La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Ispica


Condividi
Borgo suggestivo ed amabile, oggi meta di un turismo balneare di qualità, Ispica fu chiamata, fino al 1935, Spaccaforno: la caratterizza un tessuto urbano settecentesco, progettato all'indomani della distruzione catastrofica della città vecchia, rasa al suolo dal terremoto che nel 1693 sconvolse quest'area della Sicilia.
  • Area sosta camper
  • Città del vino
Chiesa di Santa Maria Maggiore  |
Chiesa di Santa Maria Maggiore
Ispica, Piazza Duomo  | Francesca Ercolini
Ispica, Piazza Duomo
Francesca Ercolini
Ispica, colonnato di Santa Maria Maggiore  | Francesca Ercolini
Ispica, colonnato di Santa Maria Maggiore
Francesca Ercolini
Cava d'Ispica  | Francesca Ercolini
Cava d'Ispica
Francesca Ercolini
Ispica, Presepe Vivente  | Francesca Ercolini
Ispica, Presepe Vivente
Francesca Ercolini
Uno sguardo a Ispica
Uno sguardo a Ispica
Video di Sicilia Tube

Eventi

giovedì
16
luglio, 2020

Madonna del Carmelo

Sul borgo

Una elegante cittadina settecentesca, come un balcone naturale arroccato sugli ultimi contrafforti dell'altipiano dei Monti Iblei, nel sud est della Sicilia, affacciato sull'azzurro del Mar d'Africa, da cui dista pochi chilometri. 

L'antica città si concentrava intorno ad una rupe abbarbicata su uno sperone che guarda, a sua volta, verso la cosiddetta Cava d'Ispica, un canyon naturale abitato sin dall'età del bronzo, ancora poco esplorato, lungo 13 km che si muove, tra la vegetazione mediterranea, in direzione Modica.

Il cuore storico della nuova Ispica è tutto un susseguirsi di eleganti opere tardo-barocche e liberty, a partire dal colonnato leggero e dall'imponente facciata della Basilica di Santa Maria Maggiore, che ha fatto capolino anche nella serie tv del commissario Montalbano. E poi la chiesa della SS. Annunziata, con la sua quinta scenografica della piazza antistante, il cinquecentesco ex convento del Carmine, il Convento e Chiesa di S. Maria del Gesù, che offrono invece una spaziosa vista che abbraccia tutta la pianura sottostante fino al Mar Mediterraneo, e verso le ultime propaggini dell'Isola, o la Chiesa di San Bartolomeo dal caratteristico sviluppo orizzontale. Splendido nelle sue architetture eleganti è Palazzo Bruno di Belmonte, il palazzo in stile liberty più importante della provincia, commissionato dall'on.le Pietro Bruno di Belmonte all'architetto palermitano Ernesto Basile dal 1906, oggi sede municipale.

Ispica è sempre stata legata al mondo del cinema. L'elegante colonnato della Basilica di Santa Maria Maggiore apare spesso nella serie tv del commissario Montalbano. Per la sua bellezza scenografica, Ispica è stata scelta come location per il film Divorzio all'italiana diretto nel 1961 da Pietro Germi. Una marcia funebre composta dal Maestro Bellisario, ispicese, nel 1933, è stata spesso usata in numerosi e famosi film, come "L'uomo delle Stelle" di Giuseppe Tornatore.

Mare e natura
Con i suoi oltre dieci chilometri di spiaggia libera, un villaggio turistico da 800 posti letto, sabbia fine e dune premiate costantemente con la Bandiera Blu per qualità dei servizi, Ispica si è ritagliata una fetta importante nel turismo balneare familiare, e non solo. Le frazioni di Santa Maria del Focallo e Punta Ciriga, dai caratteristici faraglioni, sono gettonatissimi. Una escursione naturalistica ci porterà infine ai Pantani Bruno e Longarini, laghi di acqua salmastra separati dal mare soltanto da dune di sabbia, luogo di sosta degli uccelli in migrazione come i fenicotteri.

Nonostante l'avvento del turismo, Ispica mantiene una sua vocazione agricola, che recentemente ha trovato sbocco nella coltivazione della Carota e nel Sesamo, per i quali sono arrivati importanti riconoscimenti di qualità.


Il presepe Vivente di Ispica, ambientato all'interno delle grotte naturali adiacenti al Parco Forza, è ritenuto il più bello di Sicilia.
Nato nel 1997, registra ad ogni edizione una intensa partecipazione, con punte di 25 mila spettatori a manifestazione: dentro antiche caverne, oltre 100 figuranti riproducono circa 40 antichi mestieri intervallati a numerose scene teatrali della natività tratte dalla Bibbia. In un'ora e venti di itinerario circa, percorrendo antichi sterrati tra grotte suggestive, si compie un vero e proprio viaggio indietro nel tempo.

Borgo di Ispica
Comune di Ispica

Provincia di Ragusa
Regione Sicilia

Abitanti: 16.239
Altitudine centro: 170 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino
Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria
Strada del Vino del Val di Noto
Bandiera Blu

Comune di Ispica
Corso Umberto I 451 - Ispica (RG)
Tel. +39 0932 701111

IN AUTO

  • Da Palermo: prendere lo svincolo per E90 e continuare su A19. Prendere l’uscita verso Scillato e continuare su SS643 e SP24. Prendere lo svincolo a sinistra per la A19/E932 e prendere l’uscita Tangenziale verso Siracusa/Ragusa/Catania Centro/Aeroporto/Porto. Entrare in E45. Continua su E45 fino Rosolini. Uscendo dal casello, girare a sinistra, oltrepassare il cavalcavia, alla rotonda svoltare a destra. Prendere la SS115 e proseguire verso Ispica. Alla prima rotatoria in direzione Ispica - Pozzallo mantenere la destra e salire su per la SS115. Benvenuti a Ispica.
  • Da Siracusa: percorrere l’autostrada E45 Siracusa - Gela, fino a raggiungere l’uscita obbligatoria Rosolini. Uscendo dal casello, girare a sinistra, oltrepassare il cavalcavia, alla rotonda svoltare a destra. Prendere la SS115 e proseguire verso Ispica. Alla prima rotatoria in direzione Ispica - Pozzallo mantenere la destra e salire su per la SS115. Benvenuti a Ispica.

IN TRENO

  • Stazione di Ragusa
  • Stazione di Siracusa

IN AEREO

  • Aeroporto di Catania
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950