Un uomo avaro, una fattoria inabissata, un piccolo dal futuro segnato, la vendetta dei santi e strani pesci... servono altri misteri?
 
CERCA PER ZONA

I misteri del lago Aiso vicino a Bevagna

Sun, 01 Oct 2017
I misteri del lago Aiso vicino a Bevagna

Chi lo avrebbe mai detto che "l'abisso" fosse così vicino a noi?
Ma fondamentalmente, cosa è un abisso?
Una canzone della quale non ricordo titolo o artista cantava del dolce sprofondare in un abisso ma qui di dolce c'è ben poco. Sto parlando di un lago dell'abisso (o dell'inferno) e più precisamente del lago Aiso a pochi chilometri da Bevagna, borgo in provincia di Perugia. Il lago di Aiso è un luogo ricco di misteri e, a quanto sembra, ogni tanto ne saltano fuori di nuovi e sempre più misteriosi.
MISTERO?... o leggenda?

Il lago di Aiso

La storia del lago di Aiso, piccola conformazione lacustre di solo 25 metri di diametro e poco oltre i 13 di profondità, ci fa tornare indietro di circa 1400 anni quando nel 600 in quella zona non c'era nessun lago ma un avido contadino dal nome tutt'altro che puro.
Chiarò era il nome del contadino padrone della zona. Un Paperon de Paperoni che preferì trebbiare piuttosto che fermarsi, anche solo per un giorno, in onore della giornata dedicata a Santa Anna.
La tradizione del tempo voleva che tutti si fermassero in riposo e adorazione della santa il 26 luglio ma Chiarò non ne volle sapere.
Padre di 2 figli, "felicemente" sposato con una credente tutta d'un pezzo, Chiarò sfidò la santa ed a questo atto risposero gli angeli suggerendo alla moglie di scappare dalla zona dato che l'abisso stava per inghiottire la loro fattoria. 
La leggenda continua dicendo che la fattoria di Chiarò sprofondò nell'abisso e il tutto fu colmato da acqua fino a creare il lago di Aiso.
La moglie di Chiarò riuscì a fuggire dalla catastrofe con la prole ma un rigagnolo d'acqua li seguiva e si avvicinava minaccioso. Un angelo disse alla donna di abbandonare a terra il più piccolo dei figli in quanto sarebbe diventato più crudele e avido del padre, e la donna, disperata, obbedì. Oggi, laddove il piccolo fu abbandonato, c'è il lago di Aisilli, più piccolo del lago di Aiso e ben poco distante.
Aiso e Aisilli, che ancora oggi adornano con il fascino dell'acqua la zona di Bevagna, echeggiano ogni tanto di misteri e leggende. Sembra infatti che nel 2012 alcuni scatti di Elisa Duvalloni (scatti donati a tuttoggi.info) abbiano ritratto nel paesaggio le fattezze di un volto umano. 

volto tra le fronde nei pressi del lago di Aiso

La leggenda si estende dicendo che nei giorni di Santa Anna, camminando nella zona, si possano udire le urla di Chiarò e del suo bambino.
Ma la cosa non finisce qui.
Sembra che intorno al 2012 una studentessa del posto, tale Adalgisa Crisanti, con l'aiuto di alcuni sommozzatori, abbia documentato l'esistenza di uno strano piccolissimo pesce simile ad una foglia ma questo stupisce poco pensando che nello stesso specchio d'acqua sembra sia stato visto in precedenza un pesce con un solo occhio che purtroppo oggi non vi si trova più.
Ciò non toglie che tra il 2000 ed il 2004 nelle acque dell'Aiso furono scoperte parti di un abitazione, oggi esposte nel museo di Perugia, risalenti a tempi non troppo moderni.
Se siete in visita nel borgo di Bevagna penso che ora sappiate cosa vedere ma ricordate:
L'avidità è peccato, rischiate l'abisso... o forse di pescare solo strani pesci... ma penso valga sempre la pena di visitare certi luoghi magici.

Foto da thebinutrek.com, periodicoumbria.it, tuttoggi.info

Eventi a Bevagna

  • San Vincenzo
    06-06-2019 | Bevagna (PG)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-06 2019-06-06 Europe/Rome San Vincenzo Bevagna

    Borgo di Bevagna

  • Mercato delle Gaite
    Dal 20-06-2019 Al 30-06-2019 | Bevagna (PG)
    Rievocazioni storiche

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-20 2019-06-30 Europe/Rome Mercato delle Gaite Le vie del borgo si popolano di banchi e si animano del rumore delle botteghe nelle quali il visitatore può trovare stoffe, oggetti in cuoio, vimini, cordami, carta, ferro battuto, rame candele lavorate a mano ed ancora formaggio, pesce, pane appena sfornato e focacce. Bevagna

    Le vie del borgo si popolano di banchi e si animano del rumore delle botteghe nelle quali il visitatore può trovare stoffe, oggetti in cuoio, vimini, cordami, carta, ferro battuto, rame candele lavorate...

    Borgo di Bevagna | Scopri di più

  • Sagra della Lumaca
    Dal 23-08-2019 Al 01-09-2019 | Bevagna (PG)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-23 2019-09-01 Europe/Rome Sagra della Lumaca Bevagna

    Borgo di Bevagna | Scopri di più

  • Concerto per il nuovo anno
    06-01-2020 | Bevagna (PG)
    Concerti

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-06 2020-01-06 Europe/Rome Concerto per il nuovo anno Teatro Francesco Torti Bevagna

    Teatro Francesco Torti

    Dalle 18:00 | Borgo di Bevagna


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di