Alla scoperta dell'origine del nome di Fiumalbo, uno dei borghi italiani più belli dell'entroterra modenese, derivante dell'unione del latino e del dialetto locale.

 
CERCA PER ZONA

Perché Fiumalbo si chiama così?
Thu, 15 Jun 2017

Perché Fiumalbo si chiama così?

Oggi scopriamo l'origine del nome di Fiumalbo, uno dei borghi più belli dell'Appennino modenese, che vanta una meravigliosa architettura di montagna, inserita in un altrettanto incantevole paesaggio in cui è possibile trovare un incrocio tra natura e tradizioni, che vedono da un lato luoghi magnifici per sciare e per escursioni, e dall'altro tradizioni ben radicate come le celebrazioni del Patrono S. Bartolomeo, la fiaccolata della vigilia e poi ancora il presepe vivente.

Ma veniamo a noi: da dove viene questo nome? Come sempre, bisogna analizzare il nome a partire dalla mescolanza tra lingue passate, come il latino, e i dialetti locali.
La parola Fiumalbo è composta da due parole latine "Flumen" e "Albus". Il nome, dunque, fa riferimento al fiume che scorre nel borgo, ma perché "Albus", dato che l'aggettivo latino "bianco" ha originato parole italiane come albino o albume?

Per alcuni il termine Albus si riferirebbe al fatto che l'acqua del fiume Scoltenna, che segna il confine tra Fiumalbo e Pievelago, infrangendosi contro i ciottoli del fondale, creerebbero una spumeggiante schiuma bianca.Tuttavia alcuni ritengono che la parola Albus sia una "storpiatura" dialettale e di "Alpium", trasformando così il nome del corso d'acqua in "Flume Alpium", ovvero il fiume delle Alpi. In questo modo si può comprendere che in realtà Fiumalbo era percepito dai modenesi di montagna come il luogo dove aveva origine un fiume che proveniva dalla più alta montagna. 

Eventi

  • Fiaccolata di Carnevale
    05-03-2019 | Fiumalbo (MO)
    Carnevale

    Aggiungi al tuo calendario 2019-03-05 2019-03-05 Europe/Rome Fiaccolata di Carnevale Alcuni volontari, sorreggendo grandi e pesanti fiaccole, percorrono di corsa il centro del paese dal Seminario a Ca' Monia, alla confluenza dei due corsi d'acqua, dove viene infine acceso un grande falò. Fiumalbo

    ...

    Borgo di Fiumalbo

  • Festa del patrono San Bartolomeo
    23-08-2019 | Fiumalbo (MO)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-23 2019-08-23 Europe/Rome Festa del patrono San Bartolomeo Tutto il borgo, torrente compreso, è disseminato di lumini, e in quest'atmosfera viene eseguita una processione nelle strade con la presenza delle due confraternite paesane. Fiumalbo

    Tutto il borgo, torrente compreso, è disseminato di lumini, e in quest'atmosfera viene eseguita una processione nelle strade con la presenza delle due confraternite paesane.

    Borgo di Fiumalbo


Notizie correlate

Un piccolo giro tra i borghi di Pavese
Santo Stefano Belbo in Piemonte e Brancaleone in Calabria
By Marino Pagano
Con Sophia Loren, anche Cesare Cremonini è Cittadino Onorario di Maratea.
E' stato recentemente reso noto dal comune della "perla del Tirreno" che il cantautore Cesare Cremonini è stato nominato cittadino onorario
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Il monte Mosiné: base aliena e terra di cupi misteri e leggende spirituali
Alle porte della Val di Susa, a pochi chilometri da Torino, si erge la montagna più misteriosa d’Italia, il monte Mosiné. Il luogo è celebre per i suoi innumerevoli avvistamenti di UFO e per le sue antiche leggende esoteriche.
By Pier olpato
I laghi di Avigliana tra misteri e fantasia
A qualche chilometro da Torino troviamo il comune di Avigliana, celebre borgo situato all’interno del Parco Naturale dei laghi di Avigliana, accanto alla palude dei Mareschi.
By Pier Volpato
10 cose da fare nei borghi italiani, all’insegna di grandi classici e inaspettate sorprese
Dieci cose da fare e da vedere nei borghi: un viaggio nella Penisola per vivere da protagonisti i luoghi italiani più preziosi e autentici, all’insegna di curiosità e opportunità
By Luciana Francesca Rebonato