Mentre San Nicolò porta doni ai bambini buoni, i temibili Krampus incutono timore con campanacci e urla tra le città e i borghi dell’Alto Adige.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

La leggenda e le sfilate dei temibili Krampus

La leggenda e le sfilate dei temibili Krampus

I Krampus sono uomini caproni dalle lunghe corna appuntite. La loro pelle è ricoperta di una folta pelliccia di pecora, il volto è nascosto dietro una terrificante maschera di legno e vestono di stracci sporchi e trasandati. Il loro arrivo è preannunciato da violenti campanacci, da sinistri ghigni e urla agghiaccianti. I Krampus si aggirano per le strade con fruste e catene. La loro missione è di scatenare la loro ira contro chiunque incontrino sul loro cammino ma soprattutto sono alla ricerca dei bambini che sono stati cattivi durante l’anno, per punirli.

Un immagine d’epoca con Krampus e Nicolò intenti a far visita a delle dolci famiglie tradizionali
Un immagine d’epoca con Krampus e Nicolò intenti a far visita a delle dolci famiglie tradizionali

Infatti, a differenza di San Nicolò (l’origine del Babbo Natale moderno) che la notte del 5 dicembre distribuisce dolci e caramelle ai bambini buoni tra le vie dei paesi principalmente nell’arco alpino, i Krampus spaventano e incutono timore ai piccoli furfantelli.

Il loro nome potrebbe derivare dal bavarese “Krampn” (morto, putrefatto) oppure dal tedesco Kramp (artiglio).

Una leggenda narra che molto molto tempo fa, in un tempo di carestia, i giovani di alcuni paesini si travestissero con pelli di animali, corna e maschere per spaventare gli abitanti allo scopo di compiere razzie e derubarne le provviste. Col passare del tempo questi giovani si accorsero che tra di loro, dato che non toglievano mai le maschere, si nascondeva il diavolo stesso, riconoscendolo per gli zoccoli di caprone. Preoccupati e spaventati da questa presenza, i giovani chiesero aiuto a San Nicolò che attraverso un esorcismo liberò la zona dal maligno. I giovani si convertirono e invece di continuare a spaventare decisero di accompagnare il santo lungo la sua distribuzione di doni e viveri alla popolazione.

In gran parte dei paesi dell’alto adige, dal 5 dicembre, si può assistere a diverse sfilate durante le quali San Nicolò distribuisce doni, sorrisi e buone parole mentre tiene a bada i terribili Krampus fino al tramonto. Col calare della sera, quando il santo si ritira, gli uomini capra lasciano libero sfogo alla loro ira repressa, urlando, scampanando, spaventando e prendendo a frustate chi incontrano lungo la loro strada.


I Krampus a Castelrotto


Nella tradizione, l’arte di intagliare le maschere è antica e ne prevede due tipi: le “Larve”, ovvero maschere a bocca a spalancata con grandi denti aguzzi gocciolanti di sangue, e le “Maschere d’espressione”, ovvero maschere dalla bocca chiusa, non colorate, senza sangue e finemente cesellate. Gli artisti intagliatori impegano molto tempo, e molto impegno, nel creare le spaventose maschere dei Krampus e, in alcuni casi, questi terribili volti possono pesare anche 10 chili.

Un Krampus

Tra le curiosità notiamo che ci possono anche essere delle “Krampe” ma sotto la maschera si celano sempre e solo uomini. Infatti, solo gli uomini posso travestirsi da Krampus, maschi o femmine, ma solo se sono celibi. Un’altra peculiarità è che un Krampus non si toglie mai la maschera. Farsi vedere “smascherati” sembra rappresentare un grande disonore.

Alcune delle sfilate dei Krampus si possono trovare nei borghi, come a Mezzano (1 dicembre), Vipiteno (5 dicembre), a Glorenza (5 dicembre), a Chiusa (5 dicembre), a Campo Tures (8 dicembre) e a Castelrotto (9 dicembre).

Quindi, se quest’anno vi siete comportati bene, queste sfilate rappresentano, anche per voi, un appuntamento da non perdere.

COMMENTI :

Eventi a Castelrotto - Kastelruth


Notizie correlate

La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di