La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Barberino Val d´Elsa


Condividi
Borgo fortificato, situato tra le colline della Val d'Elsa tra Siena e Firenze, Barberino offre un incantevole panorama tra le colline del Chianti. Passeggiando per il borgo sembra di rivivere la storia di un tempo. Accedendo al borgo attraverso la Porta Senese, si incontra il Palazzo del Cardinale. Proseguendo per la via principale si incontra il Palazzo Pretorio, ora sede della Propositura di San Bartolomeo.
  • Agibile ai disabili
  • Paesi Bandiera Arancione
Barberino Val d'Elsa  | Carol A Hudson/shutterstock.com
Barberino Val d'Elsa
Carol A Hudson/shutterstock.com
Barberino Val d'Elsa  | Simona Bottone/shutterstock.com
Barberino Val d'Elsa
Simona Bottone/shutterstock.com
Barberino Val d'Elsa  | Toscana Promozione Turistica
Barberino Val d'Elsa
Toscana Promozione Turistica
Barberino Val d'Elsa  | Toscana Promozione Turistica
Barberino Val d'Elsa
Toscana Promozione Turistica

Eventi

lunedì
24
agosto, 2020

San Bartolomeo

Sul borgo

La storia di Barberino Val d'Elsa, in Toscana, è legata alla distruzione di Semifonte da parte dei Fiorentini nel 1202. Il suo sviluppo, invece, al fatto di essere sulla Strada Regia Romana che collegava Firenze con Roma. Il borgo è caratterizzato da una forma simile ad un fuso allungato, all'interno del quale la strada principale arriva fino al centro collegando i due maggiori punti di accesso alla città. Entrando dalla Porta Senese a sud, abbastanza ben preservata, ci troviamo in via Francesco da Barberino, dove ci sono diversi edifici interessanti dai bellissimi portoni di legno e dalle pareti in limpida pietra che, secondo le leggende, sono proprio quelle delle macerie di Semifonte. Alla sinistra dell'entrata si trova il Palazzo del Cardinale, dove sulla porta d'ingresso è possibile vedere lo stemma delle api, quello appunto dei Barberini, la potente famiglia di Papa Urbano VIII. Proseguendo per la via principale, incontriamo sulla destra il Palazzo Pretorio, attualmente prepositura di San Bartolomeo, con facciata rinascimentale decorata con i 35 stemmi gentilizi appartenenti alle famiglie più importanti di Firenze, perlopiù scolpite in pietra serena con qualche esempio in ceramica invetriata di fattura robbiana. La caratteristica disposizione urbanistica ci fa ammirare la parte posteriore della Chiesa di San Bartolomeo.

La posizione di Barberino sul crocevia che conduce verso la via Francigena ha sempre fatto di questo borgo un luogo di accoglienza e riposo dei viaggiatori e i suoi abitanti si prendevano cura dei pellegrini. Infatti nei pressi della Porta Fiorentina si trova lo Spedale dei Pellegrini, fatto costruire nel 1365 da Taddeo di Cecco, figlio del notaio poeta Francesco da Barberino. Restaurato recentemente l'antico edifico è caratterizzato da un bel portale trecentesco archiacuto che si affaccia sull'omonima piazzetta. Continuando a camminare, si raggiunge la Chiesa di San Bartolomeo.

Nel suo territorio possiamo incontrare il sito archeologico medioevale di Semifonte, che derivava il proprio nome dalla corruzione del latino summos fons, sorgente sull’altura, dato che si collocava proprio sulla sommità di una collina. Semifonte conobbe in un breve volgere di tempo la nascita, la potenza e il definitivo oblio. Nel 1181 il conte Alberto degli Alberti, per contrastare l’espansione fiorentina, intraprese la costruzione di una fortezza che dominasse la Via Volterrana e la Via Francigena: questo castello in breve tempo si trasformò in un potente borgo, difeso da tre chilometri di bastioni, con quattro porte, un mastio, sette chiese e trecento abitazioni. Fin dall’inizio Firenze, allarmata dalla collocazione strategica della nuova fortezza, tentò in ogni modo di contrastarne la crescita, ma lo sviluppo urbanistico ed economico del nuovo insediamento fu rapidissimo, tanto che all’epoca a Semifonte si cantava “Va Firenze, fatti in là che Semifonte divien città”. Anche Dante, nel Paradiso, la cita come centro di primaria importanza. «Se la gente ch'al mondo più traligna non fosse stata a Cesare noverca, ma come madre a suo figlio benigna,tal fatto è fiorentino e cambia e merca, che si sarebbe volto a Simifonti, là dove andava l'avolo alla cerca». (Dante Alighieri, Paradiso XVI,58-63)

Firenze non poteva permettere che i Semifontesi, combattenti coraggiosi ed abili mercanti, si espandessero a sue spese, e non interruppe mai le ostilità. In un primo momento Semifonte poté godere dell’aiuto delle piccole città limitrofe, come Colle e San Gimignano, contrarie all’egemonia fiorentina, ma nel 1200 anche il conte Alberto IV, per salvare il resto dei suoi domini feudali, si accordò con il Comune di Firenze vendendogli per quattrocento libbre la sua metà dei diritti sul castello. L’isolamento diplomatico e la carestia, l’uso di terribili macchine da guerra e il fuoco greco portarono, infine, nel 1202, alla resa della fortezza. Gli abitanti ebbero salva la vita, ma la città fu rasa al suolo pietra su pietra. La demolizione si protrasse per anni e il materiale lapideo fu recuperato ed impiegato per erigere una potente cinta muraria a Barberino Val d’Elsa. Alla distruzione sopravvisse solamente l’odierno abitato di Petrognano, poiché si trovava fuori dal circuito murario della città: si tratta del cosiddetto “Borgo”, che in realtà doveva essere anch’esso fortificato, e che durante l’assedio fu conquistato per primo dalle milizie fiorentine. Vi si possono vedere oggi le strutture di tre case - torri e di alcuni bastioni.

Di Semifonte non rimase nemmeno la memoria. Per quattro secoli rimase in vigore la legge che vietava di costruire sulle terre dove era sorta Semifonte, finché nel 1597, su progetto di Santi di Tito e per volontà di Giovanni Battista di Neri Capponi, che ottenne dal Granduca Ferdinando I una speciale deroga, fu eretta, ove un tempo si trovava la piazza centrale del paese, una cappella a pianta ottagonale dedicata a San Michele, che riproduceva in perfetta scala di uno a otto quella di Santa Maria del Fiore di Firenze, innalzata dal Brunelleschi.

Della città restano nascosti dalla vegetazione alcuni ruderi quali fornaci e alcune cappelle contenenti sorgenti. Molto bella la cosiddetta Fonte del Latte.


È sulle rovine della potentissima Semifonte, che nacque un luogo di ristoro e sollievo per i pellegrini romei, che nel XIV secolo, dopo il dirottamento della via Francigena su Firenze, trovavano a Barberino un noto Spedale, oltre che locande e chiese nelle quali alleviarsi dalle fatiche e riposare corpo e spirito. Allo stesso modo, nei dintorni del borgo, gli stessi pellegrini, imboccando la strada per la Vald’Elsa e Siena, potevano sostare e confortarsi nella Pieve di Sant’Appiano, alla quale anche i visitatori d’oggi possono giungere in pochi passi percorrendo l’antica strada. La pieve è una delle più antiche chiese del contado fiorentino, affascinante soprattutto per l’accostamento delle sue parti più antiche in pietra, risalenti all’XI secolo, con quelle tardo romaniche in laterizio. Il suo Antiquarium raccoglie reperti etruschi, rinvenuti in zona, e dipinti di soggetto sacro. Camminando tra la natura dei dintorni, sembra quasi di poter sentir narrare l’amara storia dell’antica Semifonte, che, osando sfidare la supremazia della città gigliata, fu condannata dai fiorentini a totale distruzione e perpetuo abbandono. L’attuale progetto di farne, assieme ad altri luoghi circostanti, un parco paesaggistico, porta nuova luce e splendore su quell’antica condanna e sui ruderi della vecchia affascinante città, che ancora si nascondono tra la vegetazione.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi da amare

Borgo di Barberino Val d'Elsa
Comune di Barberino Val d'Elsa
 
Provincia di Firenze
Regione Toscana

Abitanti: 4.386
Altitudine centro: 373 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Paesi bandiera arancione
Unione del Chianti Fiorentino

 Il Comune
Via Cassia 49 - Tel. +39 055 80521

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A1, uscire a Firenze Certosa, continuare sul raccordo RA3 Firenze - Siena, uscire a Tavarnelle, seguire la direzione Tavarnelle - Barberino Val d'Elsa, attraversare Tavarnelle e seguire poi le indicazioni per entrare in Barberino Val d'Elsa.
  • Da Sud: Prendere l'autostrada A1, seguire la direzione Firenze, uscire a Valdichiana - Bettolle - Sinalunga, continuare sulla SS327 e poi prendere il raccordo RA6, uscire a Siena - Firenze - Grosseto, immettersi sul raccordo Siena-Bettolle, prendere la Tangenziale Siena Ovest e poi la Superstrada Firenze - Siena, continuare su RA3 e uscire a Poggibonsi Nord, continuare su SR2 e uscire a Barberino Val d'Elsa.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Poggibonsi

IN AEREO

  • Aeroporto di Firenze 

VIA MARE

  • Porto di Livorno

Dormire, mangiare, comprare...

Dal blog

Magnifica e munifica, la Toscana, una regione costellata da monili preziosi: i borghi della memoria, un unicum di storia, tradizioni, leggende, costumi e folclore. A iniziare dal suo capoluogo, Firenze, nel cui territorio spiccano, fra i numerosi, Vinci, Barberino Val d’Elsa, Certaldo, Montefioralle e Scarperia. E poi Montelupo Fiorentino, la cui tradizione manifatturiera si ritrova anche nella gastronomia che dal passato arriva fino a o...
Continua
E’ stata la festa dei più piccoli in uno dei borghi più belli della Toscana. Da Collodi il burattino e la sua colorata carovana ha fatto tappa a Barberino Val d’Elsa. Centinaia di famiglie sono state coinvolte in un viaggio ludico e interattivo, fatto di parole, suoni e giochi nel segno della cultura dell’infanzia. Il Paese dei Balocchi è stato siglato da un incredibile successo nella terra di Francesco ed Andrea da Barberino, il castello che ha dato i natali ad alcuni degli intellet...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950