La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Cefalù


Condividi
Uno dei maggiori centri balneari di tutta la regione, Cefalù sorge all'interno del Parco delle Madonie. Dominato dall'omonima Rocca, il centro storico possiede un impianto medievale, caratterizzato da strade strette, pavimentate con i ciottoli della spiaggia e il calcare della Rocca. I palazzi che arricchiscono la cittadina, sviluppatasi attorno al Duomo, sono costituiti da decorazioni architettoniche.
  • Borgo di mare
  • Borgo con parco
  • Borgo con castello
  • Siti UNESCO
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
Cefalu'  | stefano_valeri/shutterstock.com
Cefalu'
stefano_valeri/shutterstock.com
Cefalu'  | s-f/shutterstock.com
Cefalu'
s-f/shutterstock.com
Cefalu'  | cge2010/shutterstock.com
Cefalu'
cge2010/shutterstock.com
Cefalu'  | stefano_valeri/shutterstock.com
Cefalu'
stefano_valeri/shutterstock.com
Cefalu'  | S-F/shutterstock.com
Cefalu'
S-F/shutterstock.com
Cefalu', la Cattedrale dall'alto  | Comune di Cefalù
Cefalu', la Cattedrale dall'alto
Comune di Cefalù
Cefalu'  | Andrew Mayovskyy/shutterstock
Cefalu'
Andrew Mayovskyy/shutterstock
Cefalu', Marina  | Comune di Cefalù
Cefalu', Marina
Comune di Cefalù
Cefalu', Ritratto d'uomo di Antonello da Messina  | Comune di Cefalù
Cefalu', Ritratto d'uomo di Antonello da Messina
Comune di Cefalù
Cefalu'  | Comune di Cefalù
Cefalu'
Comune di Cefalù
Uno sguardo a Cefalù
Uno sguardo a Cefalù

Sul borgo

Cefalù è situato sulla costa settentrionale della Sicilia, ai piedi di un promontorio roccioso, all'interno del Parco delle Madonie. È uno dei maggiori centri balneari di tutta la regione. Il suo nucleo medioevale è ubicato sotto la Rocca di Cefalù.
Fuori dai confini del centro storico, il nucleo urbano si è esteso a cavallo della piccola area pianeggiante che separa la rocca dal resto del sistema collinare della costa espandendosi ulteriormente a mezza costa sui pendii delle colline lungo la costa.

Il centro storico di Cefalù ha un impianto medievale caratterizzato da strade strette, pavimentate con i ciottoli della spiaggia e il calcare della Rocca di Cefalù. In via Vittorio Emanuele si trova il lavatoio pubblico conosciuto come Lavatoio medioevale, presso il tardo-rinascimentale palazzo Martino.
Il lavatoio si presenta con una scalinata in pietra lavica e lumachella che conduce ad una pavimentazione levigata dal tempo e ad una serie di vasche che si colmano con le acque che scorrono da ventidue bocche di ghisa (di cui quindici teste leonine) disposte lungo le pareti sovrastate da basse volte.
Attraverso un piccolo antro, l'acqua raggiunge il mare. Nelle vasche sono evidenti gli appoggi che servivano per strofinare i panni.

Tracce di frequentazione del sito risalgono all'epoca preistorica, in particolare in due grotte che si aprono sul lato settentrionale del promontorio su cui sorse la città. A un insediamento pre-ellenico si riferisce la cinta muraria di tipo megalitico, datata alla fine del V secolo a.C., che circonda l'attuale centro storico ed è in gran parte ancora conservata, e il contemporaneo Tempio di Diana, un santuario costituito da un edificio megalitico, coperto con lastroni di pietra di tipo dolmenico che ospita una precedente cisterna più antica (IX secolo a.C.). Nel IV secolo a.C. i Greci diedero al centro indigeno il nome di Κεφαλοίδιον (Kefaloidion), dal greco kefa o kefalé, ovvero «testa, capo»; riferito probabilmente al suo promontorio. Non è da escludere tuttavia la ripresa fonetica dall'aramaico (lingua cananaica strettamente affine al fenicio) kephas («pietra, roccia»), dunque sempre in riferimento al promontorio. Nel 307 a.C. venne conquistata dai Siracusani e nel 254 a.C. dai Romani, che le diedero in latino il nome di Cephaloedium. La città ellenistico-romana ebbe una struttura urbanistica regolare, formata da strade secondarie confluenti sul principale asse viario e chiusa ad anello da una strada che segue il perimetro della cinta muraria. Nel periodo del dominio bizantino l'abitato si trasferì dalla pianura sulla rocca e restano tracce di lavori di fortificazione di quest'epoca (mura merlate), oltre a chiese, caserme, cisterne per l'acqua e forni). La vecchia città non venne tuttavia del tutto abbandonata, come prova il recente rinvenimento di un edificio di culto cristiano, con pavimento in mosaico policromo risalente al VI secolo.

Nell'858, dopo un lungo assedio, venne conquistata dagli Arabi, che le diedero il nome di Gafludi, e fece parte dell'emirato di Palermo. Di questo periodo si hanno tuttavia notizie scarse e frammentarie e mancano anche testimonianze monumentali. Nel 1063 fu conquistata dai Normanni di Ruggero I e, nel 1131, grazie a Ruggero II, fu rioccupato l'antico abitato sulla costa, rispettando la struttura urbana preesistente. Tra la metà del XIII secolo e il 1451 passò sotto il dominio di diversi feudatari e da ultimo divenne possedimento del vescovo di Cefalù. La storia successiva di Cefalù si può assimilare a quella della Sicilia e del resto dell'Italia. Nel 1752 vi si iniziano a stabilire i consolati stranieri (Francia, Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia) e la città diventa meta del Grand Tour. Durante il Risorgimento, vi venne fucilato, il 14 marzo 1857, il patriota Salvatore Spinuzza. Dopo lo sbarco di Giuseppe Garibaldi del gennaio 1861, la città proclamò la sua adesione al Regno d'Italia.

Borgo di Cefalù
Comune di Cefalù
Città Metropolitana di Palermo
Regione Sicilia

Abitanti: 14.393
Altitudine centro: 16 m s.l.m.

Sito Unesco:
Palermo arabo-normanna e cattedrali di Cefalù e Monreale

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Strada del Vino sul percorso della Targa Florio
Città e siti patrimonio mondiale Unesco

Aree naturali protette:
Parco delle Madonie

Il Comune
Corso Ruggero 139/B - Tel. 0921-924111

IN AUTO

  • Da Palermo: Percorrere l'autostrada A20 in direzione Messina; uscita Cefalù
  • Da Messina: Percorrere l'autostrada A20 in direzione Palermo; uscita Cefalù

IN TRENO

  • Stazioni di Palermo

IN AEREO

  • Aeroporto di Palermo
  • Aeroporto di Catania

VIA MARE

  • Porto di Palermo

Eventi

giovedì
31
dicembre, 2020

'A vecchia strina

giovedì
3
giugno, 2021

L'Ottava del Corpus Domini

da
lunedì
2
agosto, 2021
a venerdì 6 agosto 2021

Festeggiamenti del Santissimo Salvatore

Dal blog

Prendere un traghetto per visitare la Sicilia o le isole Egadi è senza dubbio un modo di assaporare questi luoghi in tutta comodità. Con partenze da Genova, Livorno, Civitavecchia, Napoli, Salerno, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Cagliari o anche da Tunisi, andare alla scoperta della terra di Trinacria non è mai stato così semplice. Affidandoci ad alcuni portali online avremo la possibilità di scegl...
Continua
Dopo un 2017 che ha visto crescere del 7 per cento i viaggi per turismo sui treni regionali di Trenitalia, questa partnership nasce con l'obiettivo di valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri del Belpaese raggiungibili con il mezzo di trasporto più ecologico, conveniente, sicuro e, grazie anche all’arrivo di nuovi treni, sempre più confortevole. Oltre a uno scambio di visibilità sui canali di comunicazione delle due real...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950