Leggenda che aleggia intorno allo scoglio del pianto del Castello di Brolo
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

La leggenda di Maria la Bella e il Castello di Brolo

Thu, 22 Jun 2017
La leggenda di Maria la Bella e il Castello di Brolo

Il castello di Brolo, la cui costruzione risale al X secolo d.C., è situato su un incantevole promontorio a picco sul mare nella città metropolitana di Messina. L’edificio in epoca normanna era conosciuto con il nome Voab, il cui significato è “Rocca marina”, in virtù della sua posizione geografica e strategica. Infatti, con la sua magnifica torre, domina il borgo medievale sottostante. Del complesso originario del Castello resta la cortina muraria, i due portali di accesso ed una corte sistemata a giardino con un pozzo esagonale, il tutto sormontato dalla mole della torre medioevale, la quale si eleva per quattro livelli culminando in una terrazza merlata.

Il castello è stato per lungo tempo un’ambita sede di nobili, nonché residenza della Principessa Bianca Lancia, moglie dell’imperatore Federico II e madre di Manfredi re di Sicilia.

Se il Castello e il borgo medievale caratterizzano l'aspetto della cittadina, è grazie allo scoglio sottostante alla torre, detto “lo scoglio del pianto”, che Brolo si inserisce a buon diritto nell'elenco dei luoghi magici e leggendari della Sicilia.I vecchi pescatori del posto, infatti, narrano una leggenda, probabilmente legata alla famiglia Lancia: la leggenda di Maria la Bella, Figlia di Francesco I.

Pare che la bellissima principessa fosse solita affacciarsi al balcone per aspettare il suo amato, che con la sua piccola barca arrivava fin sotto alle mura del castello, per poi aggrapparsi alle biondissime trecce della principessa e scalare l’altissima torre per raggiungerla in segreto. Un giorno, però, il principe suo fratello si accorse dei loro incontri fugaci e, ingelositosi, decise di uccidere l’uomo che insidiava la bella Maria.

Dopo un ultimo incontro d’amore, in una notte buia e senza stelle, mentre il giovane stava scendendo dalla torre grazie alle trecce della sua Maria, venne ferito dal fratello che lo stava aspettando sullo scoglio antistante il castello, che da allora venne chiamato “lo scoglio del pianto”. Il corpo senza vita del giovane venne poi messo in un sacco e calato a fondo del mare.    

Da allora la bellissima principessa attese il suo spasimante invano e si narra che la sua anima aleggi ancora vicino allo scoglio, sempre pronta a consigliare i pescatori quando è meglio ritirarsi, dicendo loro:"Isati li riti! Viniti! Turnati!". Quando il mare è in bonaccia, invece, augura loro buona pesca con un “Juta e vinuta! Bona piscata!"

Oggi questo Castello è sede di un Museo e mantiene ancora il suo fascino, complici il suono delle onde che vanno a infrangersi sugli scogli e l'atmosfera medievale di cui la scena che si pone davanti agli occhi è permeata.

 

COMMENTI :

Eventi a Brolo

  • Maria SS. Annunziata
    25-03-2020 | Brolo (ME)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-03-25 2020-03-25 Europe/Rome Maria SS. Annunziata Brolo

    Borgo di Brolo

  • Festa della Madonna Addolorata Luminaria del Lacco
    13-09-2020 | Brolo (ME)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-09-13 2020-09-13 Europe/Rome Festa della Madonna Addolorata Luminaria del Lacco Una delle tradizioni popolari più tipiche del territorio, la “luminaria” del Lacco, la frazione, sullo spartiacque del colle, divisa per l’appunto, amministrativamente, tra i due comuni. La “luminaria” si svolge nell’ambito dei festeggiamenti della Madonna Addolorata, protettrice del borgo, per ricordare la statua raffigurante la Vergine che rimase indenne durante un incendio. Brolo

    Una delle tradizioni popolari più tipiche del territorio, la “luminaria” del Lacco, la frazione, sullo spartiacque del colle, divisa per l’appunto, amministrativamente, tra i due comuni. La “luminaria”...

    Borgo di Brolo | Scopri di più


Notizie correlate

La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di