La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Angrogna


Condividi
La Valle di Angrogna, che prende il nome dal torrente omonimo, toponimo celtico il cui significato è “acqua corrente”, è una vallata secondaria della Val Pellice. Frazionata in numerose borgate, la valle è stata un importante centro del movimento valdese e tutt’oggi risulta ricca di monumenti e luoghi storici visitabili a testimonianza delle vicende dei conflitti religiosi fra il XV ed il XVIII secolo.
  • Borgo in montagna
Angrogna, Coulege dei Barba  | Caffaro
Angrogna, Coulege dei Barba
Caffaro
Angrogna  | Enrico Aliberti
Angrogna
Enrico Aliberti
Angrogna  |
Angrogna
Angrogna, il monumento di Chanforan a Serre  | Caffaro
Angrogna, il monumento di Chanforan a Serre
Caffaro
Conca Pra a Bobbio Pellice  | Allais
Conca Pra a Bobbio Pellice
Allais
Conca Pra a Bobbio Pellice  | Allais
Conca Pra a Bobbio Pellice
Allais
Uno sguardo ad Angrogna
Uno sguardo ad Angrogna

Sul borgo

La Val d’Angrogna, diramazione secondaria verso nord della Val Pellice, è il cuore della cultura Valdese. Il borgo è il centro principale dell'intera vallata, ampia e boscosa, e deve il suo nome al torrente Engréunha, che lo percorre dal piccolo lago della Sella Vecchia fino al Pellice, a valle del ponte degli Appiotti, in Torre Pellice. La valle possiede numerosi luoghi di interesse storico, naturalistico e paesaggistico, compresi i sentieri che collegano le antiche borgate, tra cui il Sentiero dei partigiani e il percorso verso gli alpeggi della Sella Vecchia e di Crioulira.

All’interno dell’omonima valle troviamo inoltre una suggestiva borgata abbandonata, Barma Mounastira. Ci troviamo di fronte a una balma (dal termine ligure indicante rocce, caverne o ripari sotto la roccia) non appena intraprendiamo il cammino verso l’antico borgo in pietra, oggi abbandonato, che conserva però ancora tutto il suo autentico fascino. Un luogo dove il tempo sembra essersi fermato, dove ancora tutto trasuda la dura vita di montagna che ne plasmò gli abitanti. La borgata è singolare perchè addossata alla roccia che la ricopre anche completamente. Sono numerosi in queste valli i luoghi chiamati barma o balma, col significato di roccia aggettante e a volte quasi di grotta; luoghi utilizzati in passato come riparo dalle intemperie per persone e animali. Spesso, come in questo luogo, il riparo è diventato casa abitata fino a pochi decenni fa, poi abbandonata e ora restaurata. La scelta costruttiva fornisce anche un interessante condizionamento degli ambienti che, soprattutto d’inverno, ricevono calore dalla roccia retrostante. Il sistema era usato in modo diffuso: Barma Mounastira ne è un esempio significativo. La lunga fila di case abbandonate apparteneva anticamente a una delle famiglie Mounastìe, storica famiglia valdese di cui si ha traccia sin dal 1232. Tra gli abitati di Serre Malan, Chiot, Angrogna e Pradeltorno (e le molte altre borgate arroccate sui pendii della valle), sono molti i segni che cultura, storia e tradizioni valdesi hanno lasciato sul territorio. A partire dal Monumento di Chanforan a Serre, che ricorda un’importante assemblea di barba, predicatori medievali Valdesi, tenutasi nel Cinquecento. Nel nostro percorso verso Barma Mounastira incontriamo anche numerosi chiese e templi, e il cosiddetto Collegio dei Barba, un piccolo complesso di case in cui la leggenda vuole si formassero i predicatori valdesi.

Pietre scritte
L’uso di incidere sulla pietra dei segni che conservino la memoria del luogo e di chi lo ha abitato è antico di millenni. Coppelle, simboli o più semplicemente piquere testimoniano che la zona di Pradeltorno era abitata in tempi remoti ed il gran numero di incisioni di carattere sacro ne fa una specie di santuario.

Eigardoou
Il luogo offre una magnifica vista panoramica. È stato in diverse occasioni punto di vedetta da cui i Valdesi trincerati a Pradeltorno vedevano giungere le soldataglie del Duca di Savoia che, dopo aver saccheggiato e bruciato i loro beni venivano per massacrarli. Le Rocciaglie furono luogo di estrema difesa vittoriosa nelle persecuzioni del 1484 e del 1555, ma nulla poterono contro le soverchianti forze assalitrici nel 1686.

Banhòou e Barma d’ l’ours
Dopo l’8 settembre 1943 in questa località si formarono le bande partigiane. Nella Val Pellice le case del Banhòou divennero sede di raccolta e di comando. Nella vicina casa sotto la Barma d’ l’ours fu stampato a ciclostile il primo giornale libero clandestino Il Pioniere. Ora la casa al Banhòou è stata ricostruita. Chiamata Cà d’ la pais (casa della pace), accoglie oggi gruppi di giovani europei in un abbraccio fraterno.

Borgo di Angrogna
Comune di Angrogna

Città Metropolitana di Torino
Regione Piemonte

Abitanti: 886
Altitudine centro: 782 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Unione Montana del Pinerolese

Il Comune
Piazza Roma 1 - Tel. +39 0121 944153

IN AUTO

  • Da Torino: Immettersi su corso Orbassano, girare a sinistra per la A55 in direzione Tangenziale di Pinerolo, pagare il pedaggio a Beinasco, uscire in direzione SR23 Sestriere. Prendere diramazione Pinerolo, continuare su SR23 , girare a sinistra per la SP589 per poi prendere la SP161. Proseguire per 17 chilometri ed entrare a Pradeltorno, uscire infine ad Angrogna centro.

IN TRENO

  • Stazione di Torino

IN AEREO

  • Aeroporto di Torino-Caselle

Dormire, mangiare, comprare...

Trattoria Mamy
Corso Torino, 73 - 10051, Avigliana (Torino)
30.13 Chilometri da Angrogna
Azienda Agricola Ivano Challier
Fraz. Balboutet, Via Parco Orsiera, 2 - 10060, Usseaux (Torino)
8.75 Chilometri da Angrogna
Ski Sport Dain
Villaggio Campo Smith - 10052, Bardonecchia (Torino)
45.76 Chilometri da Angrogna

Eventi

lunedì
10
agosto, 2020

Festa patronale di San Lorenzo

Dal blog

La Supa Barbetta è una zuppa tipica delle valli valdesi. Il suo nome “barbetta” viene dal dialetto “barbet” (zio) nome con cui nell'antichità venivano chiamati i pastori. Questa zuppa, anche chiamata supa mitunàa o grisinaddo, veniva cucinata in tipiche pentole di rame (basine) ed oggi viene spesso preparata in pentole di coccio. Pur essendo un piatto a base di grissini può essere cucinata anche con del pane raffermo. Questo affonda ancora di più le sue...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950