Un dipinto misterioso, una trappola medievale e due fantasmi di dame affascinanti
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Le leggende della Dama in Nero e della Dama del Ponte Rosa di Garessio

Sun, 07 Jan 2018
Le leggende della Dama in Nero e della Dama del Ponte Rosa di Garessio

Nella sala da musica del Castello di Casotto, a Garessio, Cuneo, si può ammirare un dipinto attribuito a Van Dyck (o ad un membro comunque della sua scuola) raffigurante una dama, chiamato La Dama in Fiero (nero). Il dipinto, arrivato a Garessio dal castello torinese di Agliè, di magnifica fattura, gode di una strana fama. Una leggenda narra che in alcune notti, il fantasma della donna, vestita di un abito nero seicentesco, uscisse dal dipinto e si aggirasse per le sale del castello, predicendo disgrazie ai membri della famiglia reale che incontrava. Nell’Ottocento, quando il castello fu acquistato e srestaurato da Carlo Alberto di Savoia per farne la sua dimora estiva, il quadro non venne rimosso. C’è chi dice che possibilmente anche il reale piemontese ebbe la fortuna/sfortuna di incontrare la dama, e, quasi sicuramente, ad incontrarla fu la Principessa Maria Clotilde, la quale stanza da letto era situata in fianco alla sala da musica.

Completamente diversa, e molto più antica, è la storia della Dama del Ponte Rosa che vanta radici medievali. A quei tempi il borgo iniziava da Porta Rose e più precisamente da un castello di cui oggi resta solo una torre e alcune mura fortificatrici. Una leggenda narra che da una feritoia delle torri di quel castello, secoli or sono, una Dama gettò una rosa rossa ad un cavaliere nemico che stava transitando ai piedi della torre. Il cavaliere, ignaro e lusingato si inchinò per raccogliere il fiore ma venne trafitto da una freccia e cadde morente a terra. Il suo sangue fuoriusciva copioso confondendosi con il rosso dei petali del fiore che da ora il nome all’antica porta cittadina. C’è chi ipotizza che il fantasma della Dama del Ponte Rosa possa ancora vagare nei pressi della porta dove un tempo vi era il ponte levatoio.

COMMENTI :

Eventi a Garessio


Notizie correlate

La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di