Elegante, regale e misteriosa. Torino è considerata la città più esoterica d’Italia: avvolta dal mistero, è un’affascinante sciarada di enigmi e leggende
 
CERCA PER ZONA

Torino, magia e misteri in bianco e nero

Sun, 22 Jul 2018
Torino, magia e misteri in bianco e nero

Sacro, profano e leggende s’intrecciano alla storia della città e si perdono nella notte dei tempi. Ombre e luce, energie positive o negative, richiami storici ed esoterici collocano Torino al centro dell’attenzione degli esperti, secondo i quali sorge nel punto in cui s’intersecano canali di energia che solcano la superficie del pianeta: da qui derivano le narrazioni che vedono la città teatro di una lotta tra forze positive e non.

Volendo percorrere le direttrici della città sotto l’egida del mistero, ci si deve assolutamente recare in due luoghi “positivi”: il primo è la chiesa della Gran Madre, oltre il ponte Vittorio Emanuele, seguita dalla fontana delle Quattro Stagioni. Relativamente alla chiesa si narra che il luogo dove sorge conservi le tracce di un tempio dedicato alla dea egizia Iside, mentre una delle statue che precede la chiesa – l’allegoria della Fede che alza nel pugno un calice – indicherebbe il sito dove è nascosto il Sacro Graal, il calice dell’Ultima Cena.

La fontana, invece, è detta anche “fontana Angelica” e viene interpretata come la “porta dell’infinito”. E poi ecco la Mole Antonelliana, icona di Torino e masterpiece di Alessandro Antonelli. Anche qui la leggenda si intreccia alla realtà e si dice che sia un simbolo – oltre che del capoluogo piemontese – anche di positività: nel suo protendersi al cielo, la Mole irradierebbe su Torino tutti i benefici provenienti dal sottosuolo. Altro luogo beneaugurante è Piazza Castello, per la precisione il punto in cui sorge la fontana dei Tritoni del Palazzo Reale: è questo, secondo gli esperti, l’epicentro dell’energia positiva della città. Questo perché la zona dove sorge il palazzo segna il confine tra la “città bianca” e quella “nera”. In particolare, il cancello del palazzo con le due stature dei Dioscuri indicherebbe questo confine che separa la zona est da quella ovest, ovvero la parte delle tenebre dove nell’antica Roma venivano sepolti i morti e crocifissi i condannati.

Sempre secondo gli esperti, infatti, ci sono invece alcuni luoghi a Torino dove il diavolo avrebbe messo lo zampino: piazza Statuto, innanzitutto, posta a occidente – esotericamente verso le tenebre – ed estesa su un’area un tempo occupata da una necropoli e che a lungo fu scelta per le pubbliche esecuzioni capitali. Leggende e fantasmi – credervi o no è arbitrario - aleggiano intorno ad altri siti della città come villa Tesoriera – il cui parco è detto “del diavolo” -, palazzo Falletti e piazza Carlina.

Borghi da visitare in provincia di Torino:

Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di