Il borgo della Valle d'Itria
 
CERCA PER ZONA

Quel legame tra Martina Franca e San Gennaro

Mon, 24 Sep 2018
Quel legame tra Martina Franca e San Gennaro

Eventi "napoletani" a Martina Franca. Vediamo in che senso. 

La cittadina, innanzitutto.
Martina Franca, gloria di Puglia, è tra le perle della valle d'Itria. Fu fondata dal principe di Taranto Filippo I d’Angiò. Città del barocco e del celebre, ultraquarantennale festival musicale della Valle d'Itria, vanta nella basilica di San Martino statue in marmo del grande scultore settecentesco Giuseppe Sammartino, famoso perché autore del Cristo Velato di Napoli. Mentre Stefano da Putignano, importante scultore pugliese del '500, è presente nella chiesa di Sant’Antonio. Rinomato e da sempre fotografato anche l'arco che porta alla piazza con l'imperioso Palazzo Ducale, sede oggi del municipio. Qui prima un vecchio castello, mentre il palazzo è del '600. Fascinosamente istoriate e affrescate le sale della struttura, sede anche del museo naturalistico dedicato al Bosco delle Pianelle, una delle delle offerte culturali e paesaggistiche di questo territorio. La citata basilica è a croce latina ad unica navata, riccamente decorata. Suggestivi anche i palazzi barocchi di via Cavour. Emblema dell'eleganza di Martina. Da vedere anche le chiese di San Domenico (XVIII secolo, con prodromi romanici) e del Carmine (con ancora un lavoro di Stefano da Putignano).

MARTINA E SAN GENNARO 
Per questo vi raccontiamo Martina Franca. Il 19 settembre la ricorrenza di San Gennaro, santo qui amato. La ricorrenza ci ha riportati a questo legame. Ma perché Martina è vicina spiritualmente al santo caro ai napoletani? È presto detto. Si pensi a Filippo d'Angiò, partenopeo, personalità decisiva per la storia fondativa del centro. E di dove era la famiglia dei feudatari del luogo? Di Napoli, famiglia Caracciolo. Dinastia celebre. 

Qualche giorno fa a Martina molti cittadini, come ogni 19 settembre, hanno atteso con ansia l'esito del miracolo del sangue. Un rito che si ripete. Molte negli anni anche le manifestazioni dedicate a rinsaldare questo filo che unisce questa fetta del tarantino alla vecchia grande capitale del Sud. E poi al Palazzo Ducale, noto appunto anche come Palazzo Caracciolo, ecco proprio l'immagine di San Gennaro, dipinta nella cappella dei duchi. Qui anche un meraviglioso Crocifisso, datato al XVII secolo. Curiosa, dunque, questa coincidenza che fa abbracciare due città a diverso modo rilevanti del Mezzogiorno: la fede nel santo, fede che torna sin dal nome di molti cittadini e così Gennaro qui è a tutt'oggi un nome ancora molto diffuso.

Notizie correlate

La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione

Piú letti del mese

La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Assaggiamo i sapori tipici di uno dei più caratteristici borghi pugliesi, Ostuni
By Nadia Calasso
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
La pasta e patate nella "Tajedda" è un piatto della tradizione calabrese e soprattutto silana. Un primo piatto con ingredienti semplici e genuini, facile da preparare ed ottimo da gustare.
By Nadia Calasso
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Sagne piccantine, specialità d'Abruzzo da assaggiare assolutamente se in uno di questi giorni estivi siete in vacanza in Abruzzo, una bontà che vi piacerà anche preparandola a casa.
By Nadia Calasso
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Il Pan De Mej è un dolce tipico di Angera, un caratteristico borgo che si trova sul Lago Maggiore. Da assaggiare assolutamente e preparare a casa. Ecco la ricetta
By Nadia Calasso
Cornello dei Tasso - uno tra i borghi più belli d'Italia
Cornello dei Tasso - uno tra i borghi più belli d'Italia
Un piccolo e grazioso borgo tra le valli bergamasche - raggiungibile solo a piedi, un vero gioiellino da visitare!
By STEFANO PLATTI
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di