La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Candela


Condividi
Racchiusa tra il Fiume Ofanto e il Torrente Carapelle, Candela è un centro dal passato millenario, la cui essenza è ancora viva nel suggestivo borgo medievale, la Cittadella sulle colline, dove fu fondata dai Longobardi del Ducato di Benevento. Il tessuto urbano è composto da un intrico di ripide ed interminabili salite e stretti vicoli.
  • Borgo con parco
  • Area sosta camper
  • Borghi autentici d'Italia
  • Città dell'olio
Candela  | Claudio Giovanni Colombo/shutterstock.com
Candela
Claudio Giovanni Colombo/shutterstock.com
Fiume Ofanto  | ArcheoFlight/shutterstock.com
Fiume Ofanto
ArcheoFlight/shutterstock.com
Uno sguardo a Candela
Uno sguardo a Candela

Eventi

da
domenica
16
agosto, 2020
a martedì 18 agosto 2020

Festa di San Rocco

domenica
16
agosto, 2020

San Rocco

Sul borgo

Il borgo sorge su due colline dette di San Rocco e di San Tommaso, nel subappennino Dauno meridionale. Le origini di Candela (Cannéla in dialetto locale) restano tuttora misteriose. La più antica testimonianza relativa alla sua esistenza risale al 1066. Tuttavia secondo la versione più accreditata l’attuale borgo sorse nel periodo delle invasioni Ostrogote-Longobarde, le cui razzie, avevano costretto la popolazione di origine dauna ad abbandonare un primitivo insediamento, situato poco distante, per rifugiarsi sulla collina.

Gran parte dello sviluppo di Candela è legato allo storico fiume Ofanto, che divide il borgo dal versante lucano e campano e da altri torrenti che l’attraversano in tutto il suo perimetro naturale. Nel 1531, alla morte di Filiberto d’Orange, Carlo V, concesse al grande ammiraglio Andrea Doria il principato di Melfi ed il tenimento di Candela. Sotto i quasi 277 anni che i Doria possedettero Candela, il borgo diventò un vero punto di riferimento per tutto il territorio circostante. A testimonianza della sua crescita furono costruite la Chiesa Madre, la Chiesa della Concezione e il palazzo Doria. Moltissime erano anche le botteghe artigiane e ricercatissimo era il suo grano. Storicamente era notevole anche la pastorizia. Qui affluivano le greggi della Transumanza dopo aver percorso il tratturo grande Pescasseroli-Candela. Ma un avvenimento abbastanza significativo dell’importanza che assunse il borgo all’epoca è il soggiorno in loco del noto Ciccio d’Andrea, dove poi rimase fino alla morte. 

Il tessuto urbano è composto da un intrico di ripide ed interminabili salite e stretti vicoli. Passeggiando per le caratteristiche vie della Cittadella, non molto lontano dal Castello, si arriva in una delle chiese più antiche di Candela, dedicata a San Tommaso. Per accedere alla parte alta del paese si attraversano alcune porte e su una di queste, la porta della Cittadella, si può ammirare un bel mosaico che raffigura la Candelora. Poco fuori l’abitato di Candela troviamo Torre Bianca, una tenuta immersa nel verde, già feudo dei Doria-Pamphili, che fu acquistata nell'ottocento dalla famiglia Ripandelli.

Tra i piatti tipici di Candela sono da ricordare le r’cch’telle (orecchiette) e rucola con la ricotta tosta, i cavatiell’ e acc’ e i maccarunar’ al sugo.

Borgo di Candela
Comune di Candela

Provincia di Foggia
Regione Puglia

Abitanti: 2.802
Altitudine centro: 474 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Parco naturale regionale Fiume Ofanto

Il Comune
Piazza Aldo Moro 9 - Tel. +39 0885 653102

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Candela sono:
    - Uscita Candela (A16 Napoli-Canosa)
    - Uscita Lacedonia (A16 Napoli-Canosa)

IN TRENO

  • Stazione di Melfi
  • Stazione di Foggia

Dormire, mangiare, comprare...

Nautica Vieste
Viale XXIV Maggio, 16 - 71019, Vieste (Foggia)
99.55 Chilometri da Candela

Dal blog

Foggiano e Irpinia. Hai detto tutto, hai detto molto. Si pensi alla provincia di Foggia. Estesissima. Dai paesi subito dopo il barese e la Bat, ecco già Cerignola, storica e grossa realtà agricola, la città del sindacalista Di Vittorio. Da qui si va all'interno, andando verso Candela e il Subappennino Dauno, 49 borghi incastonati nei rilievi non altissimi di questo particolare scampolo montano meridionale e pugliese. Ancor...
Continua
Le sue radici affondano nella Daunia Meridionale, nel nord ovest della Puglia, in uno dei borghi medievali più belli del meridione italiano. Qui è tutto molto diverso dalla Roma dove l’attore e doppiatore Pierfrancesco Favino è nato nell’agosto del 1969. Di Candela sono originari i suoi genitori. Borgo collinare d’origini medievali, Candela sorge sulle colline di San Rocco e San Tommaso, a cinquecento metri d’altitudine, ed è racchiusa tra il torrente Carapelle ed il fium...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950