La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Mercogliano


Condividi
Mercogliano è situato alle falde meridionali del Massiccio sud orientale del Monte Partenio, che domina la conca Avellinese con i suoi 1493 metri di altezza. Il territorio comunale si sviluppa in un suggestivo ambiente di alte colline e di montagne, fortemente segnato dalle presenze di faggi e di castagneti.
  • Borgo con parco
Mercogliano, Abbazia di Loreto  |
Mercogliano, Abbazia di Loreto
Mercogliano, Santuario di Montevergine  |
Mercogliano, Santuario di Montevergine
Mercogliano, Collecastello  |
Mercogliano, Collecastello
Mercogliano  |
Mercogliano
Mercogliano  |
Mercogliano
Uno sguardo a Mercogliano
Uno sguardo a Mercogliano

Sul borgo

Il nome Mercogliano sembra derivare da Mercurianum e indicherebbe la presenza in questi luoghi di possedimenti, praedia, dei magistri mercuriales, i magistrati, prevalentemente liberti, che amministravano il culto di Mercurio.
Essendovi sorta dopo la guerra sannitica una colonia romana, il luogo conservò il nome del luogo dove, appunto si venerava il culto di Mercurio, fino al medioevo con la denominazione di "Castrum Mercuriani", da cui deriva il nome attuale.

Il luogo, comunque, fino al XV secolo conserva anche nello stesso stemma civico, l'immagine del dio Mercurio. Di particolare importanza è una colonna militare romana ritrovata in località Alvanella che conferma la presenza di un'importante arteria viaria che conduceva (e conduce) a Napoli.

La vera fondazione di Mercogliano è riconducibile agli ultimi decenni del VI secolo, in concomitanza della calata dei Longobardi nel sud Italia. Una colonia di profughi della vicina Abellinum, proprio per sfuggire ai Longobardi, occupano la collina di Mercogliano. In poco tempo viene costruito un centro abitato che lentamente si popola.

Mercogliano, ancora casale di Avellino, viene citato per la prima volta in un documento nel 982. Lo sviluppo del paese continua ancora nell'anno 1000 in seguito all'invasione dei Normanni nel Sud Italia, iniziata nel 1030. In quel periodo viene costruito il Castello. Tra il 1077 e il 1089, a testimonianza di un continuo sviluppo, l'antico casale viene elevato al rango di castello.

Mercogliano acquisisce così autonomia amministrativa. Signore del borgo fortificato nel 1136 era un certo Enrico di Sarno, subfeudatario del conte di Avellino Rainulfo. Nel 1137, sotto Ruggiero II, che assediò Mercogliano occupandone il castello, inizia la dominazione normanna. A quel tempo Ruggiero II fece rinchiudere nel castello Matilde, la moglie del conte Rainulfo.

Il feudo venne poi donato da Ruggiero II a Riccardo de Aquila, nominato anche nel catalogo dei Baroni per l'invio in Terra Santa di alcuni cavalieri ed armigeri. A Riccardo de Aquila, diversi anni dopo, vi successero Ruggiero, 1161, e la contessa Pierrone de Aquila, 1183, sposa di Ruggiero de Castelvetere.

Meritano sicuramente una visita il Santuario di Montevergine, nell'omonima località, che meta di numerosi pellegrinaggi provenienti da ogni parte d'Italia, specie nel periodo estivo. Grazie ad una funicolare è possibile raggiungere il santuario da Mercogliano in soli sette minuti. Ripercorrendo a ritroso la strada rotabile o ridiscendendo con la funicolare, giunti a Mercogliano ci si imbatte in un altro piccolo tesoro monumentale e culturale: l'Abbazia di Loreto.

Il borgo medievale di Capocastello invece avvolgeva il castello, edificato tra 1077 e il 1099 (prevalentemente intorno al 1089), ed era protetto da una cinta muraria a difesa degli attacchi dei Normanni. Lungo le mura insistevano cinque porte che consentivano l'accesso al borgo medievale. Qui è possibile visitare l'Antiquarium di Mercogliano.

Borgo di Mercogliano
Comune di Mercogliano
Provincia di Avellino
Regione Campania

Abitanti: 12.288 (7.832 nel borgo)
Altitudine centro: 550 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città della nocciola
Comunità Montana del Partenio - Vallo di Lauro

Aree naturali protette:
Parco regionale del Partenio

Comune di Mercogliano
Via Roma 5 - Mercogliano (AV)
Tel. +39 0825 689828

IN AUTO

  • Da Napoli: prendere l'Autostrada A16 per Bari, uscire ad Avellino Ovest, allo stop girare a destra seguendo le indicazioni per Mercogliano.
  • Da Roma: prendere l'Autostrada A1 Roma-Napoli, preseguendo fino all'Autostrada A30 Caserta-Salerno e percorrerla per 20 km circa, svoltare per l'Autostrada A16 Napoli-Canosa proseguire fino all'uscita di Avellino Ovest, allo stop girare a destra seguendo le indicazioni per Mercogliano.
  • Da Benevento: Immettersi sulla SS per Tufara Valle, seguire indicazioni per Roccabascerana, Pietrastornina, Sant'Angelo a Scala, Summonte e poi per Mercogliano.
  • Da Caserta: Immettersi sulla SS per Maddaloni, poi attraversare i comuni di Arpaia, Montesarchio, San Martino Valle Caudina, Roccabascerana, Pietrastornina, Sant'Angelo a Scala, Summonte e poi si giunge a Mercogliano.

IN TRENO

  • Stazione Ferroviaria di Avellino

IN AEREO

  • Aeroporto di Napoli 
  • Aeroporto di Roma Fiumicino 
  • Aeroporto di Roma Ciampino

Dormire, mangiare, comprare...

Cooperativa Agricola Molara
La Cooperativa Agricola Molara dal 1972 produce e commercializza latte e derivati, come il celebr...
Via Toppo dell’Anno, Zungoli (Avellino)
45.46 Chilometri da Mercogliano
Capitalhouse Mercogliano
Via A. Ramiro Marconi, 24 - 83013, Mercogliano

Eventi

martedì
2
febbraio, 2021

Festa della Candelora a Montevergine

domenica
14
febbraio, 2021

San Modestino, San Fiorentino, San Flaviano

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950