La più grande risorsa online su turismo lento e borghi
Accedi alla community

Montefortino


Condividi
Il piccolo borgo di Montefortino è posto in posizione digradante sulla destra del fiume Tenna, abbracciato dai Monti Sibillini. Diversi sono i luoghi di interesse da visitare come ad esempio le Gole dell’Infernaccio, gole naturali formate dal fiume Tenna, con un paesaggio e un panorama davvero unici, dove alla fine dell’avventurosa camminata si rimane incantati dalla cascata nascosta e dall’eremo di San Leonardo al Volubrio, meta di continui pellegrinaggi ed escursioni.
  • Borgo in montagna
  • Borgo di lago
  • Borgo con parco
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
Montefortino  |
Montefortino
Montefortino  |
Montefortino
Montefortino, Santuario della Madonna dell'Ambro  |
Montefortino, Santuario della Madonna dell'Ambro
Montefortino, Pinacoteca Duranti  | Fabrizio Ardito
Montefortino, Pinacoteca Duranti
Fabrizio Ardito
Montefortino, Pinacoteca Duranti  | Fabrizio Ardito
Montefortino, Pinacoteca Duranti
Fabrizio Ardito
Montefortino  | Buffy1982/shutterstock
Montefortino
Buffy1982/shutterstock
Uno sguardo a Montefortino
Uno sguardo a Montefortino
Video di Marca Fermana

Sul borgo

I primi insediamenti sul territorio di Montefortino risalgono al periodo dell'Impero di Augusto (29 a.C.-19 d.C.), quando venne centuriato ed assegnato ai soldati romani come residenza di fine carriera. Alcuni toponimi della zona testimoniano la presenza del culto pagano di Marte, dio della guerra, come Colmartese, Santa Maria de Marte o Campo d'Arte (derivato da "Campo Marte"). L’umanista Palmieri, nel 1650, ipotizzò che la Casa Roscia, insigne famiglia fortinese, fosse una delle tante famiglie consolari, inviate nel Piceno ai tempi di Pompeo. Tra il VI e l'VIII secolo venne occupato dai longobardi. A questo periodo sembra risalire la costruzione della pieve di Sant'Angelo in Montespino, baluardo dei monaci farfensi nel X e XI secolo. All'inizio dell'XI secolo, invece, risale la costruzione della chiesa di Santa Maria in Amaro, trasformata nel seicento nel santuario della Madonna dell'Ambro, a seguito del miracolo dell'apparizione della Madonna ad un pastorella muta dalla nascita, che riacquistò la parola.

La costruzione del borgo fortificato sulla dorsale di un colle sulla riva destra del Tenna risale, invece, al XII secolo. Nel 1066 è documentata una battaglia per il controllo dei pascoli montani contro il comune di Visso, combattutasi a Capotenna. In onore della vittoria i fortinesi scolpirono una statua di fico dedicata a Sant'Antonio, la quale fu posta presso l'allora esistente eremo intitolato al Santo, situato proprio a Capotenna. Nel 1084 Montefortino divenne libero Comune e si schierò al fianco di Monte Passillo (l'attuale Comunanza) contro le vicine Amandola, Montemonaco e Visso. Al termine di queste lotte, nel 1265 venne costruita la chiesa della Madonna della Pace. Dopo essere stato possedimento di Fermo, Montefortino passò sotto Camerino nella prima metà del Quattrocento e poi nella Signoria degli Sforza. Nel 1586 divenne territorio della Chiesa fino all'unità d'Italia.

Del borgo fortificato sono rimaste la porta di Santa Lucia, la porta San Biagio (o Portarella) e la porta di Valle (o di Vetice). Queste porte immettono in una serie di vicoli che portano in piazza Re Umberto I, caratterizzata da un'ampia vista panoramica sui Monti Sibillini. Meritano sicuramente una visita la chiesa di San Francesco (o di Santa Maria del Girone, del 1549), al cui interno si trova una Madonna del Rosario di Simone De Magistris, il cinquecentesco Palazzo Leopardi, oggi sede della Pinacoteca civica intitolata al pittore locale Fortunato Duranti (1797-1863), ed infine il Tempietto dell'Orologio, singolare costruzione del XVI secolo la cui facciata venne disegnata dallo stesso Duranti, che poi vi dimorò durante durante gli ultimi anni della sua vita.

Nei dintorni di Montefortino numerose sono le emergenze architettoniche e i siti naturalistici che restano da scoprire, primo fra tutti il Santuario della Madonna dell'Ambro, antico luogo di culto mariano fra i più importanti della regione. Sorge lungo la valle del torrente Ambro, dove intorno all'XI secolo venne edificata la prima chiesa dedicata alla Madonna, come vuole la tradizione, in seguito ad una apparizione della Vergine ad una pastorella del luogo, che cieca riacquistò la vista. Gran parte del territorio di Montefortino si estende sulle montagne, che custodiscono molte testimonianze del passato agri-pastorale dei suoi abitanti, come ad esempio Le Case (Lu Pià), piccole abitazioni in pietra utilizzate dai pastori durante le transumanze, i casali di alta montagna e resti di antichi ricoveri per animali, ricavati dentro a cenge e altri anfratti naturali. Da non perdere infine le sorgenti dell'Ambro e le Gole dell'Infernaccio, tra le più suggestive dell'intera regione, che custodiscono tra l'altro l'eremo di San Leonardo al Volubio e le rovine della chiesa di San Chiodo, che prima di essere definitivamente abbandonata era stata adibita persino a rifugio per il bestiame.

Borgo di Montefortino
Comune di Montefortino

Provincia di Fermo
Regione Marche

Abitanti: 1.117 (421 nel borgo)
Altitudine centro: 612 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Unione montana dei Sibillini

Aree naturali protette:
Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Comune di Montefortino
Via Roma 21 - Montefortino (FM)
Tel. +39 0736 859101

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A14 Bologna - Bari in direzione di Ancona, uscire a Civitanova Marche, prendere la superstrada SS 77 in direzione di Tolentino/Macerata, uscire a Macerata Ovest/Sforzacosta, continuare sulla SP 78 in direzione di Ascoli Piceno, attraversare Maestà, Passo San Ginesio, Sarnano, Amandola, continuare sulla SP 83 in direzione Montefortino.
  • Da Sud: Prendere l'autostrada A14 in direzione di Napoli, seguire la direzione San Benedetto del Tronto/Ascoli Piceno, continuare su RA11, uscire in direzione Roma, immettersi sulla SS 4, attraversare Roccafluvione, Bussonico, svoltare sulla SP 83 in direzione Montefortino.
  • Da Ascoli Piceno: Prendere la SP 235, imboccare la SS 4, continuare sulla SP 237, attraversare Roccafluvione, Bussonico, svoltare sulla SP 83 in direzione Montefortino.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di San Benedetto del Tronto

IN AEREO

  • Aeroporto di Ancona
  • Aeroporto di Pescara 

VIA MARE

  • Porto di Ancona

Dormire, mangiare, comprare...

Castrum Morisci
Via Molino, 18, 63826, Moresco (Fermo)
35.39 Chilometri da Montefortino
Cella-Shirley
Via dei Tiratori, 13, 63858, Montefortino

Eventi

mercoledì
29
settembre, 2021

San Michele Arcangelo

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950