II centro storico del borgo di Specchia, in Puglia, è considerato fra i più belli del Salento.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Specchia

Il cuore antico del Salento
Leggi di più

Borgo di Specchia
Comune di Specchia

Provincia di Lecce
Regione Puglia

Abitanti: 4.780
Altitudine centro: 131 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Unione Terra di Leuca bis

Comune di Specchia
Via San Giovanni Bosco 6 - Specchia (LE)
Tel. +39 0833 536293

Il borgo di Specchia deve il suo nome al cumulo di pietre a secco che i Messapi utilizzavano come opere di difesa e postazioni di vedetta. Nel Medioevo, Specchia era chiamata Speda de Amygdalis e nel corso dei secoli è stata chiamata anche Specchia Mendolia. Il nome indica che in passato la zona di Specchia era ricchissima di alberi di mandorlo. Un mandorlo che cresce su un cumulo di pietra è rappresentato infatti anche sullo stemma civico del paese. Secondo la leggenda Specchia è stata fondata dalla matrona romana Lucrezia Amendolara, alla quale è dedicata la via principale del paese. Il nome completo era però "Specchia Preti", ma dopo l'Unità d'Italia si sente l'esigenza di cancellare l'appellativo "Preti" e il Re Vittorio Emanuele II accoglie la richiesta del Comune in data 28 febbraio 1873.

Le prime notizie sull'esistenza del borgo di Specchia risalgono all'XI secolo, quando, molto probabilmente, un piccolo nucleo di contadini e pastori, per ripararsi dalle frequenti scorrerie saracene, ha occupato questo colle abbastanza elevato e lontano dal mare. Il nucleo di persone che aveva qui trovato facile rifugio si ingrandiva sempre più, con l'aggiunta di nuovi fuggiaschi. La collina cominciò ad essere cinta di grandi muraglie, torrioni e altre opere militari, di cui non è rimasto più nulla. A ricordo delle mura sono rimaste solo due strade: Mura di Ponente e Mura di Levante. Delle torri quattrocentesche ne restano ancora due anche se sono inglobate in costruzioni successive.

II centro storico è l'espressione più alta della vita e della storia di una popolazione, e quello di Specchia è considerato fra i più belli del Salento. Rivela ancora oggi un impianto medievale ed è racchiuso in un perimetro circolare della lunghezza di 700 metri corrispondente al perimetro delle antiche mura. Intorno al primitivo nucleo, costituito dal castello, si costruì lentamente una serie di case e di strade, mano a mano che la popolazione aumentava. La parte più suggestiva è quella collocata alle spalle del castello. Qui la natura scoscesa del luogo ha trasformato le strade in scalinate creando un gioco prospettico ed una scenografia difficilmente riscontrabile nel resto del Salento. Dappertutto si incontrano strade brevi e strette che, qualche volta, svelano scorci della pianura sottostante e, altre volte, terminano in vicoli o si aprono su corti, quasi delle piccole piazze, con la pila in pietra leccese per lavare i panni, la cisterna comune e i fiori coltivati. Queste corti rappresentano gli antichi salotti del popolo, che trascorreva all'aperto buona parte della giornata e entrava in casa solo per mangiare e dormire.

Ma il centro storico di Specchia non nasconde suggestioni ad ogni angolo di strada, ma anche sotto di essi. Meritano indubbiamente una visita i frantoi ipogei. Risalgono ad un periodo compreso fra il 1500 e il 1800. Vennero realizzati sottoterra per due motivi: la semplicità di escavazione rendeva più conveniente lo scavo anziché l'edificazione in superficie; inoltre era più facile mantenere la temperatura costante sui 20 gradi centigradi circa: temperatura ottimale per la separazione della cosiddetta santina dall'olio vero e proprio. Un ulteriore accorgimento era quello di posizionare l'imboccatura del frantoio a sud per meglio difendersi dai venti di tramontana. La storia narra che durante il Regno di Napoli, il Salento avesse il primato nella produzione dell'olio, infatti il Capo di Leuca è ricco di queste strutture architettoniche ora abbandonate. I frantoi erano la fondamentale risorsa economica di questa terra.

Video di Hlias

Altre destinazioni nelle vicinanze

Montesano Salentino
Montesano Salentino
Montesano è un borgo situato in una zona del basso Salento e si caratterizza da sempre per la presenza sul suo territorio di laboratori artigianali
Lecce - 4.24 KM da Specchia
Tricase
Tricase
Il borgo di Tricase si trova sul Capo di Leuca, in Puglia.
Lecce - 5.04 KM da Specchia
Presicce
Presicce
Presicce, situato nel basso Salento, si ammira il mosaico di chiese e palazzi signorili che impreziosiscono il centro storico
Lecce - 5.44 KM da Specchia
Alessano
Alessano
Alessano è un borgo piccolo e grazioso, tutto da scoprire, situato nel cuore del Capo di Leuca
Lecce - 8.41 KM da Specchia
Morciano di Leuca
Morciano di Leuca
Morciano di Leuca sorge a tre chilometri da Torre Vado, ai piedi della Serra Falitte che la divide dalla sua frazione Barbarano.
Lecce - 10.45 KM da Specchia
Patù
Patù
All'estremo lembo d'Italia, nel Capo di Leuca, Patù sorge sul dosso di un declivio tufaceo dolcemente inclinato a sud ovest, a 123 metri sul livello del mare.
Lecce - 11.45 KM da Specchia

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di