La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Craco


Condividi
Splendido “paese fantasma”, Craco si presenta come una scultura di origini medioevali circondata dai “Calanchi”. Distrutto nel 1963 da una frana, ha costretto la popolazione locale ad abbandonare il borgo per rifugiarsi nel nuovo comune di Craco Peschiera. Oggi è possibile seguire un percorso di visita guidata, lungo un itinerario messo in sicurezza, che consente di percorrere il corso principale del paese, fino a raggiungere quello che resta della vecchia piazza principale e addentrarsi nel nucleo della città fantasma.
  • Borgo con parco
  • Borgo fantasma
Craco  | Giuseppe Marinelli/shutterstock.com
Craco
Giuseppe Marinelli/shutterstock.com
Craco  | Giuseppe Marinelli/shutterstock.com
Craco
Giuseppe Marinelli/shutterstock.com
Craco  | Massimiliano Marino/shutterstock.com
Craco
Massimiliano Marino/shutterstock.com
Craco  | valeriomei/shutterstock.com
Craco
valeriomei/shutterstock.com
Chiesa di San Pietro  | mi.ti./shutterstock.com
Chiesa di San Pietro
mi.ti./shutterstock.com
Craco  | FABRIZIO CONTE/shutterstock.com
Craco
FABRIZIO CONTE/shutterstock.com
Il torrione  | massimiliano marino/shutterstock.com
Il torrione
massimiliano marino/shutterstock.com
Rovine del Palazzo  | Alfonso Di Vincenzo/shutterstock
Rovine del Palazzo
Alfonso Di Vincenzo/shutterstock
Uno sguardo a Craco
Uno sguardo a Craco
Video di Be On My Mind

Eventi

sabato
10
ottobre, 2020

San Nicola - Santo Patrono

Sul borgo

Craco è uno splendido “paese fantasma” situato a pochi chilometri da Matera. Osservandolo in lontananza, si presenta come una scultura di origini medioevali circondata dai “Calanchi”.

Nel 1963 il bel paesino fu colpito da una frana, costringendo la popolazione locale ad abbandonare il borgo per rifugiarsi nel nuovo comune di Craco Peschiera.

Ciò che è rimasto del vecchio paese lo si può osservare con una visita guidata, lungo un itinerario messo in sicurezza, che consente di percorrere il corso principale del paese, fino a raggiungere quello che resta della vecchia piazza principale e addentrarsi nel nucleo della città fantasma. Di Craco Vecchia restano le case in pietra aggrappate alla roccia e tra di esse si distingue la torre normanna in posizione dominante rispetto all’antico borgo.

La struttura di Craco Vecchia, le cui case sono arroccate attorno al torrione che domina il centro, risale tra il 1154 e il 1168, diventando durante il regno di Federico II un importante centro strategico militare.
Nonostante il suo abbandono, il paese è ricco di visitatori. Varcato il cancello che protegge il borgo, si può andare alla sua scoperta con una guida. Si procede lungo il percorso muniti di caschetto protettivo poiché alcune architetture tutt’oggi continuano a crollare.

Percorrendo il corso principale si raggiunge la vecchia piazza. Tra i palazzi nobiliari spiccano Palazzo Grossi, nei pressi della chiesa madre dedicata a San Nicola, coi suoi affreschi a motivi floreali e Palazzo Carbone, edificio della fine del quattrocento, con un ingresso monumentale. Accanto al vecchio Palazzo Maronna si eleva il torrione, definito dagli abitanti il “castello”, in quanto domina il paese e di cui è ancora possibile vedere l’originale portale d’ingresso e la torre con splendide finestre.

A nord di Craco vecchia sorge la chiesa della Madonna della Stella, di cui oggi si può ancora notare l’altare maggiore in marmo intagliato intarsiato, mentre tra la navata e il presbiterio è presente una cancellata in ferro battuto. Inoltre, in direzione Stigliano, si possono ammirare i resti della chiesetta di Sant’Eligio, che conserva ancora parte di un grande e pregevole affresco raffigurante la Crocifissione con Santi del ‘500.

Riconosciuta la bellezza del borgo, Craco rientra nella lista del World Monuments Funds. Qui è stata girata la scena dell’impiccagione di Giuda in “The Passion” (2004) da Mel Gibson.

In cucina, i piatti rispecchiano il carattere del territorio. Tra i piatti tradizionali spicca la pasta casereccia, tra cui le tagliatelle con la mollica, gli strascinati al ragù, le orecchiette con le cime di rapa o i cavatelli con la cicerchia. Per i dolci è possibile gustare le cartellate e i calzoncelli.

Borgo di Craco
Comune di Craco
Provincia di Matera
Regione Basilicata

Abitanti: 725
Altitudine centro: 391 m s.l.m.

Festa patronale
San Nicola - secondo sabato di ottobre

Comune di Craco
Via Mons. Mastronardi, 2 - Craco (MT)
tel: 0835459005

IN TRENO

  • Stazione di Potenza
  • Stazione di Gioia del Colle

IN AEREO

  • Aeroporto di Bari

Dormire, mangiare, comprare...

Pasticceria Ragone Dal 1963
Via Roma, 260 - 75028 , Tursi (Matera)
15.34 Chilometri da Craco
Lido Sporting Beach
Largo Enotria Lungomare di - 75025, Policoro (Matera)
27.56 Chilometri da Craco

Craco è sul numero 10 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950