La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Cingoli


Condividi
Cingoli, definito il "Balcone delle Marche", da una vasta terrazza, sulle mura castellane di origine medievale, è infatti possibile godere la vista di gran parte del territorio marchigiano. Il territorio comunale è molto esteso e ben preservato. Il centro si caratterizza per il susseguirsi di palazzi nobiliari dai colori caldi degli intonaci e dai portali rinascimentali.
  • Borgo in montagna
  • Borgo di lago
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
Cingoli  | gab90/shutterstock
Cingoli
gab90/shutterstock
Piazza Vittorio Emanuele II  | Ivan Pisoni
Piazza Vittorio Emanuele II
Ivan Pisoni
Cingoli  | Ivan Pisoni
Cingoli
Ivan Pisoni
Cingoli  | e-borghi
Cingoli
e-borghi
Cingoli  | e-borghi
Cingoli
e-borghi
Cingoli  | Ivan Pisoni
Cingoli
Ivan Pisoni
Chiesa Santa Maria Assunta  | e-borghi
Chiesa Santa Maria Assunta
e-borghi
Piazza Vittorio Emanuele II  | e-borghi
Piazza Vittorio Emanuele II
e-borghi
Cingoli  | gab90/shutterstock
Cingoli
gab90/shutterstock
Cingoli  | Ivan Pisoni
Cingoli
Ivan Pisoni
Cingoli  | gab90/shutterstock
Cingoli
gab90/shutterstock
Chiesa di San Filippo Neri  | e-borghi
Chiesa di San Filippo Neri
e-borghi
Chiesa di Santo Spirito  | e-borghi
Chiesa di Santo Spirito
e-borghi
Cingoli  | gab90/shutterstock
Cingoli
gab90/shutterstock
Cingoli  | Ivan Pisoni
Cingoli
Ivan Pisoni
Cingoli  | Ivan Pisoni
Cingoli
Ivan Pisoni
Cingoli  | Ivan Pisoni
Cingoli
Ivan Pisoni
Cingoli  | e-borghi
Cingoli
e-borghi
Cingoli  | e-borghi
Cingoli
e-borghi
Cingoli  | e-borghi
Cingoli
e-borghi
Cingoli  | e-borghi
Cingoli
e-borghi
Uno sguardo a Cingoli
Uno sguardo a Cingoli
veduta notturna di Cingoli in provincia di Macerata dalla strada del foro  | Mario Bocchini - e-borghi Community
veduta notturna di Cingoli in provincia di Mace...
Mario Bocchini - e-borghi Community

Sul borgo

Da una vasta terrazza, sulle mura medievali di Cingoli, è possibile godere la vista di gran parte del territorio marchigiano, con la cornice naturale, all'orizzonte, del mar Adriatico e del monte Conero. Il termine Cingulum significa in latino 'qualcosa che cinge': in effetti sin dai primi secoli la città si presentava come una realtà costruita su un monte per cingerlo.
Cingoli, quindi, equivarrebbe a città edificata sul ripiano di un monte. Le testimonianze più antiche di frequentazione dell'area di Cingoli risalgono al IV-III millennio a.C., mentre il primo nucleo insediativo, nell'area dell'attuale Borgo S. Lorenzo, può farsi risalire sicuramente al III sec. a.C.

Nel periodo romano, la città fu ampliata e abbellita da Tito Labieno, luogotenente di Giulio Cesare. A partire dalla metà del VI secolo si ha notizia di una diocesi cingolana con a capo il vescovo (poi patrono) Sant'Esuperanzio. A partire dal 1370 la Chiesa concesse al comune di Cingoli la facoltà di giudicare le cause criminali e civili fatta eccezione per il reato di eresia, di lesa maestà e di omicidio. Questo rapporto di fedeltà, però, si interruppe nel 1375, quando le città dello Stato della Chiesa si ribellano contro il pontefice Gregorio XI. Fu proprio in occasione di questo scontro, che prese il nome di Guerra degli Otto Santi che l’autorità della famiglia Cima poté riemergere.

La rivolta papale si concluse nel 1377, quando le truppe pontificie riconquistarono Cingoli e stipularono la pace di Sarzana nel 1378 con cui Urbano VI revocò i provvedimenti presi in precedenza. Riguardo al patrimonio dei Cima non si hanno testimonianze. Tuttavia un atto del 1408 dimostra che Giovanni di Benutino incamerò, con l’autorizzazione di Urbano VI, i beni degli eredi di Masio Cima. Sempre per quanto riguarda la divisione dei beni, tutti i cugini di Giovanni furono esiliati da Cingoli e quindi il potere si concentrò in un unico ramo della famiglia. Nel dicembre 1403 Papa Bonifacio IX investì Giovanni del vicariato in temporalibus su Cingoli per diciotto anni. La fedeltà dei Cima con papa Tomacelli garantì vari riconoscimenti. I Cima, grazie a questa riconciliazione, riuscirono a mantenere un ruolo egemone all'interno della città, senza ottenere un riconoscimento formale dal pontefice.

Meritano sicuramente una visita la Collegiata di Sant'Esuperanzio e il Museo Archeologico di Cingoli, ospitato nel Palazzo Comunale.

Borgo di Cingoli
Comune di Cingoli

Provincia di Macerata
Regione Marche

Abitanti: 10.289 (5.375 nel borgo)
Altitudine centro: 631 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Unione Alte Valli del Potenza e Esino

Comune di Cingoli
Piazza Vittorio Emanuele II - Cingoli (MC)
Tel. +39 0733 601911

IN AUTO

  • Da Nord e da Sud: Prendere l'autostrada A14 (da nord in direzione di Ancona e da sud in direzione di Napoli), uscire ad Ancona Nord, seguire la direzione Roma, continuare sulla SS 76, uscire in direzione Cingoli/Jesi Ovest, continuare sulla SP 502 e seguire indicazioni per Cingoli.

IN TRENO

  • Stazione di Jesi 
  • Stazione di Macerata

IN AEREO

  • Aeroporto Ancona

VIA MARE

  • Porto di Ancona 

Dormire, mangiare, comprare...

Ristorante Osteria del Foro
Località Castel San Angelo, 4, 62011, Cingoli
Comites - Agenzia Immobiliare
Borgo Danti Paolo 11, 62011, Cingoli

Eventi

domenica
24
gennaio, 2021

Sant'Esuperanzio

Dal blog

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950