Un essere simpatico ma burbero, amante del suo territorio e vendicativo. Il folletto che si vanta di aver scacciato gli Unni.
 
CERCA PER ZONA

Il Mazariol. Leggendario folletto della valle di Primiero

Sun, 24 Sep 2017
Il Mazariol. Leggendario folletto della valle di Primiero>

C'è chi dice che nei boschi sulla sponda sinistra del Piave abiti un folletto di spirito benevolo ma burbero e vendicativo.
Il Mazariol (o Mazzariol) sembra essere una creatura vestita di un cappuccio rosso con un grande cappello rosso e una folta barba copriva ne il viso raggrinzito e dispettoso.
C'è anche chi lo descrive come un anziano uomo robusto che nascondeva i bambini disobbedienti sotto il mantello.
Si dice che chi calpesta l'orma del Mazariol sia spinto per incantesimo a seguirne le tracce fino ad incontrarlo, per poi perdere la memoria grazie ad una bevanda a base di latte di capra nera che il folletto da al malcapitato.

Uno di questi malcapitati sembra essere la “ragazza di Primiero”. Secondo una leggenda la ragazza si trovò davanti al folletto dopo aver messo piede sopra una delle sue orme. Il folletto le alitò in viso e la ragazza perdette la memoria dimenticando tutto della sua vita passata. Negli anni successivi la ragazza rimase al servizio del Mazariol, il quale le insegnò a fare il burro, il formaggio e la tosèla. Un giorno un cacciatore la riconobbe e la riportò in paese. La ragazza non ricordava nulla e dopo svariati tentativi di farle tornare la memoria, solo il latte di una capretta bianca, donatole da una vecchina, funzionò. Così felice di essere tornata a casa la ragazza insegnò alla popolazione del paese a fare il burro, il formaggio e la tosèla.

Chi incontra il Mazariol può esser salutato con la frase "Salve, io sono il Mazariol che sconfisse Attila, il flagello di Dio".
Infatti si narra che nell'anno 452, quando gli Unni di Attila stavano per attaccare la zona, il Mazariol che è molto attaccato al suo territorio, abbia messo il loro campo sottosopra.
Soffiò sui fuochi per incendiare le pelli, rovesciò le pentole piene di cibo, tirò i capelli e mise del vischio sulle barbe dei soldati, e legò le code e crini dei loro cavalli.
Il mattino dopo gli Unni erano pronti ad attaccare seppur stanchi e avviliti dalla notte travagliata.
Montati a cavallo si accorsero dell'ennesimo scherzo e, non sapendo che mai si deve tagliare ciò che il Mazariol unisce, tagliando i crini e le code legate ottennero che i loro cavalli persero il senso dell'orientamento ed iniziarono a zig-zagare storditi e senza volontà.
Rimasi stupiti ed impauriti, gli Unni scapparono lasciando Attila solo e umiliato.
Il Mazariol è sempre stato amato da quell'avvenimento ma se visitate la zona, prestate molta attenzione. 
Un antico detto locale dice: "No cascar entro te le peche del mazarol!" ...potreste perdere la memoria e non tornare mai più.

Eventi a Mezzano

  • Sagra dei carmeni
    21-07-2019 | Mezzano (TN)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-07-21 2019-07-21 Europe/Rome Sagra dei carmeni Antica festa paesana, all’insegna della tradizione e del divertimento: eventi religiosi, prodotti tipici, gare di bocce e molto altro Mezzano

    Antica festa paesana, all’insegna della tradizione e del divertimento: eventi religiosi, prodotti tipici, gare di bocce e molto altro

    Borgo di Mezzano | Scopri di più

  • San Giorgio
    22-04-2020 | Mezzano (TN)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-22 2020-04-22 Europe/Rome San Giorgio Mezzano

    Borgo di Mezzano


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di