Il borgo della Valle d'Itria

 
CERCA PER ZONA

Quel legame tra Martina Franca e San Gennaro
Mon, 24 Sep 2018

Quel legame tra Martina Franca e San Gennaro

Eventi "napoletani" a Martina Franca. Vediamo in che senso. 

La cittadina, innanzitutto.
Martina Franca, gloria di Puglia, è tra le perle della valle d'Itria. Fu fondata dal principe di Taranto Filippo I d’Angiò. Città del barocco e del celebre, ultraquarantennale festival musicale della Valle d'Itria, vanta nella basilica di San Martino statue in marmo del grande scultore settecentesco Giuseppe Sammartino, famoso perché autore del Cristo Velato di Napoli. Mentre Stefano da Putignano, importante scultore pugliese del '500, è presente nella chiesa di Sant’Antonio. Rinomato e da sempre fotografato anche l'arco che porta alla piazza con l'imperioso Palazzo Ducale, sede oggi del municipio. Qui prima un vecchio castello, mentre il palazzo è del '600. Fascinosamente istoriate e affrescate le sale della struttura, sede anche del museo naturalistico dedicato al Bosco delle Pianelle, una delle delle offerte culturali e paesaggistiche di questo territorio. La citata basilica è a croce latina ad unica navata, riccamente decorata. Suggestivi anche i palazzi barocchi di via Cavour. Emblema dell'eleganza di Martina. Da vedere anche le chiese di San Domenico (XVIII secolo, con prodromi romanici) e del Carmine (con ancora un lavoro di Stefano da Putignano).

MARTINA E SAN GENNARO 
Per questo vi raccontiamo Martina Franca. Il 19 settembre la ricorrenza di San Gennaro, santo qui amato. La ricorrenza ci ha riportati a questo legame. Ma perché Martina è vicina spiritualmente al santo caro ai napoletani? È presto detto. Si pensi a Filippo d'Angiò, partenopeo, personalità decisiva per la storia fondativa del centro. E di dove era la famiglia dei feudatari del luogo? Di Napoli, famiglia Caracciolo. Dinastia celebre. 

Qualche giorno fa a Martina molti cittadini, come ogni 19 settembre, hanno atteso con ansia l'esito del miracolo del sangue. Un rito che si ripete. Molte negli anni anche le manifestazioni dedicate a rinsaldare questo filo che unisce questa fetta del tarantino alla vecchia grande capitale del Sud. E poi al Palazzo Ducale, noto appunto anche come Palazzo Caracciolo, ecco proprio l'immagine di San Gennaro, dipinta nella cappella dei duchi. Qui anche un meraviglioso Crocifisso, datato al XVII secolo. Curiosa, dunque, questa coincidenza che fa abbracciare due città a diverso modo rilevanti del Mezzogiorno: la fede nel santo, fede che torna sin dal nome di molti cittadini e così Gennaro qui è a tutt'oggi un nome ancora molto diffuso.

Notizie correlate

Un piccolo giro tra i borghi di Pavese
Santo Stefano Belbo in Piemonte e Brancaleone in Calabria
By Marino Pagano
Con Sophia Loren, anche Cesare Cremonini è Cittadino Onorario di Maratea.
E' stato recentemente reso noto dal comune della "perla del Tirreno" che il cantautore Cesare Cremonini è stato nominato cittadino onorario
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Il monte Mosiné: base aliena e terra di cupi misteri e leggende spirituali
Alle porte della Val di Susa, a pochi chilometri da Torino, si erge la montagna più misteriosa d’Italia, il monte Mosiné. Il luogo è celebre per i suoi innumerevoli avvistamenti di UFO e per le sue antiche leggende esoteriche.
By Pier olpato
I laghi di Avigliana tra misteri e fantasia
A qualche chilometro da Torino troviamo il comune di Avigliana, celebre borgo situato all’interno del Parco Naturale dei laghi di Avigliana, accanto alla palude dei Mareschi.
By Pier Volpato
10 cose da fare nei borghi italiani, all’insegna di grandi classici e inaspettate sorprese
Dieci cose da fare e da vedere nei borghi: un viaggio nella Penisola per vivere da protagonisti i luoghi italiani più preziosi e autentici, all’insegna di curiosità e opportunità
By Luciana Francesca Rebonato