e altri scherzi. Poi un giornalista di un quotidiano locale, il quale dopo aver registrato diverse interviste si accorse che sul nastro erano rimaste solo quelle lusinghiere nei confronti del fantasma. Poi un reporter di una stazione televisiva, che riuscì a fotografare la statua di Aloisa solo dopo averle fatto dono di una conversazione.

Sembra infatti, che per aggraziarsi lo spirito di Aloisa, e non incorrere nei suoi dispetti, si debba donarle una collana, dei monili, o portarle rispetto o consolazione... A lei che nell'amore non ebbe fortuna.

Aloisa è nel tempo diventata la protettrice dell'amore puro nel borgo di Grazzano Visconti, una sorta di San Valentino in gonnella, in grado di portare amore a chi le chiede aiuto e di vegliare sui sentimenti veri, indissolubili... Quelli da veri innamorati.

Naturalmente ci sono le malelingue che parlano di "trovata pubblicitaria", ma passeggiando nel borgo, ascoltando la gente del luogo a riguardo, e notando le collane sulle statue a lei dedicate, ci si pervade della sua presenza, benevola e indispettita a tratti. Sicuramente uno spirito che fa sperare nel bene... Sicuramente un luogo da visitare e rimanerne affascinati.

Durante il suo incontro spiritico con il duca Giuseppe, Aloisa disse: “Io sono Aloisa e porto Amore e profumo alle belle che donano il loro sorriso a Grazzano Visconti”.

Foto Principale da Simona Terragni (Pinterest)

COMMENTI :

Notizie correlate

La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di