Se volete provare l’ebbrezza di librarvi in volo alla scoperta delle Dolomiti Lucane, potete provare il Volo dell’Angelo, un cavo d’acciaio che collega Castelmezzano e Pietrapertosa, due tra i borghi più belli d’Italia in provincia di Potenza.
 
CERCA PER ZONA

Il Volo dell’Angelo: il modo alternativo per esplorare le Dolomiti Lucane in volo

Il Volo dell’Angelo: il modo alternativo per esplorare le Dolomiti Lucane in volo>

Nel cuore della Basilicata c’è un cavo di acciaio lungo tra i 1415 e 1452 metri sospeso tra due vette, che unisce i borghi di Castelmezzano e Pietrapertosa: due paesi, due storie, due origini e due tradizioni, ma entrambi tanto belli da far parte del Club "I borghi più belli d’Italia".

Castelmezzano

Si tratta del Volo dell’Angelo, una grandissima attrazione immersa nelle Dolomiti Lucane, che da undici anni ha regalato a questo territorio una forte innovazione offrendo ai turisti, in fortissima crescita, la possibilità di vivere un’esperienza unica e di scoprire la bellezza di un patrimonio ambientale che in pochi ancora conoscono.

Si può decidere se partire da Castelmezzano o da Pietrapertosa, ma in entrambi i casi le basi di lancio si raggiungono percorrendo un lungo e affascinante percorso in salita. Lungo il tragitto potrete incontrare turisti e appassionati di tutto il Belpaese, ma anche da diverse parti del mondo, giunti in Basilicata per visitare i tesori del Sud Italia e provare l’emozione di volare.

Pietrapertosa

Se per i più paurosi il salto nel vuoto appare come qualcosa di impossibile, l’apposita imbracatura d’acciaio saprà darvi la giusta sicurezza per lasciarvi andare in una fantastica esperienza e volare con la massima tranquillità, godendovi lo straordinario panorama delle Dolomiti Lucane. Si possono effettuare voli singoli e in coppia, per condividere un momento magico con una persona speciale. Inoltre, si può volare con una telecamera sul casco, per portare a casa un video esclusivo che racconta il brivido di tagliare l’aria alla velocità massima di 120 Km/h e un dislivello massimo di 130 metri sulla valle.

volo angelo

È consigliabile effettuare il viaggio di andata e ritorno in giornata, in modo da poter anche visitare entrambi i borghi e magari gustare un buon pranzo a base di prodotti locali, come i peperoni cruschi, peperoni messi ad essiccare al sole e fritti in olio bollente tipici della cucina lucana, talmente croccanti che nel mangiarli fanno “crunch”.

Se invece state pensando di trattenervi un po’ più a lungo, potete trascorrere un weekend a stretto contatto con la natura, passando dal Ponte Nepalese sospeso sul Torrente Caperrino, un affluente del fiume Bradano, al percorso letterario delle sette pietre, attraversando la via ferrata e concludendo, appunto, con l’emozionante e adrenalinico volo.

Visitando il sito ufficiale www.volodellangelo.com  si possono reperire maggiori informazioni e scoprire i numerosi eventi correlati organizzati nei due paesi per progettare una vacanza alternativa e davvero suggestiva. Fra qualche settimana, inoltre, ci si potrà librare in aria con palloni aerostatici per ammirare lo spettacolo dei costoni rocciosi dai nomi più fantasiosi: il Becco della Civetta, l’Aquila Reale, la Grande Madre, l’Incudine.

Eventi a Castelmezzano


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di