Le colline della Daunia Meridionale, i panorami, la dominazione degli Svevi, i vicoli e le piazze, le orecchiette, le “ciammaruche”, la chiesa Madre, i successi di Pierfrancesco Favino, il cinema e la televisione e poi il Festival di Sanremo.
 
CERCA PER ZONA

Candela, il delizioso borgo del foggiano, dove affondano le radici dell’attore Pierfrancesco Favino.

Tue, 19 Jun 2018
Candela, il delizioso borgo del foggiano, dove affondano le radici dell’attore Pierfrancesco Favino.

Le sue radici affondano nella Daunia Meridionale, nel nord ovest della Puglia, in uno dei borghi medievali più belli del meridione italiano.

Qui è tutto molto diverso dalla Roma dove l’attore e doppiatore Pierfrancesco Favino è nato nell’agosto del 1969. Di Candela sono originari i suoi genitori.

Borgo collinare d’origini medievali, Candela sorge sulle colline di San Rocco e San Tommaso, a cinquecento metri d’altitudine, ed è racchiusa tra il torrente Carapelle ed il fiume Ofanto, in una deliziosa area collinare che regala un susseguirsi di panorami sulle colline circostanti, che fanno da cornice al paese che ha saputo conservare la sua originaria impronta rurale.

Candela
Foto da Meteoweb.it

Fondata in epoca normanna tra il X e l’XI secolo, Candela fu dominata dagli Svevi tra la fine del XII e la metà del XIII secolo, conoscendo il periodo di massimo splendore con il regno di Federico II. Alla dominazione sveva successero poi quelle degli Angioini, degli Aragonesi, poi degli Spagnoli, degli Austriaci e dei Borboni. Una terra, quella del piccolo centro del foggiano, profondamente segnata dal fenomeno migratorio che, attraverso i tratturi, portava in zona pastori e mandrie dai monti del vicino Abruzzo.

Ideale una visita al borgo della Daunia alla fine di maggio, quando si celebra la sagra dell’asparago, e nel mese d’agosto, quando tra i vicoli del centro storico si svolge la manifestazione “Gusta Candela”, quando si festeggia la sagra delle “ciammaruche”, le lumache, e delle orecchiette, e il 16, sempre d’agosto, per la patronale di San Rocco.

Candela è un presepe di pietra da esplorare, dove godersi vicoli ed edifici di pregio. Nel cuore dell’abitato, in piazza Plebiscito, è da vedere la chiesa Madre dedicata alla Madonna della Purificazione, dall’elegante facciata rinascimentale e dall’interno che custodisce l’affresco del pittore foggiano Antonio La Piccirella, raffigurante la “Presentazione di Gesù al Tempio”, un bel coro ligneo, la quattrocentesca statua della Candelora, un fonte battesimale in pietra del Cinquecento ed un apprezzabile altare del Settecento.

Centro di Candela
Foto da Ilgiornale.it

E’ invece situata in piazza Matteotti la chiesa del Purgatorio, risalente all’inizio del Seicento, dalla facciata in pietra a vista, dall’interno a tre navate dal presbiterio ornato da un altare caratterizzato da marmi policromi e dall’abside che propone un bel coro ligneo.

Da vedere anche la chiesa del Carmine, risalente al XVIII secolo, che custodisce un mosaico ritraente la Madonna del Carmine, la chiesa della Concezione, nata per gli ammalati dell’ospedale civile, dove nel 1780 venne istituita la Congrega della Concezione, quella di San Tommaso, la più antica del borgo, il bel Palazzo Doria e Palazzo Ripandelli, sede di esposizioni e mostre.

All’ombra del castello normanno-svevo, che domina l’abitato, c’è tanto da vedere ma anche da assaporare; imperdibile un assaggio di orecchiette, la pasta tipica pugliese dalla forma simile a delle piccole orecchie, condite nei modi più svariati.

Pierfrancesco FavinoProprio qui, ad una quarantina di chilometri da Foggia, ha le sue origini Pierfrancesco Favino, tra i protagonisti del recentissimo film “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino, ma anche di “Posti in piedi in paradiso” di Carlo Verdone, “Romanzo criminale” di Michele Placido, “Saturno Contro” di Ferzan Ozpetek, “Le chiavi di casa” di Gianni Amelio, “Angeli e demoni” di Ron Howard, “L’ultimo bacio” sempre di Muccino, al fianco di Stefano Accorsi, solo per citarne alcuni.

Diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma, Favino inizia a teatro ed in televisione apparendo in ruoli secondari. E’ la parte di Gino Bartali che lo consacra sul piccolo schermo nella mini serie dedicata al grande ciclista. Poi tanti film e svariate partecipazioni alle produzioni hollywoodiane, tra cui “Le cronache di Narnia – Il principe Caspian” prodotto dalla Walt Disney.

Attore di successo del piccolo e del grande schermo ma anche doppiatore di Daniel Day Lewis e Vincent Cassel, e premiato con, tra gli altri, il David di Donatello 2006 come miglior attore non protagonista per “Romanzo Criminale”, David di Donatello 2012 come migliore attore non protagonista per “Romanzo di una strage”, Ciak d’oro 2005 come miglior attore per “Le chiavi di casa” e premio Flaiano 2009 come miglior interprete per la fiction “Pane e libertà”.

Pierfrancesco Favino a Sanremo 2018
Foto da Wired.it

Nel 2018 l’importante esperienza alla sessantottesima edizione del Festival di Sanremo in qualità di conduttore, straordinaria vetrina che da a Pierfrancesco Favino ulteriore popolarità.  

Foto principale: sfondo, di Alessio Palazzolo. Primo piano Biografieonline

Eventi a Candela


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di