Il santuario della Madonna del Lago di Garbagna deve la sua origine ad una miracolosa apparizione, in grado di donare la parola ad una pastorella muta dalla nascita
 
CERCA PER ZONA

La storia del Santuario della Madonna del Lago di Garbagna, a cavallo tra devozione e leggenda

Mon, 10 Jul 2017
La storia del Santuario della Madonna del Lago di Garbagna, a cavallo tra devozione e leggenda>

Il borgo di Garbagna si trova sulle colline tortonesi a destra del torrente Scrivia ed è famoso, oltre che per la varietà di ciliegie La Bella di Garbagna, per il Santuario della Madonna del Lago di Garbagna.

L’edificio risale al XIV secolo e da Garbagna si può raggiungere facilmente con una breve passeggiata di circa 2 km attraverso il bosco del paese. Usciti dall’abitato di Garbagna, potete proseguire in direzione Borghetto Borbera, fino ad arrivare all’altezza delle ultime case, dopo le quali si svolta a sinistra in via Madonna del Lago e, salendo per circa un chilometro fra i boschi, arriverete al grande prato dove sorge la chiesa.

La storia di questo santuario è legata all’apparizione della Beata Vergine avvenuta nel 1341, della quale si ha traccia nello studio Legé nel Castello di Sorli in Val Borbera (AL), da sempre collegato alla pace tra Guelfi e Ghibellini stipulata il 7 giugno 1341.

La leggenda Narra che la Beata Vergine sia apparsa ad una pastorella, che tutto il villaggio sapeva essere muta dalla nascita, e le abbia detto:

“Va, ritorna a Garbagna e annunzia a quel popolo, che se qui, dove io sono, farà edificare una chiesuola in mio onore, io prenderò tutti questi luoghi sotto la mia protezione, cesseranno gli odi le risse, i ferimenti e gli omicidi; metterò in fuga il demonio e ritornerà subito in mezzo a loro la carità, la sicurezza e la pace”

La pastorella, una volta ridiscesa in paese raggiante di gioia, come per miracolo cominciò a parlare e annunciò i voleri della Madonna.
Gli abitanti della zona, non dubitarono nemmeno un secondo di quanto accaduto e di lì a poco eressero una cappella in memoria di questo prodigioso evento.

Non solo, al capitolo 77 degli statuti di Garbagna intitolato De Festivitatibus celebrandis si prescrisse l’astinenza dal lavoro in tutti i venerdì del mese di maggio in onore della Madonna del Lago.

Ancora oggi il Santuario rappresenta un importante polo di attrazione per i fedeli che durante il mese mariano vogliono manifestare la propria devozione alla Madonna, soprattutto il terzo venerdì di maggio quando, al termine della Santa Messa, la statua della Vergine viene portata in processione sul piazzale circostante il Santuario.

Se volete visitare questo edificio religioso, lo trovate aperto tutti i venerdì del mese di maggio, il 15 agosto e la seconda domenica di settembre e tutte le volte in cui al santuario si svolgono funzioni religiose.

 

 

 

Eventi a Garbagna


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di