All'inizio della spiaggia a sud di Vieste si erge, quasi a guardia del borgo, un monolite chiamato Pizzomunno, che è il simbolo stesso della Perla del Gargano.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Vieste

Una pietra bianca nel ventre blu
Leggi di più

Borgo di Vieste
Comune di Vieste
Provincia di Foggia
Regione Puglia

Abitanti: 13.975
Altitudine centro: 43 m s.l.m.

il Comune fa parte di
Borghi Autentici d'Italia
Città dell'Olio

Aree naturali protette:
Parco Nazionale del Gargano

Comune di Vieste
Corso L. Fazzini, 29 - Vieste (FG)
tel: 0884712211

Vieste (Vìst in dialetto viestano), "La Perla del Gargano", è il borgo più orientale del promontorio omonimo. La particolare dislocazione urbanistica di Vieste è legata alla natura carsica del Promontorio Garganico, caratterizzato da strati rocciosi spesso erosi dall'azione marina. Il nucleo dell'abitato sorge infatti su una piccola penisola rocciosa, dalla forma più o meno simmetrica, caratteristica per le sue tre baie separate da due punte: Punta di San Francesco, rivolta verso est, e Punta di Santa Croce, rivolta invece a nord.

La prima, ripida, rialzata e aspramente rocciosa: è qui che si ritrova il centro medievale, dato che questa parte della penisola offriva i migliori requisiti di sicurezza. In questa parte, ricca di vicoli, scalinate ed archi, si ritrova la maggior parte dei più prestigiosi edifici storici (Chiesa di San Francesco, cattedrale).
La seconda, invece, più bassa, ha cominciato ad espandersi soltanto verso l'Ottocento. È da questa parte che si ritrova il porto di Vieste, tutt'oggi importante per le attività peschiere e per il traffico marittimo verso le Isole Tremiti, la Croazia e verso Manfredonia.

I numerosi siti archeologici e i reperti ritrovati in diverse aree nei pressi dell'abitato attestano il popolamento del territorio di Vieste sin dal Paleolitico. Sicuramente questo fu dovuto al clima mite, alle diverse sorgenti di acqua potabile, al terreno fecondo con abbondanza di frutta, alla varietà di selvaggina sia stanziale che migratoria e alla ricchezza di pesci nelle diverse insenature lungo la costa.

Tra le costruzioni principali, come in altre città pugliese, si ricordano innanzitutto la Basilica Cattedrale romanica e il Castello, entrambi oggetto delle cure di Federico II di Svevia dopo che i veneziani avevano arrecato grande danno alla cittadina. Nei pressi di queste costruzioni si trova la Porta ad Alt, caratteristica per l'arco acuto.
Costituiva l'ingresso principale della città. All'inizio della spiaggia detta del Castello, ovvero quella a sud del centro abitato, si erge, quasi a guardia di Vieste, un monolite alto circa 25 metri chiamato Pizzomunno, che è il simbolo stesso della cittadina garganica.

Lungo la costa è possibile ammirare alcuni trabucchi, antiche installazioni da pesca provviste di lunghi bracci in legno che sostengono una rete. È questo uno degli elementi storici che distinguono la zona garganica rispetto al resto della Puglia. La festa di S. Maria di Merino, il 9 maggio è una delle più importanti ricorrenze nel panorama locale. Tra i più caratteristici prodotti culinari si ricordano le melanzane ripiene, la zuppa di pesce (ciambott), i k'lustr (dolci natalizi fritti e ricoperti di miele e mandorle), i calzungidd (dolci ripieni di pasta di ceci e cacao), i castaggnedd (biscotti con mandorle e cacao), i mustazzul (biscotti con vino cotto e chiodi di garofano), i taradd nglppet (biscotti con glassa di zucchero), la marmellata di ceci, le pettole, i troccoli, i pomodori secchi sott'olio, le orecchiette alle cime di rape ed i taralli al finocchio e al vino bianco.
Anche i formaggi tradizionali locali sono molto apprezzati, soprattutto le varietà prodotte con latte di mucca podolica (caciocavallo) e capra garganica (cacioricotta caprino).
La risorsa dell'agricoltura è strettamente legata alla coltivazione dell'ulivo; Ogliarola Garganica, Leccino e Coratina le più diffuse cultivar di olivo coltivate. Oltre all'olio di oliva, tra i maggiori prodotti agricoli si contano l'origano ed i pomodori viestani (varietà a forma di uovo, meno lunga rispetto a quella di San Marzano). Di grande qualità anche la scelta di pesci e frutti di mare. 

I dintorni di Vieste si distinguono per la presenza di diverse attrattive turistiche di enorme interesse geografico e storico. Vieste è sempre stata un punto di riferimento di primo piano per partenza ed arrivo alle Isole Tremiti, situate poco lontano a nord della costa. Vale esattamente lo stesso discorso per la Foresta Umbra, che costituisce un patrimonio biologico inestimabile per l'Italia del Sud. La necropoli paleocristiana La Salata, situata ad est della cittadina, è una delle più antiche e caratteristiche del bacino mediterraneo. Il santuario di Santa Maria di Merino, situato poco lontano.
Le grotte scavate dal mare nella roccia calcarea del Gargano, che ha generato delle cavità e formazioni rocciose dalle forme più svariate e bizzarre. Ne è un esempio particolare il Pizzomunno. Lo stesso discorso vale per l'Arco di San Felice, scavato dall'erosione presso la strada per Pugnochiuso a sud di Vieste. Le grotte sono il risultato di fenomeni carsici, ma anche l'azione corrosiva di acqua marina e vento ha dato un contributo importante. Tra le grotte si ricordano la grotta sfondata, quella due Occhi, la grotta Rotonda, dei Pipistrelli, del Serpente, la Viola e la Smeralda.

Vieste è sul numero 3 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Video di CLAUDIO MORTINI

Altre destinazioni nelle vicinanze

Peschici
Peschici
Peschici, suggestivo borgo marinaro facente parte del Parco Nazionale del Gargano, è una meta gradita dai turisti in vacanza sul Gargano.
Foggia - 15.29 KM da Vieste
Vico del Gargano
Vico del Gargano
Vico del Gargano è definito il paese dell'amore e il suo centro storico è tra i meglio conservati del promontorio
Foggia - 18.27 KM da Vieste
Rodi Garganico
Rodi Garganico
Rodi Garganico, definito il “Giardino del Gargano”, si caratterizza per la sua estensione e per essere un paesaggio assai variegato.
Foggia - 24.7 KM da Vieste
Monte Sant'Angelo
Monte Sant'Angelo
Monte Sant’Angelo, sede del Parco Nazionale del Gargano, è considerata la città sacra del Gargano.
Foggia - 26.23 KM da Vieste
Carpino
Carpino
Carpino, noto per la produzione di olio e fave, è considerato uno dei borghi più caratteristici del Parco Nazionale del Gargano.
Foggia - 26.89 KM da Vieste
Cagnano Varano
Cagnano Varano
Cagnano Varano, nel Parco Nazionale del Gargano, è nota per la famosa Grotta di San Michele.
Foggia - 33.96 KM da Vieste

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Un paesaggio di ispirazione per uno dei personaggi più significativi e importanti del periodo fascista: Carlo Levi.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di