Mentre San Nicolò porta doni ai bambini buoni, i temibili Krampus incutono timore con campanacci e urla tra le città e i borghi dell’Alto Adige.
 
CERCA PER ZONA

La leggenda e le sfilate dei temibili Krampus

La leggenda e le sfilate dei temibili Krampus>

I Krampus sono uomini caproni dalle lunghe corna appuntite. La loro pelle è ricoperta di una folta pelliccia di pecora, il volto è nascosto dietro una terrificante maschera di legno e vestono di stracci sporchi e trasandati. Il loro arrivo è preannunciato da violenti campanacci, da sinistri ghigni e urla agghiaccianti. I Krampus si aggirano per le strade con fruste e catene. La loro missione è di scatenare la loro ira contro chiunque incontrino sul loro cammino ma soprattutto sono alla ricerca dei bambini che sono stati cattivi durante l’anno, per punirli.

Un immagine d’epoca con Krampus e Nicolò intenti a far visita a delle dolci famiglie tradizionali
Un immagine d’epoca con Krampus e Nicolò intenti a far visita a delle dolci famiglie tradizionali

Infatti, a differenza di San Nicolò (l’origine del Babbo Natale moderno) che la notte del 5 dicembre distribuisce dolci e caramelle ai bambini buoni tra le vie dei paesi principalmente nell’arco alpino, i Krampus spaventano e incutono timore ai piccoli furfantelli.

Il loro nome potrebbe derivare dal bavarese “Krampn” (morto, putrefatto) oppure dal tedesco Kramp (artiglio).

Una leggenda narra che molto molto tempo fa, in un tempo di carestia, i giovani di alcuni paesini si travestissero con pelli di animali, corna e maschere per spaventare gli abitanti allo scopo di compiere razzie e derubarne le provviste. Col passare del tempo questi giovani si accorsero che tra di loro, dato che non toglievano mai le maschere, si nascondeva il diavolo stesso, riconoscendolo per gli zoccoli di caprone. Preoccupati e spaventati da questa presenza, i giovani chiesero aiuto a San Nicolò che attraverso un esorcismo liberò la zona dal maligno. I giovani si convertirono e invece di continuare a spaventare decisero di accompagnare il santo lungo la sua distribuzione di doni e viveri alla popolazione.

In gran parte dei paesi dell’alto adige, dal 5 dicembre, si può assistere a diverse sfilate durante le quali San Nicolò distribuisce doni, sorrisi e buone parole mentre tiene a bada i terribili Krampus fino al tramonto. Col calare della sera, quando il santo si ritira, gli uomini capra lasciano libero sfogo alla loro ira repressa, urlando, scampanando, spaventando e prendendo a frustate chi incontrano lungo la loro strada.


I Krampus a Castelrotto


Nella tradizione, l’arte di intagliare le maschere è antica e ne prevede due tipi: le “Larve”, ovvero maschere a bocca a spalancata con grandi denti aguzzi gocciolanti di sangue, e le “Maschere d’espressione”, ovvero maschere dalla bocca chiusa, non colorate, senza sangue e finemente cesellate. Gli artisti intagliatori impegano molto tempo, e molto impegno, nel creare le spaventose maschere dei Krampus e, in alcuni casi, questi terribili volti possono pesare anche 10 chili.

Un Krampus

Tra le curiosità notiamo che ci possono anche essere delle “Krampe” ma sotto la maschera si celano sempre e solo uomini. Infatti, solo gli uomini posso travestirsi da Krampus, maschi o femmine, ma solo se sono celibi. Un’altra peculiarità è che un Krampus non si toglie mai la maschera. Farsi vedere “smascherati” sembra rappresentare un grande disonore.

Alcune delle sfilate dei Krampus si possono trovare nei borghi, come a Mezzano (1 dicembre), Vipiteno (5 dicembre), a Glorenza (5 dicembre), a Chiusa (5 dicembre), a Campo Tures (8 dicembre) e a Castelrotto (9 dicembre).

Quindi, se quest’anno vi siete comportati bene, queste sfilate rappresentano, anche per voi, un appuntamento da non perdere.

Eventi a Castelrotto - Kastelruth


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di