'Sa scomuniga de Predi Antiogu, arrettori de Masuddas' il poemetto satirico che ha reso famoso il borgo di Masullas in tutto il mondo
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

La curiosa storia che divenne un poema popolare di un prete che scomunicò un intero paese in Sardegna

Sun, 04 Jun 2017
La curiosa storia che divenne un poema popolare di un prete che scomunicò un intero paese in Sardegna

Nel piccolo borgo di Masullas, in Sardegna, c'era un prete che possedeva capre e pecore, Preidi Antiogu. Un giorno il suo gregge gli venne rubato da uno o più ladri sconosciuti. Irritato dell'accaduto, dal pulpito della sua chiesa, Preidi Antiogu, scomunicò tutti gli abitanti di Masullas per convincerli a rivelare i colpevoli. Imprecando e scomunicando a destra e a manca, il prete, condannando vizi e peccati della sua parrocchia, finì per rivolgersi a chiunque gli venne in mente senza risparmiare nessuno: uomini, beste, maschie e femmine, giovani e vecchi, santi e demoni.

Questa è la storia che sembra aver ispirato l'autore anonimo di un poemetto satirico molto famoso in Sardegna, il "Sa scomuniga de Predi Antiogu, arrettori de Masuddas" che sembra essere stato scritto intorno al 1850 e che venne pubblicato per la prima volta dalla Tipografia del Corriere di Sardegna in Cagliari oltre 100 anni dopo. Si tratta di una predica con scomunica in versione poetica dove solo la parte di scomunica "ufficiale" fu scritta usando le formule in latino.

Questo curioso scritto ha affascinato diversi personaggi famosi tra cui Antonio Gramsci, che, giudicando il poema carico di “umorismo fresco e paesano”, ne sollecitò alla mamma l’invio in carcere con una lettera del 1927, e Max Leopold Wagner, autore di studi fondamentali sulla cultura e la lingua sarda, che tradusse “Sa Scomuniga” in tedesco e pubblicò in Germania il capolavoro nel 1942. Wagner ne disse: non ha pretensioni letterarie, ma non manca di “vis comica”, appunto perché rispecchia anch'essa la mentalità primitiva e la lingua piena di nasalizzazioni, di trasposizioni di suoni e di spropositi della gente campagnuola.
Successivamente sono state pubblicate altre edizioni del poema ben riassunte nel brillante ed approfondito lavoro di Antonello Satta pubblicato nel 1983.
Sempre recentemente, il poemetto ispirò Elio Turno Arthemalle e Rossella Faa (foto) a crearne una rappresentazione teatrale chiamata “Predi Antiogu e sa Perpetua” del quale vi proponiamo di seguito il servizio realizzato da Buongiorno Regione (RAI).
La versione in tedesco di Max Leopold Wagner ne favorì la diffusione presso studiosi e università di tutto il mondo.

COMMENTI :

Eventi a Masullas

  • Caboniscu ammuttau binu nieddu e pani indorau
    07-06-2020 | Masullas (OR)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-07 2020-06-07 Europe/Rome Caboniscu ammuttau binu nieddu e pani indorau Si degusta il polletto ruspante insaporito col mirto tipico della zona di Masullas, accompagnato da su pani indorau (ottimo pane locale fritto con l’uovo) e dal vino nero. Concerti e balli popolari animano le serate, caratterizzate da un atmosfera gioiosa e conviviale. Masullas

    Si degusta il polletto ruspante insaporito col mirto tipico della zona di Masullas, accompagnato da su pani indorau (ottimo pane locale fritto con l’uovo) e dal vino nero. Concerti e balli popolari animano...

    Borgo di Masullas

  • Madonna delle Grazie
    02-07-2020 | Masullas (OR)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-07-02 2020-07-02 Europe/Rome Madonna delle Grazie Le celebrazioni per la festa patronale della Madonna delle Grazie iniziano alle 10 del 2 luglio con la processione per le vie del paese accompagnata da launeddas a cui segue poi la Santa Messa. Verso le 18,30 la comunità si ritrova in piazza dove, accompagnati da gruppi folk, vengono eseguiti i tradizionali balli sardi. La serata si conclude poi con un concerto che cambia di anno in anno. Masullas

    Le celebrazioni per la festa patronale della Madonna delle Grazie iniziano alle 10 del 2 luglio con la processione per le vie del paese accompagnata da launeddas a cui segue poi la Santa Messa. Verso le...

    Borgo di Masullas


Notizie correlate

La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Carloforte: un borgo da vedere dal vivo, non solo in tv
Stanno per iniziare le riprese della terza stagione della fiction di Canale 5 'L'Isola di Pietro' e, per chi non fosse mai stato in questa località sarda, può essere l'occasione giusta: la produzione della serie tv sta cercando comparse...
By Joni Scarpolini
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
San Leo e la secolare tradizione dei giullari
Il borgo romagnolo è molto legato agli antichi giocolieri di strada, tanto da dedicare loro un festival dal sapore squisitamente medievale
By Joni Scarpolini
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Acerenza, il borgo dei misteri... tra il Sacro Graal e la figlia di Dracula
Secondo la leggenda, nella cattedrale del borgo lucano si nasconderebbe il Sacro Graal. E non solo: qui giacerebbe la salma della figlia del Conte Dracula
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di