Un'antica tradizione che rivive ogni anno, un gesto semplice legato alla religiosità popolare e al tempo stesso un modo per trovare piccoli attimi di fuga dalla frenesia quotidiana

 
CERCA PER ZONA

I Semi della Pasqua del borgo di Corinaldo
Tue, 13 Feb 2018

I Semi della Pasqua del borgo di Corinaldo

La semina e la coltivazione. Gesti antichi, legati alla nostra storia, come la tradizione religiosa. Queste si incontrano nel borgo marchigiano di Corinaldo, dove, ogni anno i fedeli hanno la possibilità di coltivare i “Semi della Pasqua”, ovvero semi di grano, veccia, ceci e favino che sono resi disponibili in piccoli sacchetti dalla chiesa di S. Francesco dopo la funzione del Mercoledì delle Ceneri.

Questa tradizione, che è legata ai cosiddetti “Sepolcri”, consiste nel coltivare i semi tutti insieme in un piccolo vaso con poco terriccio, in un posto buio, come un vecchio scaffale o in uno sgabuzzino. I semi vanno innaffiati il meno possibile, e le fragili piantine bianche che nasceranno andranno ad adornare l’altare dove è custodita l’Eucarestia nelle chiese del territorio, il giorno del Giovedì Santo.

Queste pianticelle contengono un profondo messaggio legato alla dialettica del buio e della luce. Rimanendo al buio per quaranta giorni e diventando bianche crescendo, rievocano un deserto immaginario per poi illuminarsi del loro colore bianco. Inoltre, il prendersi cura di queste piante delicate, dona gioia e soddisfazione sia ai grandi che ai piccoli, tramandando una cultura che rende ancor più speciale questo momento dell’anno e questo territorio.

Un semplice gesto che ci riporta al passato, ad una vita più lenta, unendo diverse generazioni, prendendoci cura della natura e della tradizione.

Foto da valmisa.com

Eventi a Corinaldo


Notizie correlate

Un piccolo giro tra i borghi di Pavese
Santo Stefano Belbo in Piemonte e Brancaleone in Calabria
By Marino Pagano
Con Sophia Loren, anche Cesare Cremonini è Cittadino Onorario di Maratea.
E' stato recentemente reso noto dal comune della "perla del Tirreno" che il cantautore Cesare Cremonini è stato nominato cittadino onorario
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Il monte Mosiné: base aliena e terra di cupi misteri e leggende spirituali
Alle porte della Val di Susa, a pochi chilometri da Torino, si erge la montagna più misteriosa d’Italia, il monte Mosiné. Il luogo è celebre per i suoi innumerevoli avvistamenti di UFO e per le sue antiche leggende esoteriche.
By Pier olpato
I laghi di Avigliana tra misteri e fantasia
A qualche chilometro da Torino troviamo il comune di Avigliana, celebre borgo situato all’interno del Parco Naturale dei laghi di Avigliana, accanto alla palude dei Mareschi.
By Pier Volpato
10 cose da fare nei borghi italiani, all’insegna di grandi classici e inaspettate sorprese
Dieci cose da fare e da vedere nei borghi: un viaggio nella Penisola per vivere da protagonisti i luoghi italiani più preziosi e autentici, all’insegna di curiosità e opportunità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi