Tra le ottanta stanze del suo castello si aggira il fantasma della Dama Bianca.
 
CERCA PER ZONA

Piea ed il suo castello, piccolo borgo tra Monferrato e misteri

Tue, 25 Sep 2018
Piea ed il suo castello, piccolo borgo tra Monferrato e misteri

E’ su di un poggio immerso tra le verdi colline del Monferrato che si racconta la storia dell’antico castello di Piea. Qui, ad una manciata di chilometri dai deliziosi borghi di Cocconato e Montechiaro, storia, arte e mistero s’intrecciano tra il parco e le ottanta sale del maniero medievale.

Al Castello di Piea si narra la storia del fantasma della nobile Orsola, ultima discendente dei Roero, morta nel 1796 a 24 anni mentre dava alla luce una bimba, vissuta pochi minuti. Da qui l’esistenza della leggenda e dello spettro della giovane.

Una presenza che i Tamietto, inquilini del maniero dal 1995, avvertono tra le mura del castello, che nelle notti illuminate dalla luna vaga tra le stanze di quest’ultimo affacciandosi da quel balcone su cui i proprietari confessano d’averla fotografata.

Eventi e testimonianze che hanno indotto lo staff Legends Investigations, composto da esperti appassionati di fenomeni paranormali, a mettersi sulle tracce del fantasma, studiando il caso del castello dopo aver riscontrato la presenza della cosiddetta Dama Bianca e della sua bimba, impaurite e con particolari difficoltà a comunicare.

Presenze confermate dal rilevatore di vibrazioni e dalla pronta risposta delle presenze alle sollecitazioni, oltre ad avere raccolto immagini create con la tecnica della metavisione del volto di un uomo coperto dalla barba e quello di una donna che potrebbe essere proprio quello della giovane donna, presenza che gl’inquilini sentono profondamente vicina e positiva per il castello, parte integrante di quel luogo dove visse la sua breve esistenza.


Citato per la prima volta da papa Anastasio in una bolla del 1154, il castello vide nel 1434 Ludovico Roero, alleatosi con il Marchese Paleologo di Monferrato, diventare signore di tutto il feudo e di quel castello che nel 1436 tornò al Vescovo per passare poi nelle mani di Percivalle Roero nel 1473.

Sul finire del XVII secolo, a seguito di aspre battaglie, dopo varie contese tra Savoia e Santa Sede, fu il conte Carlo Roero a dare inizio ai lavori di restauro che avrebbero trasformato il maniero da antica roccaforte a dimora gentilizia. Di questo periodo è infatti la realizzazione della sfarzosa e scenografica Sala da ballo e delle belle sale attigue. Passato, tra l’inizio e la fine dell’Ottocento, dal marchese Faussone di Clavesana all’illustre famiglia genovese dei Bombrini, è oggi residenza privata e sede museale.

Da vedere al suo interno i preziosi affreschi risalenti al 1762 dei pittori Bernardino Fabrizio e Giovanni Galliari, maestri del “trompe d’oeil”, l’imponente scalone dell’ingresso realizzato su progetto del celebre architetto Filippo Juvarra e i preziosi lampadari di Murano.

Imperdibile una visita al castello in occasione della manifestazione floreale primaverile “Il Narciso Incantato”, quando il giardino propone una spettacolare fioritura di bulbose.

Fa da cornice all’antico maniero il borgo di Piea, immerso tra i poggi del Monferrato, che propone interessanti percorsi con affacci sulle colline limitrofe e viste sul castello. La chiesa parrocchiale, risalente alla fine del XVI secolo, la seicentesca cappella di San Sebastiano e la cappella della Beata Vergine della Neve, eretta in forza di un voto fatto dagli abitanti del borgo per la liberazione dalla peste, sono solo alcune delle emergenze architettoniche dell’abitato di questo angolo di terre monferrine.

Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di