I fratelli Mazzarditi, gli spaventosi briganti che con i loro crimini furono in grado di dominare l’intera zona del Lago Maggiore.
 
CERCA PER ZONA

I Castelli di Cannero: fortezze fluttuanti per pirati pietrificati e velieri fantasma

Sun, 13 Aug 2017
I Castelli di Cannero: fortezze fluttuanti per pirati pietrificati e velieri fantasma

I Castelli di Cannero, detti anche in verbanese Castei de Caner, si trovano in realtà nel territorio del borgo di Cannobio e, più precisamente, si ergono sui tre isolotti rocciosi del Lago Maggiore situati di fronte al borgo di Cannero Riviera.

Già la loro posizione da sola conferisce ai castelli un fascino particolare e li avvolge in un velo di mistero. Nei giorni di fitta nebbia, infatti, le fortezze sembrano fluttuare sospese nell’acqua. Ma gli arcani non finiscono qui.

Questi edifici medievali vennero costruiti tra il XI e il XII secolo e vennero poi occupati verso la fine del XIV secolo dai fratelli Mazzarditi, una famiglia di cinque temutissimi briganti originari di Ronco (una frazione di Cannobio) che di impossessarono dapprima del palazzo del pretorio di Cannobio, successivamente invasero Cannero ed infine si impossessarono dei castelli, dai quali organizzavano le loro scorribande e azioni di pirateria per tutta la regione.

In quel periodo vi era anche la guerra fra Guelfi e Ghibellini e per il ducato di Milano, che si trovava già in acque burrascose, fu impossibile mantenere l’ordine in quella zona. Così gli abitanti del luogo furono ben presto costretti a subire le terribili, e a volte violente, angherie dei fratelli Mazzarditi, intrappolati in un clima di vero e proprio terrore.

Tuttavia, ci fu un’irruzione che non andò a buon fine e mise i temibili briganti in ginocchio, o meglio, in fuga. Una leggenda narra che i Mazzarditi, stanchi ormai dei soliti saccheggi di piccoli villaggi e barche, decisero di alzare la posta: pianificarono una razzia per depredare una lussuosa villa del posto e, per spingersi ancora oltre, organizzarono il rapimento del nipotino del proprietario della villa, per poi per educarlo all'arte della pirateria come loro successore. Ma non appena uno dei fratelli stava per avvicinarsi al bimbo, che in quel momento si trovava ai piedi del letto per rivolgere la su preghiera serale alla madre defunta e al padre lontano, i piedi del rapitore si pietrificarono improvvisamente e gli altri fratelli scapparono a gambe levate.

Le scorrerie dei briganti di Ronco continuarono per oltre dieci anni, durante i quali i Mazzarditi fecero il bello ed il cattivo tempo in tutta la regione ed ottennero il pieno controllo di tutto il litorale, finché nel 1414 Filippo Maria Visconti, l’allora Duca di Milano, esasperato dalle continue lamentele ricevute dagli abitanti locali, decise di inviare un esercito di 500 uomini per scacciare i temibili fratelli e riappropriarsi della zona.

L’area, che da tempo veniva ormai chiamata “la Malpaga”, venne messa sotto assedio, e, dopo aver costretto i Mazzarditi alla fame, venne rasa al suolo. I briganti vennero mandati in esilio e, solo dopo quindici anni vennero riammessi al borgo. C’è chi sostiene, però, che per non consegnarsi ai nemici ed arrendersi alla sconfitta, i criminali si siano annegati buttandosi nel lago con un sasso legato al collo.

Un’altra leggenda, invece, racconta che la famiglia di pirati, pur di non consegnare i propri tesori al Duca, abbiano gettato tutti i loro averi nel lago. Si dice, infatti, che ancora oggi il lago custodisca le loro ricchezze e che nelle giornate di forte nebbia si possa vedere un veliero che, navigando attorno agli isolotti, rivendichi l’antico bottino…

rocca vitaliana

Infine nel 1519 Ludovico Borromeo fece costruire la Rocca “Vitaliana” in onore del capostipite della nobile famiglia. Dopo la sua morte, la rocca fu progressivamente abbandonata, diventando dimora di persone quali pescatori, contrabbandieri e addirittura una banda di falsari. Negli ultimi anni, sono state avanzate numerose proposte di restauro a fini turistici.

Che siano dei discendenti segreti dei Mazzarditi desiderosi di riportare in auge il loro sontuoso rifugio?

Eventi a Cannobio


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di