Scopriamo insieme l’origine del nome del borgo di Boccadasse, uno degli angoli più fotografati della città di Genova che, con le casette colorate, la spiaggia e le barche dei pescatori, conserva tutto il fascino delle epoche passate e continua ad ammaliare i suoi visitatori.
 
CERCA PER ZONA

Alla scoperta delle origini di Boccadasse: un borgo, tante leggende

Thu, 06 Jul 2017
Alla scoperta delle origini di Boccadasse: un borgo, tante leggende>

Boccadasse è un piccolo borgo marinaro nel centro della città di Genova di 5 km quadrati che, con la sua particolarissima conformazione, regala un caratteristico colpo d’occhio a chiunque si trovi nelle vicinanze.

Secondo una leggenda, il borgo sarebbe stato fondato intorno all’anno mille da un gruppo di pescatori spagnoli che, dopo essere stati in balìa di una terribile tempesta, hanno trovato rifugio proprio in questa insenatura. Inoltre, pare che dal nome del loro capitano (De Odero o Donderos) deriverebbe il cognome Dodero, tuttora diffuso in città. Si narra anche che, dal nome del borgo, sia derivato quello del quartiere di Buenos Aires "la Boca", abitato da immigrati di origine genovese.

In origine il borgo faceva parte del Comune di San Francesco d'Albaro, ma nel 1873 è stato accorpato al Comune di Genova. Grazie alla costruzione dell’arteria stradale di Corso Italia nei primissimi anni del ‘900, inoltre, Boccadasse è diventato il punto di ritrovo di moltissime famiglie genovesi dopo la classica passeggiata della domenica pomeriggio. Ad oggi questo bellissimo centro conserva tutto il fascino di un borgo rimasto pressoché invariato da almeno trecento anni, che ha saputo ispirare numerosi artisti, dai più ai meno noti.

Edoardo Firpo, infatti, ha dedicato a questo villaggio la poesia intitolata Boccadaze

O Boccadaze, quando a ti se chinn-a
sciortindo da-o borboggio da çittae,
s’à l’imprescion de ritorna in ta chinn-a
o de cazze in te brasse d’unna moae.

Pa che deslengue un po’ l’anscia da vitta
sentindo come lì s’eggian fermae
ne-a bella intimitae da to marinn-a
a paxe antiga e a to tranquillitae.

O Boccadasse, quando si scende a te
uscendo dal subbuglio della città,
si ha l’impressione di ritornare nella culla,
o di cadere fra le braccia d’una madre.

Pare che si sciolga un po’ l’ansia della vita
sentendo come lì si sian fermate
nella bella intimità della marina
la tua pace antica e la tranquillità.

Anche Gino Paoli e Ornella Vanoni hanno dedicato una canzone al borgo:


È proprio da Boccadasse che proviene la fidanzata genovese del Commissario Montalbano, il protagonista dei romanzi di Andrea Camilleri, da cui è stata tratta una delle serie televisive più amate dagli italiani.

Inoltre, una canzone del duo genovese I Trilli, intitolata Trilli Trilli, riprendendo un antico sfottò di sapore campanilistico, argomenta che gli abitanti di Boccadasse sono, se possibile, più tarlucchi (babbei) di quelli della Foce:  

Infine, Il gruppo progressive rock italiano Il Tempio delle Clessidre ha inoltre dedicato una canzone alle atmosfere poetiche di questo borgo marinaro:

Ma accantoniamo per un attimo l’arte e torniamo a noi: qual è l’origine di questo magnifico borgo?
La risposta non è così semplice, perché intorno al nome di Boccadasse gravitano diverse teorie e leggende.

La leggenda più conosciuta narra che il nome deriverebbe dalla singolare forma della piccola baia che sembra disegnare proprio una bocca d’asino, che nel dialetto della zona si dice “bocca d’aze”.

Secondo un’altra ipotesi, invece, il nome farebbe riferimento al torrente "Asse" che un tempo scorreva dove si trova via Boccadasse e che, dopo aver alimentato lavatoi e fontane, sfociava in mare proprio nel centro del borgo.

Una terza e ultima ipotesi attribuirebbe la denominazione a Guglielmo Boccadassino, antico proprietario della zona.

E voi quale teoria preferite?

Eventi a Boccadasse

  • Festa di Sant'Antonio a Boccadasse con fuochi d'artificio
    13-06-2019 | Boccadasse (GE)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-13 2019-06-13 Europe/Rome Festa di Sant'Antonio a Boccadasse con fuochi d'artificio Boccadasse

    Borgo di Boccadasse


Notizie correlate

Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Quando l'Isola dell'Asinara era l'Alcatraz italiana
Nei pressi del borgo sardo di Stintino sorge l'ex super carcere, oggi meta turistica e parco nazionale. Solo un bandito riuscì a evadere dalle sbarre, fuggendo in gommone. Tutti gli altri scontarono la loro condanna fino alla fine. A un passo dal mare azzurro
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di