nel borgo sassarese di Castelsardo esiste una singolare grotta, la cui forma ad elefante nasconde antichi sepolcri e misteri. Scoprite quali in questo articolo.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

La Roccia dell’Elefante di Castelsardo e le sue ‘domus de janas’

La Roccia dell’Elefante di Castelsardo e le sue ‘domus de janas’

«Chi da Castelsardo percorre la via Nazionale che conduce a Sedini, d'un tratto si trova di fronte ad uno strano spettacolo. Un gigantesco elefante, tre volte più alto degli enormi mammut preistorici, par che esca dalla giungla e s'incammini verso la montagna.»

(Edoardo Benetti)

A Castelsardo, il borgo in provincia di Sassari dal quale si riesce ad abbracciare tutte le coste del golfo dell’Asinara, esiste una roccia erosa dal tempo e dal vento e domina la vallata che, scendendo a strapiombo in direzione Valledoria, arriva al livello del mare.

Si tratta della Roccia dell’Elefante, un grosso masso di roccia vulcanica (la trachite e l’andesite) dal forte color ruggine, notevolmente eroso dagli agenti atmosferici che gli hanno conferito il singolare aspetto di un pachiderma seduto. Originariamente il masso faceva parte del complesso roccioso di monte Castellazzu dal quale si distaccò rotolando a valle.

Nei documenti ufficiali la roccia era chiamata Sa Pedra Pertunta (la pietra traforata), espressione dialettale che richiamava la sua particolare conformazione. Fu poi nel 1914 lo studioso Edoardo Benetti il primo ad associare il masso ad un elefante.

Si narra che l’antica Valledoria, allora denominata Codaruina, fosse un’area molto attiva e popolosa, ma che per via di un cataclisma o di un maremoto venne sepolta e dimenticata per sempre.
A confermare questa leggenda sarebbero dei resti di conchiglie e sedimenti marini fossili presenti sulla superficie della roccia e intorno alle montagne circostanti, anch’esse ricche di testimonianze fossili di origine marina.

Di recente la Roccia dell’Elefante è entrata a fa parte della lista dei cosiddetti “oggetti fuori dal tempo”, nella quale rientrano tutti quegli oggetti, monumenti, rocce naturali o bassorilievi che non sarebbero dovuti esistere, perché il loro aspetto rappresenta qualcosa di troppo complesso da fabbricare o realizzare se rapportato all’epoca in cui hanno avuto origine.

domus de janas

Oggi la Roccia dell’Elefante, oltre a costituire un’importante attrazione turistico-paesaggistica, riveste anche una notevole rilevanza archeologica grazie alle sue due domus de janas, strutture sepolcrali preistoriche costituite da tombe scavate nella roccia tipiche della Sardegna prenuragica (il periodo precedente alla civiltà nuragica, che va dal VI millennio a.C. alla fine del III millennio a.C.).

Si presume che le camere interne siano state scavate in due momenti diversi dagli Sherdana o Sherden, una delle popolazioni facenti parte della coalizione dei popoli del mare che spesso è identificata con il popolo degli antichi Sardi, per utilizzarle come tempio rituale.

La domus superiore, la prima ad essere scavata, presenta soltanto tre vani e manca del padiglione coperto che la precedeva, probabilmente crollato insieme al prospetto della tomba.

La seconda camera, situata al di sotto, risulta invece molto ben conservata. Originariamente preceduta da un dromos, un breve corridoio in parte coperto e in parte a cielo aperto, vi si accede attraverso uno stretto portello quadrangolare e presenta quattro vani.
Particolarmente interessante è la sua protome bovina, elemento decorativo comune a diverse domus de janas, scolpita in rilievo sulla parete di una celletta. Il suo particolare stile curvilineo denota una fase artistica piuttosto evoluta e permette di far risalire la costruzione della tomba alla prima metà del III millennio a.C.

toro elefante

All’interno di entrambe le domus, inoltre, si possono notare le antiche rappresentazioni del Toro, le stesse che possiamo vedere nell’antica Creta a Cnosso, o nella vastità della Grecia, oppure negli antichi vasi rituali e di uso domestico e che, in epoca più recente, compaiono anche a Torino, da cui probabilmente la città ha preso il nome. Il toro, simbolo di forza e di vitalità, è un animale molto presente nell’iconografia dell’antichità e nelle diverse epoche ha assunto diversi significati.
Secondo voi quale misterioso significato si cela dietro alle raffigurazioni taurine di questo antico popolo sardo?

COMMENTI :

Eventi a Castelsardo


Notizie correlate

La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: il Panficato gigliese
Ricetta: il Panficato gigliese
Discepolo del panforte senese, il panficato è il dolce tipico di Giglio Castello che viene preparato con fichi secchi e noci e tanti altri prodotti tipici dell'isola
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Da non perdere, all'inizio di marzo il borgo di Dozza ospiterà il pittoresco evento Civitas Medievale.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di